Google+

Guns N’ Roses, c’eravamo tanto odiati (e continuiamo a farlo)

giugno 6, 2012 Elisabetta Longo

Le dinamiche sociali di un gruppo musicale sono spesso incomprensibili. Il cantante e il primo chitarrista saranno sempre in lotta per conquistare il titolo di trascinatore di folle sotto il palco, anche a costo di apparire ridicoli. È il caso di Axl Rose e Slash, i pilastri portanti dei Guns N’ Roses che furono. Il gruppo […]

Le dinamiche sociali di un gruppo musicale sono spesso incomprensibili. Il cantante e il primo chitarrista saranno sempre in lotta per conquistare il titolo di trascinatore di folle sotto il palco, anche a costo di apparire ridicoli. È il caso di Axl Rose e Slash, i pilastri portanti dei Guns N’ Roses che furono. Il gruppo storico del rock anni Novanta americano si è sciolto proprio per le liti tra i due, che continuano ancora oggi e che rendono impossibile qualsiasi ipotesi di reunion. L’uscita dell’album Chinese Democracy, nel 2008, dopo “soli” dieci anni di gestazione, aveva fatto ben sperare, ma tutto è svanito nel nulla. Axl ha infatti deciso di tenere il nome della gruppo e andare in tour con un’altra formazione, senza timore di mostrarsi fuori forma. Slash invece, sicuro della sua chitarra, fa concerti da tutto esaurito e non ci pensa nemmeno a rimpiangere i Guns.

Il settimanale inglese Nme ha raccontato un curioso episodio accaduto lo scorso 31 maggio durante un concerto dei Guns. Qualche ragazzo non indossava la maglietta,ma soltanto una giacca. Come mai? Ecco la risposta della security: «Ci è stato dato l’ordine di non permettere a nessuno di entrare nell’O2 Arena con la maglietta di Slash addosso». Altro che libertà religiosa. Del resto Axl non è nuovo a questi dettami e anche nel 2010 aveva dato istruzioni in merito. Cari fan italiani, adesso sapete cosa non indossare al prossimo concerto italiano dei Guns, il prossimo 22 giugno a Milano.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana