Google+

Un giro all’expo dell’utero in affitto

settembre 30, 2016 Stephanie Raeymaekers

Una delle prime figlie dell’eterologa alla fiera della maternità surrogata organizzata in Belgio per “uomini che vogliono avere dei bambini”.

men-having-babies

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – L’autrice di questo articolo e della fotografia che vedete in pagina, è una delle prime persone concepite con l’aiuto di un donatore di sperma anonimo. Ci aveva già raccontato la sua storia qui.

Per la seconda volta la fiera americana dell’utero in affitto organizzata da “Men Having Babies” è approdata sul suolo belga. Questa volta ha avuto luogo in una sede di alto livello: il salone dell’Hotel Hilton a Bruxelles è diventato il palcoscenico dove sono stati accolti 220 potenziali clienti di 12 paesi europei.

Come l’anno scorso, io ero presente. Io, cioè la prima bambina semi-biologica prodotta per adulti della mia generazione. Quando i medici specializzati in tecniche riproduttive hanno scoperto che i metodi usati per i maiali potevano essere utili anche per le coppie eterosessuali sterili, è cominciato un business molto redditizio. Le tecniche riproduttive sono migliorate e non molto tempo dopo hanno raggiunto nuovi destinatari: donne single e coppie lesbiche.

Descrivendo la mancanza di figli non voluta come un’ingiustizia discriminatoria, diverse comunità Lgbt hanno insistito perché anche uomini gay e donne transgender potessero avere figli biologici. «Perché la natura è così omofoba» (citazione di un aspirante genitore).

Domenica c’era praticamente di tutto in vendita: interpreti linguistici, gadget, listini prezzi, formule diversificate, cose da fare e da non fare, ma anche discorsi promozionali capaci di andare dritti al cuore e al portafogli, tenuti da compagnie in grado di connettere direttamente chiunque con ovuli, utero in affitto e agenzie legali per «trasformare ogni sogno in realtà». Gli avvocati squadernavano metaforicamente la road map per aggirare le leggi e portare «legalmente» nel proprio paese i bambini acquistati.

Quest’anno Men Having Babies ha anche presentato una «cornice etica» per convincere gli oppositori delle loro intenzioni oneste e sincere. Si sono spacciati per organizzazione non-profit che mira a fornire agli uomini gay strumenti e mezzi per perseguire il loro diritto a una famiglia biologica. Il fatto che i loro sponsor principali, guarda caso, siano quei centri di fertilità e studi legali che vengono consigliati ai 220 clienti non costituisce evidentemente per loro un conflitto di interessi.

L’utero in affitto è stato descritto come «l’atto di una donna, altruistico per natura, che porta in grembo un bambino per un altro individuo, o coppia, con l’intento di consegnare il bambino agli aspiranti genitori alla nascita». Personalmente io lo descriverei come l’appalto a terzi di una gravidanza personalizzata che miri al commercio/adozione di un bambino concepito tramite donatore e ordinato attraverso il pagamento di una parcella (molto onerosa). È stata inaugurata una nuova terminologia per descrivere la transazione o l’atto nel modo più affaristico possibile: la madre surrogata è stata chiamata «portatrice», la donatrice di ovuli «donatrice di materiale genetico». Molte agenzie offrivano anche opzioni “soddisfatti o rimborsati” (non è uno scherzo) e “pacchetti con cicli multipli”.

Adozione? Meglio la surrogata
Più di una volta hanno sconsigliato l’adozione perché al giorno d’oggi non ci sono molti bambini piccoli da adottare e la probabilità che la madre decida di tenersi il “suo” bambino è un rischio troppo alto da correre. L’utero in affitto, invece, costituisce la salvezza. È stato fortemente consigliato l’utilizzo di ovuli di donne diverse dalla madre surrogata, perché così è più facile che la madre gestante consegni il bambino. Ma il contratto di 50 pagine è vincolante e ti dà la garanzia che potrai portati via il bambino una volta venuto alla luce. Il contratto permette anche di interrompere i pagamenti qualora la surrogata non rispetti i termini. Non posso non ricordare che molti contratti hanno una clausola di riservatezza: questa proibisce alle donne di parlare pubblicamente di qualsiasi abuso possano subire durante il processo.

Molto tempo e attenzione sono stati dedicati a rassicurare i clienti che i bambini verranno concepiti sani per quanto possibile. La selezione del genere del bambino è inclusa in questo «servizio». Sono rimasta costernata quando un dottore specializzato in tecniche riproduttive ha chiesto alla platea chi avrebbe scelto di abortire un bambino nel caso presentasse un difetto. La maggior parte delle mani si è alzata in aria. Per la cronaca: anche l’aborto può essere incluso come obbligatorio nel contratto.
A parte la retorica del “voglio un figlio il più sano e perfetto possibile”, il benessere del bambino era un argomento – come accade in Belgio – solo in caso di incertezza legale causata dal conflitto tra la discendenza biologica e il tentativo di reclamare la genitorialità legale. Solo due volte, e molto brevemente, alla fiera dell’utero in affitto sono stati menzionati gli interessi del bambino per quanto riguarda la sua origine e il suo diritto all’identità. Ma sono stati subito contrapposti ad argomenti pratici ed economici.

È tutto già in commercio
È impressionante e davvero ipocrita constatare il fatto che per la seconda volta in due anni alcuni politici belgi abbiano cercato la ribalta mediatica esprimendo il loro personale disgusto a proposito di questo evento. Ma intanto si rifiutano di vedere che simili pratiche avvengono comunque lontano dai riflettori: a quanto pare una cosa è etica quando i prezzi sono abbordabili, la trasparenza non è richiesta e non vengono distribuite brochure accattivanti.

Un esperto di bioetica una volta mi ha detto che qualcosa non è etico quando le azioni di qualcuno danneggiano un altro. Creare intenzionalmente esseri umani e privarli non solo delle loro informazioni vitali e fondamentali circa se stessi, ma anche di rapporti significativi con le loro famiglie biologiche, è secondo me l’unica cornice etica che deve essere considerata quando si pensa se permettere l’utero in affitto o l’inseminazione artificiale.

Disgustati dall’evento americano, è tempo di riflettere e di rendersi conto che da decenni stiamo violando i diritti umani in casa nostra, avendo permesso la commercializzazione di una genitorialità alternativa a spese di coloro che sono stati concepiti solo per soddisfare il desiderio personale di un adulto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

10 Commenti

  1. andrea udt scrive:

    MHB, men having babie recita il cartellone pubblicitario nella foto.

    Ma il dato reale è che THEY DO NOT!

    Come (two) WOMEN DO NOT.

    Basterebbe ripartire da li nel dibattito. Lasciar perdere le psicocazzate dei concepimenti psichici, le funzioni genitoriali, ripartire dal solido dato reale e quindi scientifico.

    E ripartire dal punto di vista del minore, OGGETTO e non soggetto della fiera. OGGETTO del CONTRATTO, con tanto di asterischi e clausole rescissorie (rescissorie anche della vita volendo)

    Perché quello che si fa, quello che si è spinti a fare pur per una umana ferita (impossibilità di aver figli) al di là della oleosa patina politicamente corretta è ben descritto nell’articolo e chi scrive da cosa significa avere parte delle proprie radici identitarie negate per contratto fra adulti.

    THEY (two women or two man) DO NOT. E’ non è un fatto in discussione.

    • Eremita scrive:

      They do not?
      Allora si prepari alla lenzuolata sul “dogma”.

      • Miranda Tamagnini scrive:

        Ma perche’ il vaticano non interviene? E sull’eutanasia del bambino nessuno parla?
        C’e’ solo il Cardinal Bagnasco che parla dell’uomo? Corinna

        • Menelik scrive:

          Eh…domanda da 1000 dollari.
          Il Vaticano è intervenuto anche debolmente sul genocidio di Cristiani e altri giù in Medioriente.
          A questo aggiungi l’azione storpiante dei giornalisti sulle parole del Papa, che si arrampicano sugli specchi per mettergli in bocca quello che loro vorrebbero che lui dicesse, e che non ha detto, o l’ha detto in ben altro contesto e con diverso significato, come il “chi sono io per giudicare”…ci hanno fatto anche temi di scuola staccando quella frase dal suo contesto e attribuendogli un significato che non aveva.
          Penso che Voityla era un Papa con l’animo di un generale.
          Era un osso duro, uno che avercelo di fronte in un contesto di opposizione diretta era in grado di dare più di qualche grattacapo a chi lo doveva fronteggiare.
          Poi è seguito un insigne teologo, ma non è sufficiente per guidare il Cristianesimo attaccato ovunque.
          Francesco-Bergoglio…la storia ce lo dirà. Per ora l’importante è che sia astuto e “navigato” per poter dirigere il Cristianesimo in un mondo di squali.
          Secondo me il Papa ha da avere molto più dello stratega che del teologo.

        • felpa scrive:

          Il solito, o la solita, che non ascolta mai niente e nessuno, ma in compenso vorrebbe sostituirsi a tutti i vescovi e a tutti i dicasteri. Come se aspettassero solo lei/lui e non esistesse uno Spirito Santo che comunque guida.

          • uber scrive:

            Tanto più il giorno stesso in cui il Papa sta condannando il gender durante la visita in Georgia.

    • MicheleL scrive:

      V. Sezione Facebook (problemi tecnici). Cercherò di rispondere qui.

  2. David scrive:

    Al confronto Hitler era un ingenuo…

  3. gabriele scrive:

    Tra l’altro, a voler essere un po’ stronzi, verrebbe da far notare che oggi in Italia è ancora valido l’articolo 12, comma 6 della legge 40/2004, che così recita: Chiunque in qualsiasi forma, realizza, organizza, pubblicizza la commercializzazione di gameti o di embrioni o la surrogazione di maternità è punito con la reclusione da tre mesi a due anni e con la multa da 600.000 a un milione di euro»

    (Nichi,ci siamo intesi).

    Si troverà un giudice che si appelli all’obligatorietà dell’azione penale’o se ne ricorderà solo per colpire Berlusconi

    • Sebastiano scrive:

      Gabriele, guarda che hanno “la scappatoia”, in pieno stile alla azzeccagarbugli:
      1) “il reato non è commesso in italia e quindi non è punibile” (e infatti, pur riconoscendolo come tale, si guardano bene dal dichiararlo reato internazionale);
      2) passato un congruo lasso di tempo, si sentenzierà che “nel superiore interesse del bambino ecc. ecc.”, realizzando perfettamente la stepchild adoption (e non a caso non si sente più in merito neanche un refolino, hanno capito tutti che non c’è bisogno di leggi, ci pensano i magistrati a costruirle con la giurisprudenza creativa).

      Solo l’imbecillità politica di Udc & company, che dichiararono trionfanti “abbiamo fermato la stepchild”, poteva non accorgersi che, per salvare la poltrona, hanno abbassato i pantaloni.
      Arriverà, il 4 dicembre arriverà anche per loro.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 2018, come eravamo proviene da RED Live.

Sono universali, adatti alla guida d’estate e al tempo stesso a norma di legge ed efficaci anche d’inverno. Ecco quali sono, quanto costano e che vantaggi promettono i migliori pneumatici all season.

L'articolo Pneumatici quattro stagioni, la guida all’acquisto proviene da RED Live.

Dal 15 novembre è obbligatorio adottare pneumatici specifici per la stagione fredda. Ecco tutto quello che c'è da sapere per viaggiare in sicurezza e scegliere tra modelli invernali, quattro stagioni o chiodati.

L'articolo Pneumatici invernali, dieci cose da sapere proviene da RED Live.

COSA: RED HOOK CRIT, a Milano l’ultimo atto DOVE E QUANDO: Milano, 14 ottobre  Dopo Brooklyn, Londra e Barcellona il campionato di bici a scatto fisso su strada approda a Milano, in via Lambruschini (zona Bovisa) per l’ultima, avvincente tappa. Red Hook Criterium propone una formula unica, mettendo su strada le biciclette a scatto fisso che […]

L'articolo RED Weekend 13-15 ottobre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Da 0 a 400 a 0 km/h in meno di 42 secondi. Ecco il nuovo record fatto registrare dalla hypercar Bugatti Chiron. Un primato d’accelerazione e frenata realizzato con al volante l’ex pilota di Formula 1 Juan Pablo Montoya. Mai nessuna vettura di serie aveva avvicinato una simile prestazione, ottenuta grazie a una potenza massima […]

L'articolo Bugatti Chiron: start e stop da record proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download