Google+

Gay aggrediti al Just In? Storia con molti punti oscuri

marzo 20, 2012 Chiara Rizzo

Sabato notte in una discoteca a Verbania quattro omosessuali sarebbero stati aggrediti dai buttafuori. Per gli investigatori «le versioni sono contrastanti e non c’è nessuna denuncia». Tempi.it ha raccolta le testimonianze di alcuni dipendenti che smentirebbero l’aggressione. E uno di loro ha sentito dire: «Ora chiamo Repubblica e vi combino un casino»

Dei video potrebbero chiarire quello che è accaduto sabato notte, intorno alle tre e mezza, nella discoteca Just In di Luino (Va). Così rispondono dal locale a tempi.it, dopo la rissa in cui quattro ragazzi omosessuali sarebbero stati aggrediti perché, stando a quanto ha raccontato il presidente di Arcigay-Verbania Marco Coppola (uno dei quattro), «i ragazzi ballavano sul cubo, quando “identificati” come omosessuali, sono stati insultati, poi costretti a scendere, brutalmente pestati». I quotidiani di oggi ne hanno parlato diffusamente, dando grande risonanza alla versione dei presunti aggrditi. La questura ha disposto la chiusura del locale per 15 giorni, un provvedimento che segue un altro identico del 2008 per altre risse e aggressioni.

Già domenica mattina Paola Concia (Pd) ha promesso di presentare un’interrogazione parlamentare, eppure come siano andate le cose non è ancora così chiaro. Così ripetono i Carabinieri di Luino, che sono intervenuti sul posto sabato: «Le versioni sono contrastanti».
Finora, i dati certi sono tre. Primo: nessuna denuncia è stata sporta quella notte, né il giorno dopo ai carabinieri di Luino, come accade di solito quando scoppia una rissa. Semplicemente, Arcigay ha dichiarato ai giornali che l’aggressione sarebbe stata denunciata all’Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori.
Secondo: i carabinieri sono stati chiamati da Marco Coppola intorno alle 3 e mezza («per una lite, non per una rissa», specificano gli investigatori) e la rissa si è svolta sulle scale e all’uscita del locale.
Terzo: tra i ragazzi gay ci sono tre persone ferite, con 20 giorni di prognosi (dovrebbero esserci lievi escoriazioni secondo i carabinieri) e anche uno dei buttafuori è stato visitato in ospedale, riportando solo lievi ferite.

Forse ora i video della discoteca faranno luce sulla vicenda. Il titolare del Just In, stando a ciò che riferiscono alcuni dipendenti, sarebbe stato interrogato dagli inquirenti. I dipendenti riferiscono poi anche altro: «Abbiamo consegnato i video ai carabinieri e alla polizia e si capirà tutto. Dai video infatti si vede chiaramente quello che è successo. Ci si contesta l’omofobia: ma lì si vede che quei ragazzi non l’avevano scritto in faccia di essere gay, non è per quello che gli è stato chiesto di scendere dai cubi. E poi si vedono i nostri buttafuori che tenevano le mani in tasca. Non c’è stata aggressione. In compenso si vede benissimo che è stato aggredito il buttafuori».

Tempi.it ha contattato anche altri dipendenti. Qualcuno lo ha risposto a chiare lettere: «Abbiamo avuto la consegna di non parlare». Qualcun altro, invece, racconta: «Gestisco l’organizzazione della serata. All’interno del locale non mi sono accorto di nulla, come i clienti. Intorno alle ore tre, quattro di questi ragazzi sono saliti sui cubi: mi sembravano abbastanza ubriachi, e hanno reagito in maniera sgarbata quando il buttafuori ha chiesto loro di scendere. Hanno risposto male, urlando. Dopo, non so cosa sia successo. Se qualcosa è accaduto, è successo fuori dal locale. Altri colleghi mi hanno raccontato che il buttafuori è stato aggredito dai quattro ragazzi, che gli hanno dato dei pugni. Hanno inziato loro, dopo di che il buttafuori deve aver reagito. Da quello che mi hanno riferito, anche il buttafuori si è fatto male. A quel punto un mio amico ha sentito una persona che diceva: “Ora chiamo Repubblica e vi combino un bel casino”. In effetti è quello che è successo. La persona ha telefonato subito a qualcuno per dare la notizia ai giornali».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Chevrolet così potente non la si era mai vista. Del resto, mai una Corvette di serie si era spinta tanto in là. La nuova ZR1 promette di scrivere un inedito capitolo della storia della Casa americana. Attesa sul mercato dalla primavera del 2018, la sportiva a stelle e strisce vede il V8 6.2 sovralimentato […]

L'articolo Chevrolet Corvette ZR1 2018: lo show dei record proviene da RED Live.

Il Ciclocross moderno ha poco a che vedere con ciò a cui eravamo abituati: percorsi più tecnici e veloci hanno portato a un cambiamento nelle attitudini dei biker, che devono essere assecondate da biciclette altrettanto evolute. Canyon ha progettato la nuova Inflite CF SLX con in mente proprio queste rinnovate esigenze e l’ha dotata di […]

L'articolo Canyon Inflite CF SLX proviene da RED Live.

Anche se ottima ventilazione, aerazione, visiera amovibile e comfort sono aspetti molto importanti in un casco da bici, la differenza reale la fa la capacità di proteggere… Bontrager ha scelto di affidare la nostra sicurezza alle mani, o meglio, alla tecnologia di MIPS, dotando il nuovo Quantum del MIPS Brain Protection System, che a oggi rappresenta […]

L'articolo Bontrager Quantum MIPS, nuova sicurezza proviene da RED Live.

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download