Google+

Francia, rapporto sulla formazione repubblicana degli imam: «È impossibile»

marzo 18, 2017 Redazione

Secondo gli studiosi, lo Stato è laico e non può mettere becco nei contenuti teologici delle religioni. Inoltre, ogni sforzo è vanificato dal fatto che gli imam non sanno il francese. Quindi? «Diffondere l’arabo»

belgio-francia-islam-ansa

Il governo socialista di François Hollande continua a inseguire il sogno di un islam repubblicano ma per realizzarlo ha necessariamente bisogno di passare dalla formazione degli imam. Peccato che l’ultimo rapporto sul tema, il settimo in 30 anni, abbia stabilito l’impossibilità per la Francia di formare gli imam.

NESSUN CONTROLLO. Giovedì l’islamologo Rachid Benzine e i professori universitari Catherine Mayeur-Jaouen e Mathilde Philip-Gay, gli autori del rapporto, hanno consegnato la loro analisi ai ministri dell’Interno e dell’Educazione nazionale francesi, Bruno Le Roux e Najat Vallaud-Belkacem. Il risultato, però, non è dei più incoraggianti. Innanzitutto si constata che i circa 1800 imam presenti sul suolo francese sfuggono a qualsiasi controllo. Inoltre si nota che la formazione universitaria in islamologia, che ha lo scopo di deradicalizzare i religiosi più estremi, viene apertamente criticata dagli imam che partecipano ai corsi e che «contestano la lettura universitaria del Corano», scrive il Figaro.

LO STATO È LAICO. Il rapporto di 72 pagine sconsiglia alla Francia di formare direttamente gli imam con l’apertura di «una facoltà di teologia islamica pubblica» o la consegna di «diplomi nazionali» perché, nel nome della laicità, non spetta allo Stato dire agli imam che cosa insegnare ai fedeli. «Non fa parte della vocazione dello Stato controllare gli istituti di formazione teologica».
Cosa si può fare dunque? Gli autori giudicano positiva l’iniziativa che ha visto la creazione di diplomi universitari su «fatto religioso e laicità». Peccato che questi siano poco frequentati dagli imam, perché questi spesso comprendono poco o male il francese. Ecco perché bisognerebbe prima «insegnare il francese» ai religiosi islamici.

INSEGNARE L’ARABO AI FRANCESI. Davanti a tali e tante difficoltà, il rapporto finisce per consigliare allo Stato di chiedere ai «responsabili del culto musulmano di determinare un contenuto comune degli insegnamenti religiosi per creare una certificazione interna al mondo musulmano». Ma si sa che le diverse correnti e scuole coraniche musulmane non potranno mai fare niente del genere. Infine, ultima indicazione, per favorire l’integrazione si suggerisce di diffondere l’insegnamento della lingua araba. Come a dire: se la montagna non va da Maometto, Maometto va alla montagna.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Si infiamma il segmento delle hatchback sportive. La Renault non resta a guardare e risponde alle rivali più agguerrite del momento, vale a dire Ford Focus RS e Volkswagen Golf R, con la nuova generazione della Mégane RS. Attesa al debutto in occasione dell’imminente Gran Premio di F1 di Montecarlo, la media ad alte prestazioni […]

L'articolo Renault Mégane RS 2017: debutta a Montecarlo proviene da RED Live.

Con la nuova Micra, Nissan ha voltato pagina. La più recente generazione dell’utilitaria giapponese, presentata nel 2016, è infatti cresciuta nelle dimensioni – è più lunga di 17 cm e larga di 7 cm rispetto al vecchio modello – si è ispirata esteticamente alle SUV Qashqai e X-Trail, ha beneficiato di una linea aggressiva e […]

L'articolo Nissan Micra, si amplia la gamma proviene da RED Live.

Come uno scultore affina le proprie opere, così MINI dedica una serie di aggiornamenti ai modelli in gamma, concentrati principalmente sull’ampliamento delle dotazioni, delle combinazioni di colori e dell’offerta di motori. Protagonista principale è la crossover Countryman, ma beneficiano di una ventata di novità anche la hatchback e la Clubman. Le vetture in configurazione 2017 […]

L'articolo MINI model year 2017: una ventata di novità proviene da RED Live.

Ti guarda attraverso il finestrino semi abbassato, sorridendo sornione. Stringe tra le mani il volante di una Classe E (serie W211) del 2007 e, con malcelato orgoglio, ti dice che lui, con quell’auto, ha percorso 500.000 km limitandosi alla manutenzione ordinaria. Poi, quando scatta il verde, saluta con la manina e ti lascia lì, impietrito. […]

L'articolo Long run Mercedes-Benz E220d proviene da RED Live.

Continua l’offensiva Skoda nel segmento delle SUV. Dopo la Kodiaq, ecco debuttare in veste definitiva la Karoq, erede della conosciuta Yeti. Quest’ultima, sul mercato dal 2009, esce definitivamente di scena, cedendo il passo a una moderna, ma esteticamente più convenzionale, crossover dalle dimensioni compatte. 32 cm più corta della Kodiaq La nuova Karoq, “gemella diversa” […]

L'articolo Skoda Karoq: profumo di Tiguan proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana