Google+

E dire che ci avevano promesso una giustizia “all’americana”. Il fallimento del processo penale

luglio 23, 2015 Maurizio Tortorella

Indagini mostruose e prive di controllo legale. Nessun equilibrio tra accusa e difesa. Faldoni passati ai giornali. Anche i riti alternativi sono un flop

Pubblichiamo la rubrica di Maurizio Tortorella contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Forse, dall’alto di un quarto di secolo di sperimentazione, è venuto il momento di dire che il “nuovo” processo penale italiano è stato un clamoroso fallimento. Chi c’era si ricorda bene quanto veniva gridato ai quattro venti nell’ottobre 1989, quando (evviva!) entrò in vigore la riforma del codice di procedura. Si diceva: ora basta con la prevalenza dell’accusa, finalmente avremo processi equilibrati, “all’americana”, meglio ancora “alla Perry Mason”.

Si inneggiava: i riti alternativi faranno presto breccia e ridurranno l’intollerabile carico dei processi. Si assicurava: finiamola con l’inutile diarchia tra giudice istruttore e pubblico ministero, ora le indagini preliminari concederanno al pm, finalmente libero di agire entro regole severe e continui controlli del gip (il mitico giudice per le indagini preliminari), un tempo ragionevole per indagare; comunque dopo un massimo di due anni tutto finirà sul tavolo di un giudice terzo, che eviterà abusi, eccessi, lungaggini. In un’orgia di ottimismo positivistico, pareva a tutti che la rinnovata dialettica tra accusa e difesa avrebbe schiuso le porte a un’era di perfetta giustizia.

Ebbene, quasi 25 anni dopo si può dire che purtroppo non è stato così. Le indagini preliminari sono spesso una mostruosa macchina da guerra, priva di un controllo legale, se non addirittura di quello democratico. Troppi gip firmano automaticamente e a raffica i prolungamenti delle indagini (tant’è che il 65 per cento delle prescrizioni avviene in questa fase) e non hanno un potere effettivo né sulla registrazione dei reati, né sulle inchieste che ne derivano: possono respingere un’archiviazione, per esempio, ma non imporre al pm la chiusura di un’indagine sballata.

I faldoni girati ai giornali
Quanto all’equilibrio tra accusa e difesa, be’, resta un’utopia. Basti pensare che il 73 per cento dei penalisti si dice convinto che le procure intercettino e trascrivano perfino le telefonate tra indagato e difensore, rigidamente proibite per legge. Non parliamo poi degli effetti mediatici del nostro “processo all’americana”: alla fine delle indagini preliminari il pm, dotato di ultrapoteri e incontrollato, passa ai giornali faldoni carichi di intercettazioni e interrogatori, e di prove a senso unico che ogni volta vengono assunte quali verità assolute. Il processo “vero”, quello che fa più male all’imputato anche quando è innocente, di solito finisce a quel punto. Alla faccia della parità con il povero avvocato, disarmato e silenziato. E Perry Mason? È ancora lì che osserva e se la ride.

Ma anche i riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato, processo immediato e direttissimo) non sono mai decollati e purtroppo servono a molto poco. Si calcola che chiudano meno del 10 per cento dei 2 milioni di procedimenti aperti ogni anno. Oggi il governo Renzi pensa di reintrodurre il patteggiamento anche in appello, dimenticando che quel sistema dette vita a clamorose incongruenze nell’equità della pena (nel caso di Ruggero Jucker, l’omicida milanese, nel 2005 servì a dimezzargli la condanna da 30 a 16 anni di reclusione). L’idea, per ora ventilata, dimostra una volta di più che il legislatore non agisce in base a criteri logici né basandosi sulla sperimentazione, ma da troppo tempo improvvisa.

Per questo in campo penale si continuano a produrre false riforme, da infilare sulle lance dell’opinione pubblica: pene più severe, prescrizione allungata, nuovi reati. Ogni volta è un inutile bla-bla. In realtà, un governo o un Parlamento che volessero governare davvero e con coraggio la giustizia penale dovrebbero prendere il “nuovo” codice di procedura del 1989 e… fare un ’48. Ma con questi ritmi, con questi governi, e con questi Parlamenti, ci vorrà ancora un secolo.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Mamifacciailpiacere scrive:

    Cosa aggiungere ? Che dagli americani non c’è proprio nulla da imparare, e tantomeno dalla loro “giustizia”,
    Però i fil m con perry mason erano divertenti, questo va detto.

  2. recarlos79 scrive:

    l’unica soluzione è rifare la magistratura. altro che costituzione più bella del mondo. la più imbrogliona del mondo che mantiene le corporazioni a scapito dei cittadini.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana