Google+

Hannah Arendt e la pluralità come risorsa contro il male

gennaio 13, 2013 Laura Borselli

Il saggio di Torresetti ripercorre il vissuto tormentato e giudicato della Arendt da cui nasce l’insistenza sul valore dei fatti. La mancanza di attenzione «consente la formazione e la diffusione del male»

Nel 1961 Hannah Arendt assisteva, per conto di un giornale newyorkese, al processo ad Adolf Eichmann, l’ufficiale delle SS che si occupò di distribuire logisticamente gli ebrei nei diversi campi di concentramento. È in quell’occasione che la Arendt approda al famoso concetto di “banalità del male”. Un male, come scrive Giorgio Torresetti (La legge della terra in Hannah Arendt, Giappichelli editore, 249 pagine, 25 euro) che «si afferma in modo pervasivo e devastante non perché sia particolarmente radicato e profondo, anzi, proprio perché non ha affatto radici, è solo superficiale, è del tutto privo di spessore e consistenza, si forma e si diffonde nel vuoto, per una mera dinamica ripetitiva di luoghi comuni, come un’onda che proviene da una massa indistinta nella quale si è immersi, la cui caratteristica più rilevante è l’assenza di pensiero».

È da quel concetto generato da un vissuto tormentato e giudicato che nasce l’insistenza sul valore dei fatti da parte della Arendt. E definirla filosofa o pensatrice appare inevitabilmente riduttivo, quando non addirittura scorretto, se si considera che una delle cifre del suo lavoro fu proprio il rifiuto e la critica della filosofia. I fatti, scrive ancora Giorgio Torresetti, «con il loro semplice accadere, avanzano una continua pretesa di attenzione e riflessione nei confronti del pensiero». Quella mancanza di attenzione è ciò che «consente la formazione e la diffusione del male in modo tanto inavvertito quanto pervasivo».
La Hannah Arendt che critica ferocemente la filosofia è quella che, da giovane universitaria, vede tanti maestri (lo stesso Heidegger) coinvolgersi, anche se marginalmente, col nazismo. Quello fu per lei il segno che quel mondo intellettuale aveva fallito. E con esso falliva una filosofia in cui i fatti fossero ostaggi del pensiero e un’impostazione intellettuale che anteponesse non solo il pensiero ai fatti ma anche l’Uomo agli uomini. È questa la pluralità, che la stessa Arendt definisce legge della terra, e che Giorgio Torresetti usa come chiave riassuntiva del suo pensiero. «In altre parole – scrive Hannah Arendt ne La vita della mente – nulla di ciò che è, nella misura in cui appare, esiste al singolare: tutto ciò che è, è fatto per essere percepito da qualcuno. Non l’Uomo, ma gli uomini abitano questo pianeta. La pluralità è la legge della terra».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi