Google+

Genova espone la bandiera arcobaleno contro le Sentinelle in piedi. Cosa succederà domani con la legge sull’omofobia?

aprile 2, 2014 Sentinelle in piedi

Milleseicento Sentinelle in Piedi in piazza in due giorni. Sabato la prima veglia a Roma in piazza del Pantheon. Cosa è successo a Perugia e Genova

Cinquecento veglianti a Genova, 300 a Perugia e Torino, 120 a Varese, 70 a Como, 30 a Biella e 200 a Casalmaggiore. Sono 1600 le Sentinelle in Piedi che anche lo scorso week end hanno vegliato in 7 piazze italiane per chiedere la tutela della libertà di espressione messa discussione dal Ddl Scalfarotto, già approvato dalla Camera e ora in discussione al Senato.

Un testo menzognero: presentato come necessario per fermare atti di violenza nei confronti di persone con tendenze omosessuali, il provvedimento è incostituzionale in quanto non specifica cosa si intenda per omofobia e dunque potrebbe essere denunciato, e rischiare fino a un anno e mezzo di carcere, chiunque si dica contrario alle adozioni da parte di coppie formate da persone dello stesso sesso o sostenga che la famiglia sia fondata sull’unione tra un uomo e una donna.

Come è accaduto altre volte anche lo scorso fine settimana, durante le nostre veglie sono state organizzate delle contromanifestazioni. Particolarmente dura quelle di Perugia in cui un gruppo di contestatori ha aggredito verbalmente le Sentinelle in Piedi con insulti e offese. Un’aggressività cui abbiamo risposto con la nostra arma più potente: il silenzio. Nonostante le ingiurie infatti non c’è astio da parte nostra, ma se possibile una dose ancora maggiore di amore. Sappiamo infatti bene che chi ci ha contestato così violentemente non è altro che una vittima della grande mistificazione delle politiche Lgbt. Presentandosi come paladini dell’uguaglianza, queste lobby non fanno altro che marcare le differenze, ghettizzare e portare avanti una politiche che non mira al bene reale delle persone, ma solo all’imposizione di un’ideologia. A chi ci contesta noi diciamo: aprite gli occhi, la verità la conoscete: non è la rivendicazione di presunti diritti negati a non farvi sentire discriminati, ma solo l’autentica accoglienza di chi vi considera persone, individui unici, e non una categoria in cui fare numero.

sentinelle-in-piedi-romaMolto più inquietante invece è quanto è successo a Genova, dove la Regione Liguria, in opposizione alla veglia delle Sentinelle in Piedi, ha esposto una bandiera arcobaleno. Spiega le motivazioni del gesto l’Assessore alle pari opportunità, Lorena Rambaudi che afferma di aver portato avanti l’iniziativa in segno di «rifiuto di ogni forma di discriminazione e razzismo». Ma se un rappresentante delle istituzioni del nostro paese considera la legittima opposizione a un provvedimento di legge una forma di discriminazione allora è evidente che siamo di fronte ad un attacco senza precedenti non solo alla libertà d’espressione, ma anche alla democrazia. Se oggi un assessore considera il silenzio una forma di razzismo, cosa succederà domani la legge sull’omofobia entrerà in vigore?

Per questi motivi noi non ci stanchiamo di vegliare nelle piazze e sabato saremo a Roma, in piazza del Pantheon alle 17:00.

Per amore verso tutti e contro la violenza di chi vuole metterci contro qualcun altro.

Precisiamo inoltre che, al contrario di quanto apparso su alcuni quotidiani, lo scorso week end non abbiamo organizzato alcuna veglia a Venezia e nemmeno partecipato a mobilitazioni organizzate da “Forza Nuova”. Le Sentinelle in Piedi operano nel pieno rispetto della legge e realizzano ogni veglia comunicando agli organi di polizia competenti. Non siamo un’associazione, né un partito, né un movimento, bensì una resistenza pacifica di liberi cittadini, una rete apartitica e aconfessionale. La partecipazione alle veglie è unicamente individuale, nessun partito o associazione può aderire dunque in quanto tale. Chi non accoglie questo stile e questi principi non può partecipare alle attività delle Sentinelle in Piedi e utilizzare impropriamente questo nome. Chi ha a cuore la nostra battaglia non ha esitazione alcuna a mettere da parte il proprio credo politico, associativo o religioso per affermare un diritto che riguarda tutti.

Vegliamo in silenzio oggi affinché non ci venga tolta la libertà di esprimerci domani.

Su facebook: Sentinelle in piedi

info@sentinelleinpiedi.it

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

67 Commenti

  1. Sergio S. says:

    Sabato ero alla manifestazione di Genova, un’esperienza bellissima che consiglio a tutti: il nostro silenzio fa molto rumore!

    • VivalItalia says:

      “Chi ha a cuore la nostra battaglia non ha esitazione alcuna a mettere da parte il proprio credo politico, associativo o religioso per affermare un diritto che riguarda tutti.”

      SENTINÈ..SPERO POSSIATE RIVEDÈ ER CONCETTO:

      “Chi ha a cuore la nostra battaglia non ha esitazione alcuna AD APPROFONDIRE E INCREMENTARE il proprio credo politico, associativo o religioso per affermare un diritto che riguarda tutti.”

  2. Shiva101 says:

    “Cosa succederà domani con la legge sull’omofobia?”

    Sperando che la legge venga effettivamente rinforzata rispetto a come è ora,
    accadrà che la società avrà un’occasione fondamentale per scardinare falsi stereotipi e discriminazioni.

    Così finalmente non sara piu necesario esporre bandiere arcobaleno.

    ps: ma non vi sete ancora stufati di combattere i gay? .. non avete altro da fare..

    • emanuele says:

      Lei sa che in base alla legge queste persone, che hanno manifestato in silenzio e pacificamente, verrebbero incriminate?
      Le pare giusto che uno venga incriminato per le sue idee?

  3. Francesco B says:

    E quando pregate, non siate simili agli ipocriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa.

    • ftax says:

      Ignorante. Le sentinelle in piedi non pregano: leggono e meditano.

      • Francesco B says:

        Non vai oltre il dito tu, vero?

        • beppe says:

          francesco, certo che andiamo oltre il dito, ti infiliamo avambraccio e braccio.

          • cornacchia says:

            Insomma, da un lato, sostieni un movimento che si dice contrario all’omofobia, dall’altro, non perdi occasione di disprezzare i gay e negare loro la medesima libertà d’espressione degli etero. Nonostante che siano i gay a trovarsi in una posizione di debolezza all’interno della società.

            • Giannino Stoppani says:

              Cornacchia, se magari specifichi a chi rivolgi cotanta obiezione e perché te ne sarei sommamente grato.
              L’articolo rende conto che non si tratta di una semplice contromanifestazione, seppur violentemente ingiuriosa e maleducata come tipicamente sono quelle di questi ipocriti ideologizzati che si spacciano per vittime, ma di una presa di posizione precisa da parte di un’istituzione.
              Se, ad esempio, fosse accaduto il contrario, e la bandiera del fronte della gioventù avesse sventolato da un palazzo pubblico in occasione di un gay pride, ci sarebbe stato un piagnisteo mediatico di dimensioni galattiche.
              Lo vogliamo forse negare?

            • Giannino Stoppani says:

              Ah già, scusa Cornacchia, dimenticavo di precisare che sulla base di quanto ho scritto nel commento precedente la tua asserzione secondo la quale sarebbero i gay a trovarsi “in una posizione di debolezza all’interno della società” risulta invero piuttosto risibile, almeno dal punto di vista mediatico.

              • cornacchia says:

                Se, come sostiene qualcuno, l’omosessualità è una devianza, allora il gay è un debole per definizione.
                Ma, comunque, torno a ripetere che, come non credo che la negazione del matrimonio gay sia una discriminazione, non credo nemmeno che, in Italia, un adolescente possa vivere in maniera veramente libera la propria relazione omosessuale, entro i limiti comuni. Altrimenti, non si comprenderebbero le così numerose manifestazioni di disagio e le cattiverie comunque pronunciate nei loro confronti: non possono trattarsi di mere enfatizzazioni mediatiche.

                • Giannino Stoppani says:

                  Codesto, mio caro Cornacchia, è un grave errore di impostazione: se, come sostiene qualcuno, l’omosessualità è una devianza, allora l’omosessuale è un debole per definizione, ma condivide la sua condizione di debolezza col resto dell’umanità.
                  I problemi, e grossi, nascono quando qualcuno si ritiene estraneo al peccato e dunque alla condizione di debolezza e, conseguentemente, di fratellanza con gli altri uomini.
                  Scivolando su questo piano inclinato si finisce diritti diritti nella peggiore delle dittature.
                  La storia lo ha ampiamente dimostrato nei secoli dei secoli.
                  La Chiesa non rimprovera al “gay” di essere omosessuale, ma ritiene sbagliata la sua convinzione che la pratica dell’omosessualità non sia peccato.

                  • cornacchia says:

                    Non ho capito bene.
                    A parte che io non ho parlato di peccato, ma di devianza che è un concetto psichiatrico che rivela una difficoltà al raggiungimento del proprio benessere individuale (la timidezza è una devianza), e ciò è una valutazione che non attiene minimamente a questioni etiche e giuridiche.

                    In ogni caso, il punto è che la pretesa di nascondere la diversità o di non tradurla in una relazione, per qualcuno (ripeto: per qualcuno, non per tutti), è fonte di sofferenza e, quindi, sintomo di disuguaglianza. Sarebbe come chiedere ad una persona con disturbi mentali di esprimere i propri tic o manifestazioni di disagio. Comunque, ripeto, tali pretese repressive nulla c’entrano con il benessere individuale e la protezione della persona, ma con idee autoritarie, quelle che tu vuoi saggiamente evitare.

                    • Giannino Stoppani says:

                      Qui nessuno ha parlato o intende parlare di malattie psichiatriche, le quali meritano ancor più compassione e rispetto del peccato, poiché chi ne è affetto vive una condizione di sofferenza indipendente dalla sua volontà, mentre il peccato invece è la scelta deliberata, dovuta alla debolezza umana, di disobbedire alla legge di Dio.
                      Un conto è disobbedire, per debolezza, alla legge di Dio, un altro è proclamarsi superiori ad essa.
                      Nel primo caso si merita l’accoglienza misericordiosa della Chiesa e la solidarietà umana dei credenti, nel secondo si pongono le basi per una società crudele e disumana che comincia con leggi liberticide e arriva ai campi di “rieducazione” e ai forni crematori.
                      Noi vi avvertiamo, a voi la scelta.

                    • Bifocale says:

                      Stoppani, lei ha tutta la libertà di obbedire alla ‘legge di Dio’ che più le aggrada ma non può pretendere che TUTTI (anche coloro che sono non credenti, sempre che per lei si possa avere la libertà di pensiero di non crede in Creature Onnipotenti Soprannaturali) si omologhino alle sue credenze.

                      Per quanto riguarda i campi di concentramento da lei evocati le ricordo che nei forni finirono, insieme agli abrei e rom, proprio i ‘peccatori’ omosessuali che tanto la schifano. E che non scelgono di essere quello che sono perchè l’orientamento sessuale (che fa parte della completezza dell’individiuo) non si ‘sceglie’.

                    • Giannino Stoppani says:

                      Caro il mio Bifocale, sappi Io non sono abbastanza grullo da provare schifo per alcun essere umano, perché ciò, sulla base degli insegnamenti del Signore, è sbagliato semplicemente perché contrario alla ragione.
                      Non ti sto neanche a spiegare perché, visto che, se dai miei numerosi scritti tu hai dedotto che io possa provare schifo per qualcuno, evidentemente non hai il minimo sindacale di onestà intellettuale per distinguere la verità più banale dalla menzogna più stupida.
                      Per inciso ti faccio notare anche che riportando la circostanza tragica della persecuzione degli omosessuali da parte di Hitler e di altri totalitarismi, tu non fai altro che darmi ragione: chi deride la Legge di Dio prima o dopo piange amaramente.

          • Francesco B says:

            Ma che bei pensieri che escono dal tesoro del tuo cuore!

          • Antony says:

            Bravo, se l’è cercata la tua risposta!

        • Toni says:

          Francesco B

          Intendi dire che avevi detto una cosa più profonda?

          Quella delle sentinelle è una protesta pacifica.
          Invece farisei ipocriti ostentano una falsa devozione.
          Dove vedi che regge il paragone?

          • Francesco B says:

            Toni, mi sembra che il rimprovero di Gesu verso i farisei sia sempre uno, ovvero quello di dirsi religiosi, di proclamarsi figli di Abramo, di ostentare il rispetto dei comandamenti, ma poi, in verità, fanno quello che vogliono loro. E Gesù definisce questo con la parola ipocrisia.

            Anche di fronte ai segni che compiva il Figlio, che è venuto per fare la volontà del Padre, loro non ascoltavano. Avevano ben capito chi era, ma loro non volevano fare la Sua volontà. Per questo poi lo hanno ucciso.

            E a me sembra che una parte della Chiesa vuole fare di testa propria. Non aspetta con prudenza per discernere le situazioni, non segue il papa che è il garante della direzione dello Spirito e che non sta facendo la battaglia che vedo qui e in altri siti cattolici.

    • domenico b. says:

      Francesco B, sei sempre ricco di citazioni, sia bibliche sia che riguardino affermazioni di Papa Francesco. A proposito, che ne dici delle parole del Santo Padre riguardo al matrimonio nell’udienza generale di oggi?

      • Francesco B says:

        Il matrimonio cristiano è fra un uomo e una donna. Qui niente e nessuno può confutare o cambire questo.

  4. Filomena says:

    Le sentinelle sono formate anche da tanti omosessuali, e combattono a difesa della libertà di tutti noi, contro una legge vergognosa

  5. giovanni says:

    Ma credete veramente che leggere un libro in silenzio per un’ora, è sufficiente per fermare questi invasati?

  6. giovanni says:

    Tra chi commenta, mi sembra che solo Maria Laura Ferrari ha capito quale è il nocciolo della questione.

  7. Shiva101 says:

    Si, Maria Laura Ferrari ha detto una grande verità, per una volta concordo con voi.

    Le istituzioni sono totalmente schierate:
    la Rai ha festeggiato i 60anni in Vaticano davanti al Papa, 600 deputati l’altra domenica sono andati alla messa delel 7, Napolitano e il papa sono sempre a pranzo, il ministero dell’istruzione continua ed elargire soldi a palate alle scuole private cattoliche togliendoli a quella pubblica
    e ancora una volta la chiesa viene esentata dal pagare le tasse dovute allo Stato, e molto molto altro.

    Renzi e Berlusconi stanno cercando di togliere di volta in volta ogni possibilita di scelta ai cittadini e di controllo democratico.
    Gli enormi privilegi, soldi e potere che derivano dal controllo e dal dominio sul popolo non verranno lasciati tanto facilmente.

    Finchè il potere politico, inquinato dalla destra, sarà dalla vostra parte sara molto difficile scardinare il monopolio culturale della chiesa cattolica.

    Che dire.. quando l’Italia dovrà crescere e diventare “normale” dovrà affrontare molti ostacoli.
    Quando il popolo prenderà coscienza e non vi vorrà piu si creeranno forti scontri.

    Chi vivrà vedrà.

    • Tommasodaquino says:

      già per fortuna che la sinistra non è inquinata dal potere politico…. possiamo essere speranzosi per il futuro.

    • Paolo2 says:

      Shiva hai dimenticato lo scandalo più grande; il milan è soltanto 11°.
      Se Berlusconi non si sveglia saranno davvero scontri.

    • Cisco says:

      Shiva riprenditi, fai un lungo respiro e rileggiti le corbellerie che hai scritto: Napolitano lo obbliga qualcuno ad incontrare il papa? O qualcuno è costretto sotto minaccia a partecipare a una messa invece che alla riunione dell’Arcigay? E dove pensi che si debbano celebrare i 60anni della Rai in Vaticano, davanti al Sultano del Brunei?

  8. Cisco says:

    Grazie a tutte le persone che partecipano a tutte queste iniziative. Se verranno organizzate dalle mie parti parteciperò volentieri. Se un assessore regionale si sente in dovere di esporre una bandiera arcobaleno siamo di fronte a una dittatura culturale, ma anche alla consapevolezza che la nostra piccola goccia di protesta ha la forza di scavare nella pietra del conformismo e dell’indifferenza.

  9. Anna says:

    Sabato ero a Genova. Il nostro silenzio è assordante e parla del rispetto verso chiunque e qualsiasi pensiero, ma anche della richiesta di rispetto delle nostre idee.

  10. VivalItalia says:

    “Chi ha a cuore la nostra battaglia non ha esitazione alcuna a mettere da parte il proprio credo politico, associativo o religioso per affermare un diritto che riguarda tutti.”

    SENTINÈ..SPERO POSSIATE RIVEDÈ ER CONCETTO:

    “Chi ha a cuore la nostra battaglia non ha esitazione alcuna AD APPROFONDIRE E INCREMENTARE il proprio credo politico, associativo o religioso per affermare un diritto che riguarda tutti.”

  11. Il cavaliere oscuro says:

    Ma perché ostinarsi a chiamarla legge sull’omofobia? Legge “sul liberticidio” bisognerebbe chiamarla!

  12. Enrico says:

    Grandi Sentinelle, semplicemente ESEMPLARI.

    • Polexic says:

      “il ministero dell’istruzione continua ed elargire soldi a palate alle scuole private cattoliche togliendoli a quella pubblica”
      falsità dovuta ad ignoranza della questione: i fondi alle private sono in calo da diversi anni e, ad ogni modo, la spesa che lo Stato sostiene per lo studente della scuola privata è notevolmente più bassa rispetto a quella che sostiene per lo stesso studente che frequenta una scuola pubblica (ad es. uno studente delle medie costa alle nostre casse disastrate oltre 7.000€, contro i poco più di 100€ dell’omologo privato…belandi!). Ah, come se non bastasse, non è che la nostra beneamata scuola pubblica brilli proprio per qualità della didattica…

      “e ancora una volta la chiesa viene esentata dal pagare le tasse dovute allo Stato”
      anche su questo ci sarebbe da ridire, ma purtroppo non ce n’è qui il modo e lo spazio…. in ogni caso, già per vedere la questione sotto una luce diversa, basti pensare alle migliaia e migliaia di immobili, terreni et similia che lo stato italiano ha sottratto sostanzialmente manu militari alla Chiesa Cattolica al tempo dell’unità d’Italia con la famigerata “legge delle guarentigie”… prima di tornare anche solo vicini al pari ci vogliono dei secoli….

      Leggi di Più: Genova espone bandiera arcobaleno contro Sentinelle in piedi | Tempi.it
      Follow us: @Tempi_it on Twitter | tempi.it on Facebook

      • Shiva101 says:

        “immobili, terreni et similia che lo stato italiano ha sottratto sostanzialmente manu militari alla Chiesa Cattolica”

        Quelle sono ricchezze materiali di cui voi DITE che non dovete possedere e che sono frutto di GUERRE e violenze.
        Pertanto sono blasfeme secondo la vostra dottrina e dovete ringraziare che vi siano state sottratte a forza.
        Come al solito vi dimostrate per quello che siete: una bieca forma di potere autoritario che cerca, come tutti, “”immobili, terreni et similia”.

        “anche su questo ci sarebbe da ridire, ma purtroppo non ce n’è qui il modo e lo spazio”
        lo spazio c’è, forse hai avuto un po di vergogna e questo è un bene.

        “falsità dovuta ad ignoranza […] i fondi alle private sono in calo da diversi anni”
        Come al solito quando cercate di portare le prove fate le peggiori figuracce, ed è normale visto che non, siete nel giusto, vi rimane piu facile rimanere nel vago e negli insulti.

        Governo Berlusconi:
        “95.015.850 di euro pubblici per la scuola privata”
        fonte (http://tinyurl.com/o9t624z)

        Governo Berlusconi:
        “Raddoppiati (nella notte) i finanziamenti alle scuole private. IDV: è “scandaloso”… ”
        La Gelmini prevede ed attua per il tempo che della legislatura tagli per OTTO MILIARDI di euro alla scuola pubblica. fonte (http://tinyurl.com/q7f4zvn)
        La Gelmini elargisce “245 milioni di euro alle scuole paritarie nel 2011. La cifra e’ indicata nella tabella del governo, che e’ stata presentata stamattina e che viene allegata al maxiemendamento alla legge di stabilita’.” fonte (http://tinyurl.com/nk7j7pn)

        Governo Monti
        “Legge di stabilità: tagli alla scuola pubblica”
        ma poi elargisce “265 milioni di euro alle scuole paritarie!”
        fonte (http://tinyurl.com/o98rvts)

        Governo Letta
        “Scuola, Toccafondi: «Garantiti 500 milioni di euro per le paritarie». ” fonte: questo sito.
        ma non basta perche “Ora risolvere i nodi Imu e Tares”

        Hai capito che sei tu l’ignorante?

        Hai capito come voi cattolici state affossando la scuola pubblica per costringere la gente ad andare dai privati cosi potete fare lucro e proselitismo ogni singolo giorno?

        Hai capito come si scrive un post?

        Non potete competere con il Dio Shiva.

        • Giannino Stoppani says:

          “Non potete competere con il Dio Shiva.”
          Decisamente non possiamo: sei inarrivabile!
          Infermieraaaaaaaaaaa

        • Polexic says:

          Innanzitutto, prima di scadere nella polemica da bar, io non credo di aver insultato o offeso nessuno, posto che la parola “ignoranza” significa mancanza di conoscenza ed è contenuta nel dizionario.
          Detto questo:
          1) scuola pubblica: se i dati dei finanziamenti sono quelli, mi correggo e mi scuso; detto questo, se sono in aumento, me ne compiaccio! Anche, ed in primis, per una questione economica! Il dato che ho riportato sui costi per studente sono infatti veritieri e spendere poco più di 100 € per uno studente per il quale lo Stato spende oltre 7000€ mi sembra ragionevole, visto che poi la qualità della didattica non può certo essere peggio di quella della scuola pubblica….

          2) beni della Chiesa: quindi dovremmo ringraziare perché ci hanno levato un sacco di beni? A te se ti vengono a prendere con la forza quello che hai, in nome (per esempio) di un esproprio proletario ringrazi? E se poi questo esproprio fosse fatto per pagare il debito pubblico fatto da uno stato scialacquone di magna magna?

          P.S. nella fretta ho scritto “delle guarentigie”, anche se con ogni probabilità le leggi che hanno sottratto la maggior parte delle risorse alla Chiesa sono quelle c.d. “eversive”… chiedo scusa, ma io non sono un dio!

          • Shiva101 says:

            “quindi dovremmo ringraziare perché ci hanno levato un sacco di beni”
            Certo sono bottini di guerra.
            Ma come volete il danaro? i beni terreni?
            Cristo lo avet egia chiuso nel cassetto?

            Come certo sai, non puoi servire Dio e Mammona.

            “spendere poco più di 100 € per uno studente per il quale lo Stato spende oltre 7000€ mi sembra ragionevole”

            Va bene che in quanto “credente” devi credere.. ma non ti sembra leggermente assurdo il confornto 1 a 70??
            fate la moltiplicazione anche dei SOLDI?
            E i soldi della RETTA?

            I dati NON sono veritieri, sono semplicemente INVENTATI.
            Prova un po a portare una fonte che non sia il Vaticano o uno dei suoi tirapiedi.

            • Fran'cesco says:

              Shiva, sempre a far polemica.
              Il Vaticano non c’entra un tubo con le scuole paritarie (che non sono quelle private) in Italia.
              Fai una bella cosa, come avevo gia’ proposto a Erika (ma dov’e’ finita?): vieni a visitare la nostra scuola paritaria e ti rendi conto di com’e’ bella (perche’ lo stato chiede di rispettare gli standard di sicurezza e vivibilita’ che non riesce a garantire nelle scuole statali con i 7000 euro) rispettosa delle persone anche non credenti, fedele ai programmi ministeriali etc etc.

        • EquesFidus says:

          Da quando in qua il Cristo non può competere col demonio? Non scherzare, dai.
          Rispondo soltanto a questa parte, dato che tutte le altre balle sono state già sviscerate:

          “Quelle sono ricchezze materiali di cui voi DITE che non dovete possedere e che sono frutto di GUERRE e violenze.
          Pertanto sono blasfeme secondo la vostra dottrina e dovete ringraziare che vi siano state sottratte a forza.
          Come al solito vi dimostrate per quello che siete: una bieca forma di potere autoritario che cerca, come tutti, “”immobili, terreni et similia”.”

          Anzitutto, per le rendite della Chiesa erano frutto di donazioni e di cessioni effettuate da privati cittadini e dai vari Regni, magari in segno di devozione. Ben poco era stato conquistato in maniera armata.
          Poi, la Chiesa mai ha imposto la povertà come via per la Salvezza, casomai il legittimo distacco dalle cose di questo mondo, il possederle ed il non esserne posseduti; colui che insisteva che tutti dovessero essere poveri (e non si faceva scrupoli nel distruggere le proprietà altrui, saccheggiare ed uccidere) era l’eretico Dolcino, che ha fatto la fine che ha fatto.
          Infine, noi non dobbiamo ringraziare proprio nessuno: erano tutte proprietà legittime che sono state sottratte da uno Stato aggressore senza alcuna dichiarazione di guerra, espropriate e trasformate in altro. Ecco, questa è stata la vera blasfemia: la trasformazione degli edifici di culto in altro per ripianare i debiti che avevano contratto i Savoia nella loro guerra. Senza edifici e possedimenti la Chiesa non potrebbe supportare le proprie attività, ergo fa bene ad averne ed il più possibile (purché non contrastino con quanto detto prima).

          • Shiva101 says:

            “Anzitutto, per le rendite della Chiesa erano frutto di donazioni e di cessioni effettuate da privati cittadini e dai vari Regni, magari in segno di devozione”

            ecco si.. MAGARI…
            hai idea di quanto possa costare avere a libro paga contemporaneamente i piu grandi artisti dell’umanità?? Bernini, Michelangelo Raffaello…

            TANTI MILIARDI…

            e la gente è ed era povera di certo no nerano le “donazioni” del ceto medio..

            I soldi derivano dai bottini di guerra elargiti dalle monarchie europee con le quali il Vaticano intrecciava i rapporti.
            Poi se vuoi dire che erano donazioni di “fede” fai tu..

            “Poi, la Chiesa mai ha imposto la povertà come via per la Salvezza, casomai il legittimo distacco dalle cose di questo mondo”

            Cristo SI ha imposto la poverta come via per non so quale salvezza:
            “lasciate OGNI BENE e seguitemi”
            oh, lasciate ogni bene FISICO, MATERIALE, non per finta, ok?

            Se ti distacchi dalle cose del mondo diventi povero
            che fai possiedi e accumuli miliardi e ti costruisci ville e palazzi .. ma.. con distacco?
            Non essere ridicolo per favore.

            ” erano tutte proprietà legittime che sono state sottratte da uno Stato aggressore senza alcuna dichiarazione di guerra”

            “. Senza edifici e possedimenti la Chiesa non potrebbe supportare le proprie attività”

            ahahahah.. quindi DEVE avere tanti soldi..
            piu soldi ha meglio è perche vanno ai poveri..
            Tipo che so.. Palazzo Valentino, Palazzo Barberini, le ville e regge pontificie ecc.. TUTTO per i poveri..

            Anche il bagno papale affrescato da Raffaello ovviamente era per i poveri..
            AQnceh l’8×1000 è per i poveri .. un 15% ma sempre meglio di niente..

            Quindi predicate la poverta inseguendo le ricchezze.
            Altrimenti come si fa a servire i poveri…

            • Giannino Stoppani says:

              Shiva caro, prima che ti finisca l’effetto, dovresti sapere che era buona norma, per il cristiano che magari non aveva figli o eredi, lasciare il proprio patrimonio in eredità alla Chiesa, intesa come comunità dei credenti (a chi altro lo avrebbe dovuto lasciare sennò? al praesidium del soviet supremo del PCUS?!), di modo che esso potesse essere impiegato fruttuosamente a vantaggio della comunità medesima e dei poveri.
              Grazie a questi lasciti la Chiesa costruiva scuole, ospedali, biblioteche e università.
              Ma che lo spiego a fare a “Shiva il grande”?

            • EquesFidus says:

              Ora dunque l’arte sacra e l’investimento per avere delle Messe se non sfarzose perlomeno dignitose sarebbero uno spreco di denaro? Già Aristotele diceva che “savio è l’uomo che investe nella religione”. Anche perché chi lotta per spogliare le chiese spesso finisce per farlo non per i poveri ma per le proprie tasche, questa è la verità. Prendiamo ad esempio San Francesco d’Assisi, uno dei santi più usati dalla propaganda anticlericale di sempre: questo santo, che aveva fatto della povertà assoluta proprio vessillo, mai cercò di imporla al prossimo e, soprattutto, mai sostenne che le chiese dovessero essere svuotate per donarne il ricavato ai poveri (che poi, al più si tratterebbe di un effetto tampone momentaneo, non certo permanente), bensì sosteneva che dovessero essere ben arredate e decorate e che i parametri sacri dovessero adeguati ad un re. Sai perché? Perché il Cristo è anche Re, e non si deve mancare di rispetto al Re dei Re.
              Inoltre, queste continue malignità diaboliche (perché di questo si tratta) si sentono sin dal I secolo d.C., già durante la predicazione del Nazareno: riporto integralmente il testo (Gv 12, 1-9):
              1 Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betània, dove si trovava Lazzaro, che egli aveva risuscitato dai morti. 2E qui fecero per lui una cena: Marta serviva e Lazzaro era uno dei commensali. 3Maria allora prese trecento grammi di profumo di puro nardo, assai prezioso, ne cosparse i piedi di Gesù, poi li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì dell’aroma di quel profumo. 4Allora Giuda Iscariota, uno dei suoi discepoli, che stava per tradirlo, disse: 5″Perché non si è venduto questo profumo per trecento denari e non si sono dati ai poveri?”. 6Disse questo non perché gli importasse dei poveri, ma perché era un ladro e, siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano dentro. 7Gesù allora disse: “Lasciala fare, perché essa lo conservi per il giorno della mia sepoltura. 8I poveri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me”.
              Capito? Il problema di voialtri anticristiani è che dei poveri, alla fine della fiera, non ve ne frega niente: ve ne frega solo di colpire la Chiesa con ogni mezzo e, spesso, per invidia, perché volete riempirvi le tasche. L’invito al distacco del Cristo è di non fare dei beni materiali un idolo, un vitello d’oro intorno a cui danzare (e la realtà secolarizzata ci danza intorno eccome, e non solo a questo), bensì di essere consci che si tratta di uno strumento, che come tale può essere buono o cattivo e che non può essere usato per comprare il Regno dei Cieli. Alla fine della fiera, i soldi ed i vari beni non ce li portiamo dietro, l’anima sì; e sarà l’anima ad essere giudicata.
              Infine, come al solito, accecato dal tuo odio anticristiano da bravo troll mischi un sacco di argomenti: l’8×1000 (che serve all’intera comunità per una percentuale ben oltre al 15% destinato direttamente alle opere di carità, dal momento che si occupa anche del mantenimento e del restauro degli edifici ecclesiastici e del sostentamento del clero), i bagni papali (che erano i bagni di un re, e come tale non c’è proprio niente di scandaloso), i costi di commissione (gli artisti erano ben pagati, è vero, ma quante anime hanno edificato ed edotto quelle opere) e così via. Dal tuo discorso si evince una cosa, cioè che siete pericolosi perché voialtri anticristiani siete contro la cultura, degli iconoclasti del XXI secolo che pur di vedere distrutta la Chiesa (o al più trasformata in un mausoleo per i propri sollazzi) generano un’anti-cultura bestiale ed ignorante, che ripudia quanto di più bello l’uomo ha fatto nei secoli.

              • Shiva101 says:

                “Ora dunque l’arte sacra e l’investimento per avere delle Messe se non sfarzose perlomeno dignitose
                sarebbero uno spreco di denaro? Già Aristotele diceva che “savio è l’uomo che investe nella religione”.

                Mamma mia… questa frase non l’ho trovata da nessuna parte,
                anche se l’avesse detta si riferiva al SUO tipo di religione
                e cmq … che la citi a fare? la chiesa deve coprirsi di ricchezze perche l’ha confermato.. Aristotele???

                che argomenti ridicoli..

                Ve lo ripeto: lasciate stare la realta, la verità e gli argomenti validi NON sono cose per voi, ci fate una pessima figura.
                Rimanete agli insulti e ai miracoli.

                “Anche perché chi lotta per spogliare le chiese spesso finisce per farlo non per i poveri ma per le proprie tasche, questa è la verità.”

                E infatti la chiesa e i papi, che tu definisci re (di non so che cosa), i soldi se li tengono per le proprie tasche.
                Devo farti l’elenco delle enormi ricchezze pessedute dalla Chiesa?
                Sai quale sia la destinazione di tutto il denaro che fruisce in Vaticano dai suoi musei pieni di ORO?
                La Chiesa cattolica è la chiesa piu ricca del mondo.

                Il partrimonio immobiliare immenso, la gestione illegale del denaro, i benefici fiscali e ogni altro privilegio NON sono certo per i poveri.

                Pensi che Palazzzo Barberini sia stato costruito per i poveri?

                Un papa che si fa affrescare il baldacchino da letto e il water da Raffello .. PER I POVERI???
                mi spieghi in quale parte del Vangelo puo essere giustificato?

                EQUES… occhoi: E’ semplicemente VANITA e SPRECO di denaro.

                Cosi come il motivo di fondo dell’arte sacara (che scarca NON è): PROPAGANDA.

                Esatto: lo stesso motivo per cui i faramoni si facevano costruire le piramidi cosi i papi si facevano tumulare nelle grandi cattedrali.

                “Prendiamo ad esempio San Francesco d’Assisi, uno dei santi più usati dalla propaganda anticlericale di sempre: questo santo, che aveva fatto della povertà assoluta proprio vessillo, mai cercò di imporla al prossimo”

                EHH??? infatti NON al prossimo … ma alla Chiesa!!
                e sopratutto alla sua regola, ovvero ai suoi seguaci!!

                Chiesa che lo avrebbe condannato per eresia ovvero bruciato VIVO
                regola che è stata totalmente svuotata da due papi e lui si è piegato per paura.

                In seguito gli aderenti alla regola originaria sono stati tutti uccisi, erano chiamati “i fraticelli”
                controlla pure la storia.

                E oggi lo prendete a simbolo senza ritegno e rispetto.

                “Perché il Cristo è anche Re, e non si deve mancare di rispetto al Re dei Re.”

                Il papa non è certo Cristo e Cristo non è re di nessuno, ANCHE se fosse veramente un Dio anzi sopratutto in quel caso, un Dio trascedente che finisce a mettersi la corona in testa sui troni dorati.

                Queste sono vanita e bassezze umane, anzi vostre.

                Chiamamole pure meschinità.

                “Inoltre, queste continue malignità diaboliche (perché di questo si tratta) si sentono sin dal I secolo d.C., già durante la predicazione […] Gesù andò a Betània, dove si trovava Lazzaro, che egli aveva risuscitato dai morti”

                E’ inutile che citi questi passi, non hanno NESSUNA validita storica.
                Gesu non ha lasciato nessuno scritto e no esiste nessuna biografia.
                La vita di Gesu è sostanzialmente IGNOTA.

                Eques, per quanto tu sia invasato, SPERO avrai ancora la lucidita mentale per capire
                che la “tradizione popolare”, ovvero i miti e racconti apologetici NON sono storia.

                E SPERO che tu sia in grado di capire che il controllore e il controllato non possono essere la stessa persona.
                Questo è un fatto logico.
                La chiesa NON puo decidere arbitrariamente cosa ha detto Gesu e poi in base a quello legittimare il suo stesso potere.
                OK?

                Credere al Vangelo, ad un insieme di leggende, è una tua scelta che di certo non giustifica ne tantomeno prova nulla.

                “Capito? Il problema di voialtri anticristiani è che dei poveri, alla fine della fiera, non ve ne frega niente: ve ne frega solo di colpire la Chiesa con ogni mezzo e, spesso, per invidia, perché volete riempirvi le tasche. ”

                E INFATTI…. è questo il problema!!
                Che a voi dei poveri “interessa”.. e rimangono sempre li…
                A voi interessa che ci sia la poverta a noi NO, noi la vogliamo TOGLIERE.

                Perche per voi la poverta e la malattia sono la vostra giustificazione, altrimenti cosa predica il papa la domenica?

                Come fece Madre Teresa, che non guari mai nessuno, che non costrui mai ospedali ma lazzaretti senza personale qualificato e senza comnpetenze e con condizioni igieniche scarsisisme..

                Perche il suo interesse era propagandare la poverta in nome della Madonna
                ovviamente sulla pelle di migliaia di disgraziati e a fronte di di enormi quantita di soldi, spesso donati da dittatori crudeli che avevano interesse a farsi ritrarre a fianco con lei.

                “l’8×1000 (che serve all’intera comunità per una percentuale ben oltre al 15% destinato direttamente alle opere di carità, dal momento che si occupa anche del mantenimento e del restauro degli edifici ecclesiastici e del sostentamento del clero)”

                Ma nelle pubblicita non si vede “il sostentamento al clero” si vede la cappanna AFRICANA coi bambini, facendo passare l’idea che TUTTO venga destinato a loro e questa è una MENZOGNA.
                Perche alla capanna AFRICANA e ai bambini viene destinato un misero 15% circa a volte 20%.

                Se la Chiesa fosse onesta devolverebbe TUTTI i soldi allo Stato, affinche si costruisca una società FORTE e uno Stato solido in grado di affrontare OGNI problema.

                Ecco allora che la Chiesa diventa un pericolo sociale.

                Perche uno Stato solido e una società forte e autonoma NON hanno piu bisogno di Cristo e della sua coorte.

                Pertanto la Chiesa ha interesse a indebolire lo Stato, ovvero la società.
                Vuole creare un “altro” Stato, dove gestisce scuole, ospedali, appalti, welafare e dove possibilmente tornare a comandare come faceva nel medioevo.

                “L’invito al distacco del Cristo è di non fare dei beni materiali un idolo”

                Difficile che un ricco entri nel regno di Dio:
                “Quanto difficilmente coloro che hanno ricchezze entreranno nel regno di Dio!”

                Non dice “fatti il Palazzo, fatti la villa, fatti la servitu… e seguimi” !!

                L’invito al distacco materiale NON è metaforico come piace a voi.
                Dice “va’ VENDI quello che hai e dallo ai poveri”, lo capisci l’italiano?

                Perche la ricchezza CORROMPE l’animo umano..

                Ma che devo farti pure catechismo??

                “ma quante anime hanno edificato ed edotto quelle opere”
                Molte meno di quelle che hanno distrutto.

                E quelle “edificate” sono quelle sottomesse al suo volere, anime rese deboli da paura, sensi di colpa e imbottite di falsità, per cui ti posso dire NESSUNA.

  13. Gigi says:

    Se un omosessuale non è libero di sposarsi allora va bene, però quando anche lontanamente vi vedete togliere un diritto allora scendete in piazza. Sbaglio o non dovremmo avere tutti gli stessi diritti?

    • Giannino Stoppani says:

      E quali sono i diritti che un omosessuale non avrebbe rispetto agli altri?

      • Tulio Lantanide says:

        mi ero ripromesso di non risponderti più, ma farò un’eccezione.
        parlando di diritti negati: la reversibilità della pensione, o anche solo l’eredità. il matrimonio è un contratto che ha anche degli aspetti economici. per quale motivo una coppia che ha stabilito un proprio progetto di vita (nel mio caso adesso è diventato trentennale) non ha gli stessi diritti di un’altra?
        inoltre, NON è vero che un contratto da un notaio può sostituire un’atto di matrimonio. il contratto notarile con risvolti economici può essere impugnato dai parenti aventi diritto (fino ad un grado di parentela insensato). quello matrimoniale no. senza nominare la percentuale che se ne va in tasse in un caso e nell’altro. non comparabile, informati.
        per quanto riguarda l’adozione, che è il vero nodo sul quale i cattolici si terrorizzano, faccio notare che io sono nato da due eterosessuali. inoltre ho tre nipoti che ho contribuito ad allevare e sono tutti etero. se ci fosse stato un gay per la mia famiglia non sarebbe stato un problema, dopo l’esperienza con me.
        che non è stata precisamente indolore per nessuno.
        come si dice dalle mie parti, col tempo e con la paglia maturano anche le nespole.
        Quindi, tu che ti sei scelto un nome da ragazzino: Gianburrasca, deciditi a crescere.

        P.S. cara redazione di Tempi, parlate moltissimo delle lobby gay. mi potete dare un’indirizzo o un link? perchè non ne conosco alcuna, ma mi farebbe comodo che ci fosse.

        P.P.S. mi candido al bannato dell’anno 2014 o mi pubblicate?

        • Giannino Stoppani says:

          Era meglio se non mi rispondevi, infatti.
          Nessuna legge vieta ad un omosessuale, in quanto tale, di contrarre matrimonio, basta che convoli a giuste nozze con una persona celibe di sesso opposto.
          I “diritti” che tu pretendi, infatti, non riguardano la persona dell’omosessuale, ma la coppia omosessuale.
          Il fatto è che i privilegi di cui parli sono giuridicamente legati al lavoro di educazione e mantenimento della prole a cui i coniugi, sposandosi, si impegnano di svolgere di fronte allo Stato.
          Siccome le coppie omosessuali sono sostanzialmente (in senso aristotelico) sterili, non si vede per quale tipo di impegno da loro assunto dovrebbe esser degno di riconoscimento e rimunerazione da parte dello Stato.
          A meno che non si metta nel conto di concedere reversibilità e altro ad ogni genere di coppia o trio o quaterna, eccetera formatasi per qualsivoglia ragione.
          Quindi in definitiva, per parlare di “discriminazione”, bisogna forzare non poco la realtà effettuale.
          Infine, stando che io son nato nel 1897, non son certo io che deve crescere, ma sarai tu, un giorno o l’altro, che dovrai rinunciare a trascorrere il resto della tua esistenza nel Paese dei Balocchi.
          P.S.: per la cronaca, io non sarei pregiudizialmente contrario ad un riconoscimento giuridico per i conviventi omo o etero che siano, ma sono ragionevolmente sicuro (sulla base delle esperienze in altri Stati) che esso sarebbe usato come punto di partenza per ottenere l’equiparazione di tali unioni col matrimonio, determinando di fatto la fine o l’ulteriore ridimensionamento di quest’istituzione (che finirebbe per comportare solo degli obblighi in più), il tutto a danno dei soggetti più deboli.

          • Tulio Lantanide says:

            Gianburrasca, era meglio se non ti rispondevo, sono d’accordo.
            ti faccio gentilmente notare che hai elencato una lista di banalità, non documentate. l’ultima tua frase poi è frutto delle tue paure più che della realtà: in quale contesto il matrimonio (come istituzione LEGALE, il risvolto religioso interessa a pochi, immagino) esteso alle coppie gay ha svalutato quello etero?
            sul lavoro di educazione della prole: quando si parlerà anche di adozione ne discuteremo. mi sento abilissimo in materia di accudimento, e sono stato già sperimentato con una buona valutazione di critica e di pubblico.
            come ho già detto a parer mio non ci sarebbe nessun problema.
            inoltre, accusare di scarsa attitudine alla genitorialità chi ne è escluso anche per legge mi sembra un controsenso. cmq, se sono sterile in senso aristotelico non vedo perchè le mie tasse debbano andare a pagare la scuola e la sanità dei tuoi, eventuali, figli. se non ho la reversibilità non posso avere almeno uno sgravio? o c’è un concetto di “società” che prevale sull’egoizzazione (in senso LeGuiniano, ovviamente)?
            ti saluto in maniera definitiva, quindi puoi pure prenderti il dubbio merito di avere l’ultima parola.
            buona vita, e addio

            • Tulio Lantanide says:

              sono già nell’anticamera della bannazione? adesso si chiama moderazione?

            • Giannino Stoppani says:

              Non dire che non ti avessi avvertito, caro il mio “omino di burro”.
              Capisco l’impellenza della propaganda, ma tutto ‘sto luogocomunismo alla fin fine basato solo sulla interpretazione puerilmente distorta delle mie parole, francamente è proprio affliggente.
              In effetti, se ti degni di leggere con la dovuta attenzione quanto ho scritto, scoprirai che io non ho affatto prospettato un effetto negativo sul matrimonio (che mi rifiuto di definire “tradizionale”) dovuto all’introduzione dei cosiddetti “matrimoni gay” “sic et simpliciter”, ma l’ho prospettato come naturale conseguenza dell’introduzione di un riconoscimento giuridico alternativo per le cosiddette “coppie di fatto” senza specificarne la composizione.
              Il ragionamento che sta alla base di questa convinzione è ovvio: se si possono ottenere certi “privilegi” pagando un prezzo inferiore in termini di fedeltà, dedizione e impegno rispetto a quelli richiesti dal matrimonio (che mi rifiuto di nuovo di definire “tradizionale”), ecco che quest’ultimo non può che subire un ridimensionamento almeno sul piano dei numeri.
              Quanto all’argomento del tuo contributo all’Erario, per la serie “non è mai troppo tardi”, temo che sia giunto, anche per te, il momento di apprendere (immagino con somma disillusione) che tu le tasse le devi pagare fino all’ultimo cent e “sine strepitu”, in quanto ciò è tuo preciso e inderogabile dovere di cittadino, altrimenti converrai che qualcuno potrebbe domandare di detrarre dalle imposte, ad esempio, una quota del controvalore delle operazioni di interruzione volontaria di gravidanza, oppure di quello delle costose cure ormonali che la sanità assicura gratuitamente a chi vuol cambiare sesso, e via deducendo.
              L’ultima parola, infine, vedo che te la sei già assicurata da solo, anche a costo di far la figura di quello che ridicolmente si lagna di esser vittima di censura, non avendo ancora capito come funziona il semplice algoritmo che automaticamente segnala i commenti al moderatore del sito.

              • giovanna says:

                Caro Giannino, ma tu credi anche lontanamente che il Tullio di turno oggi
                ( evidentemente qualche turno è saltato e lui si è offerto volontario ! 🙂 ) sia in grado di ragionare con te ?! Eddai, c’è un abisso di cultura, di umanità, di ironia, di intelligenza !
                Certo che questi commentatori gay su Tempi ( ho detto gay, non omosessuali, meglio specificare per chi ancora pensasse che gli omosessuali sono tutti così e non è assolutamente vero, anzi ) sono di un piagnucoloso insopportabile, forse è un tratto comune più ancora dell’aggressività.

  14. GIULIANO says:

    Ylenia Lune,certo a leggere quello che scrivi,si comprende cio che hai nel cuore ,tutto cio che difendi e cosa giusta ,se tale cosa e’ buona, ce solo un ma,e quello che un giorno non lontano ti troverai a mettere in discussione cio che sei.e inevitabilmento ti troverai difronte a te stesso,come allo specchio. ti suggerisco di non alzare troppo la cresta ,perche’ il popolo non si e’ mai pronunciato al riguardo,per il semplice fatto che i nostri politici sono troppo impegnati nei casini che hanno combinati ,e questo fa muovere ad altri nel momento della confusione, per approvare norme come(omofobia ecc.) e’ inutile che ti dico cosa farebbe il popolo se si muove ,ai ragazzi che hanno certe tendenze molto probabilmente non succede nulla,ma alle lobbi Gay,non sara’ la stessa cosa.comunque ti dico come fratello e figli di Dio, di meditare anche l’eventuale tuo errore,(sai tutti possiamo essere in errore)quindi metti in preventivo nella tua vita anche questo (chi sa).Pace e Bene.

  15. Cassandra says:

    Sono una moglie e una madre. Cattolica praticante. Nipote di un monsignore e di un parroco milanesi vicini a CL. Un marito cattolico come me. Ammiriamo il Card. Kasper. Abbiamo due figli stupendi. Mai un problema, mai un brutto voto. Boy scout cattolici per anni. Volontari nel sociale per anni. Famiglia tradizionale eterosessuale.

    Scrivo per dirvi VERGOGNATEVI.

    2 mesi fa abbiamo dovuto combattere con la scuola pubblica dell’obbligo per impedire che a nostro figlio minore – anni 12 – venisse impartita durante l’ora di religione e in modo coatto l’ideologia radicale a ascientifica del Movimento per la Vita, con tanto di video discutibili.
    Lo abbiamo ritirato ogni volta dalla lezione per settimane. Era scioccato dall’improvviso cambio di programma scolastico. A 12 anni vuole colorare i disegni delle parabole e non parlare di sesso (qualsiasi sia il modo).
    Abbiamo dovuto ritirarlo dall’ora di religione per il 2015 avere la certezza che non verrà indottrinato in futuro con altri argomenti misogini, sessisti e intolleranti e sessuali senza fondamento scientifico e senza la NOSTRA autorizzazione su argomenti tanto delicati.

    Siamo andati poi al Liceo a dirne quattro anche all’insegnante di religione del primogenito, il quale primogenito – grazie a Dio – ci ha rassicurati dicendoci che si “saprà difendere” da simili derive intolleranti.

    Intendiamo lamentarci presso tutte le istituzioni scolastiche e informare i mezzi di comunicazione della inaudita vostra VIOLENZA di cui siamo stati oggetto.

    Non solo quella diretta sul bambino (1) ma anche quella subita da noi come genitori dalla scuola benchè pubblica (2) e quella subita come cattolici (3) da una frangia ESTREMISTA cattolica (cioè VOI) che NON rappresenta il Credo Religioso impartitoci in 40anni di catechismo e attività di volontariato di ispirazione cattolica.

    Smettetela di ignorare che esistano ANCHE cattolici praticanti progressisti perchè noi non vi stiamo ignorando. E cominciamo ad averne piene la tasche dei vostri DELIRI intolleranti.

    Altro che amore ed accoglienza. IPOCRISIA. FARISEI.
    Guardate la TRAVE nel vostro occhio piuttosto e ricordate che Dio vi vede.
    E riconosce la prepotenza e l’arroganza.

    Ma soprattutto la PRESUNZIONE di parlare al suo posto.
    Siete il cancro di questa Nazione. Ne incarnate i peggiori difetti.

    POTERE. DENARO. IPOCRISIA. CORRUZIONE. INGERENZA POLITICA travestiti da “amorevole pietà cristiana”.

    La libertà di espressione NON E’ in discussione tant’è vero che noi due cattolici in questo momento dissentiamo “liberamente” da voi.

    La sola ingiustizia contro cui dovreste combattere se foste dei veri cristiani è che la gente muore di fame, di guerre, di ingiustizie, di sofferenza e voi perdete tempo e denaro per questi teatrini che sono TALI E QUALI ai Pride che tanto contestate.

    State facendo la stessa cosa. Il CL Pride.

    Siete ridicoli.

    Se proprio non volete prendervi cristianamente cura delle minoranze abbiate almeno la grazia e il buongusto di non perseguitare il prossimo.

    Fino a prova contraria i soli ad IMPEDIRE la libertà di espressione di altri SIETE VOI.

    Solo voi state MANIFESTANDO contro altri non in risposta ad altre manifestazioni, ma di vostra libera iniziativa e con obiettivi ben lontani dai valori evangelici di giustizia, uguaglianza, povertà e servizio al prossimo e più similmente vicini ad una campagna elettorale…
    Non vi bastano forse le poltrone che già avete nelle diocesi, nelle curie?

    Potete intortare i laici forse con i vostri bei discorsi ingannevoli (LUPI TRAVESTITI DA AGNELLI) ma non certo chi appartiene alla vostra stessa fede E DISSENTE.

    Mi dispiace ma da genitori etero e cattolici vi diciamo che Dio non parla certo per vostra voce.
    E per fortuna che la gente ha ancora una coscienza propria e sa distinguere.

    Conserverò questo messaggio per il futuro. Non finisce qui.

    • Tulio Lantanide says:

      signora Cassandra,
      mi permetta di porgerle i miei ringraziamenti, spero graditi, per il suo intervento che condivido in pieno
      io non credo che Dio esista, ma frequento molti cattolici, che sono la maggioranza dei miei conoscenti, e tutti hanno più o meno i suoi stessi atteggiamenti nei confronti dell’ irrigidimento mentale illogico propagandato da siti come Tempi, Nuova Bussola quotidiana, UCCR, Famiglia Cattolica, Sussidiario, Pontifex e via delirando (Radiospada, per dire).
      ho frequentato per breve tempo i siti più oltranzisti e mi aspettavo che Tempi fosse diverso. speranza frustrata. un manipolo di troll da guardia con lo scopo di buttare tutto in caciara, pochi utenti (volonterosi) interessati ad un dialogo e un continuo rumore di fondo che impedisce ogni confronto.
      sono molto felice del suo intervento perchè mi chiedevo “ma i cristiani capaci di una conversazione civile li conosco tutti e solo io?”. per dire, una mia amica ventennale è Testimone di Geova, non il massimo della tolleranza nella vulgata comune, ma in confronto ai commentatori e ai giornalisti di questo sito è un’anarchica libertaria.
      grazie di nuovo del suo post e buona giornata.

      un suggerimento non richiesto: dodici anni non sono così pochi per iniziare a parlare di sesso con i propri figli. credo anch’io che i genitori siano i più indicati per informare i ragazzi, o perlomeno che abbiano tutto il diritto di derogare la loro educazione a persone di fiducia.

      • Grillo Parlante says:

        Eh, eh, eh!
        Queste son botte!
        Altro che il cannoncino del “tanko”!

      • Polexic says:

        “un manipolo di troll da guardia con lo scopo di buttare tutto in caciara”

        devo essere sincero che mi pare un po’ esagerato: esprimere la propria opinione e cercare di motivarla con convinzione è buttare tutto in caciara? Ovviamente alcuni utenti ogni tanto esagerano, ma questo credo che non sia un male solo di Tempi…. Io credo che troppo spesso, quando si sentono opinioni diverse dalle proprie, si tende a bollarle come “intolleranti”, “becere”, ecc. ecc…..

        Questione educazione dei figli: premesso che sono d’accordissimo sul fatto che la famiglia debba essere, secondo le credenze dei genitori, il primo centro di educazione e, ove non possa provvedere in prima persona debba delegare (non credo volesse dire derogare…) a persone di cui si fida, questo è proprio il fondamento (oltre a quello economico) della bontà della scuola privata! Io mando mio figlio nella scuola che ritengo possa dargli l’educazione per me migliore! E questo, all’evidenza della realtà, non può farlo la scuola pubblica….

        @ Shiva: se posso vorrei porle in tutta serenità alcune domande.
        Ma da dove deriva tutta questa fiducia nei confronti dello Stato? Perchè, sinceramente, oltre a ritenerlo personalmente solo uno strumento di governo, allo stato attuale non è che gli esempi di Stato forte in giro per il mondo brillino per valorizzazione dell’essere umano…Cina?Corea del Nord?
        Sui costi della scuola: lei che dati ha? perchè se anche i miei non fossero veritieri, di norma per dimostrarlo occorrerebbe tirarne fuori di migliori….
        Ultima domanda: lei, che appare così virtuoso da poter gettare fango sulla Chiesa, come fa ad eccellere così tanto? Non è una domanda polemica: se segue una strada migliore, sono pronto a seguirla!

        • Shiva101 says:

          “Ma da dove deriva tutta questa fiducia nei confronti dello Stato? Perchè, sinceramente, oltre a ritenerlo personalmente solo uno strumento di governo, allo stato attuale non è che gli esempi di Stato forte in giro per il mondo brillino per valorizzazione dell’essere umano…Cina?Corea del Nord?”

          Quelle sono dittature non sono Stati.

          Per Stato s’intende ovviamente una forma di governo democratica che, in quanto tale, è e rappresenta NOI, ovvero la società.

          Pertanto è ovvio che rappresenta l’unico ente di cui fidarsi essendo…. noi stessi!!

          Questo se gli individui che formano la società hanno il “senso dello Stato”, ovvero sono Responsabili.
          Altrimenti diventa solo una formalità, ed in quel caso si ha una società slegata come gli italiani sono se mpre stati, dove ognuno segue i propri interessi a scapito del bene comune.

          Per questo occorre rafforzare il senso di resposanbilita individuale e costruire una classe poiltica cosciente della funzione che ha lo Stato, con un forte senso delle Istituzioni.

          Per questo la Chiesa, e altre organizzazioni analoghe, è un pericolo sociale: perche tutto questo va contro i suoi interessi: avere una società debole di cui parassitarne i bisogni.

          Ho i miei limiti ne sono cosciente e cerco di superarli, consapevole che i limiti si superano con l’esperienza e la fatica (che è tanta) e non con la gratitudine degli dei (che tra l’altro sarebbe sterile).

          Polexic, se hai tempo leggi Seneca: Lettere a Lucilio, ti si aprirà un mondo.

          • Polexic says:

            “Per Stato s’intende ovviamente una forma di governo democratica che, in quanto tale, è e rappresenta NOI, ovvero la società.
            Pertanto è ovvio che rappresenta l’unico ente di cui fidarsi essendo…. noi stessi!!”

            Come concetto è interessante, ma nella realtà odierna quale stato potrebbe incarnare questa affermazione?

            P.S. in ogni caso io credo possa rappresentare una compromesso tra noi, non noi stessi, altrimenti saremmo costretti ad essere tutti uguali ed a pensarla tutti allo stesso modo!

      • Giorgio says:

        Non per buttarla in caciara, ma certe asserzioni dicono molto sull’ignoranza di chi scrive e ciononostante fa il saputello vittima solo annunciata della censura.
        In effetti, laicamente parlando, i Testimoni di Geova non sono affatto “cristiani”, visto che per definizione questi ultimi sono coloro che credono alla divinità di Cristo.
        Non mi risulta sia così per i TdG, la cui “dottrina”, però, è pur sempre mutevole a ogni fine del mondo annunciata e smentita.

    • elise says:

      L’ideologia radicale e ascientifica del mpv quale sarebbe, cassandra? Che quando si abortisce si ammazza un bambino? Beh, qualcuno doveva pur dirlo a vostro figlio. Dai tuoi toni si capisce benissimo quanto tu sia poco equilibrata. Ma dubito fortemente che tu sia “vera”.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Pronta al debutto al prossimo Salone di Parigi, la wagon del Leone getta il guanto di sfida alle rivali premium. Con un sacco di argomenti, a cominciare dal design

L'articolo Nuova Peugeot 508 SW, cambio di rotta proviene da RED Live.

Sostituisce la Serie 6 e diventa la M più potente mai prodotta. Trazione integrale, quattro ruote sterzanti, eleganza e opulenza. Per andare veloci in qualunque condizione

L'articolo BMW Serie 8 Coupé, a volte ritornano proviene da RED Live.

In programma dal 20 al 22 luglio al Misano World Circuit, il WDW (World Ducati Week) di quest’anno si preannuncia rovente: i piloti Ducati si sfideranno in sella alla Panigale V4 S.

L'articolo The Race of Champions: la sfida tra campioni al WDW 2018 proviene da RED Live.

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.