Google+

Nicolas esce di prigione, condannato “solo” a una multa di 3000 euro

luglio 9, 2013 Leone Grotti

Il procuratore aveva chiesto cinque mesi di prigione con pena sospesa, il giudice ha deciso che uscirà di prigione e dovrà pagare 3000 mila euro, di cui 1500 sospesi

Nicolas uscirà di prigione oggi stesso. Il giovane manifestante contro il matrimonio gay è stato condannato durante il processo di appello nel pomeriggio a 3 mila euro di ammenda (1500 come pena sospesa). A metà giugno, gli erano stati inflitti quattro mesi prigione, di cui due obbligatori.

RIBELLIONE. La procura oggi ha chiesto al giudice cinque mesi di prigione e 1000 euro di ammenda, con sospensione della pena. L’avvocato generale ha aggiunto: «Se la corte ritiene di pronunciarsi per un periodo di carcere obbligatorio, chiediamo che non ecceda la durata della detenzione già effettuata». Nicolas infatti si trova già da oltre 20 giorni in prigione (qui si può firmare la petizione online in suo sostegno). Il processo di appello l’ha scagionato dall’accusa di ribellione e di aver fornito una falsa identità, ma l’ha ritenuto comunque responsabile di aver partecipato a una “manifestazione non autorizzata”.

NESSUN PASSO INDIETRO. I suoi sostenitori si aspettavano un passo indietro da parte dei giudici e una sua assoluzione, visto che da più parti della società, anche quelle favorevoli al matrimonio gay, si è parlato di «condanna inaudita» e di «delitto d’opinione». Non è andata così ma il fondatore dei Veilleurs potrà uscire dal carcere di Fleury-Mérogis.

GRANDE MANIFESTAZIONE. Oggi, in sostegno a Nicolas e per festeggiare la sua scarcerazione, è stata anche organizzata alle 19 in Place de l’odéon a Parigi una manifestazione che chiama a raccolta tutti i diversi movimenti nati spontaneamente dalla Manif pour tous: «Veilleurs, sindaci della resistenza, deputati, Hommen, Mariannes, Camping Pour Tous, Printemps Français, e ovviamente i simpatizzanti della Manif pour tous. Ognuno a suo modo, chiediamo la fine della repressione da parte della polizia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

18 Commenti

  1. Paolo says:

    Eroe per cosa sig. Landi? Per aver condotto una manifestazione non autorizzata, essersi rifiutato di fornire identità e impronte digitali alla polizia, essere fuggito per nascondersi in una pizzeria. Il tutto dopo che era già atto fermato qualche settimana prima? Mi dica…o forse lo considera un eroe in virtù della becera motivazione che lo ha spinto a tutto ciò? Coraggio dica

    • Q.B. says:

      Paoletto non fare scherzi non è così che ci si comporta: tira subito fuori l’ideologia religiosa!

    • Gmtubini says:

      Ti sei dimenticato di scrivere che mentre fuggiva dai gendarmi il reo ha sparato all’impazzata tra la folla ammazzando venti persone e un povero barboncino (una pallottola di rimbalzo) e, quando si è barricato in pizzeria con una ventina di ostaggi, per dimostrare che faceva sul serio, ha mangiato tutta la mozzarella e ha sgozzato tre vecchiette di Marsiglia col coperchio della latta dei pelati.
      Si, vabbè, buonanotte.
      Ah, dimenticavo, dove diavolo sono finite l'”ideologia religiosa” e la “fatina dei denti”?!

      • Paolo says:

        Sempre lì sig. Tubini in ciò che scrive…comunque potrebbe quindi sostenere che ciò che ho scritto non risponde al vero? Le ricordo che l’odioso motivo contro le famiglie omoparentali per il quale il sig. Manifestava non è stato causa del suo arresto….ma neanche può pretendere che sia causa di ingiustificata ìndulgenza

    • Quercia says:

      Forse eroe è troppo..però non so come classificarlo, chiaramente positivamente, chi si è fatto qualche mese di isolamento in carcere perchè..ah già perchè s’è fatto mesi di isolamento? ah giusto!! non ha detto il suo secondo cognome durante un controllo forse abusivo della polizia e poi ha provato a scappare in una pizzeria.
      Forse vittima è più esatto.

      Comincio a temere che le varie “lobby gay” (se così si possono definire) siano più che altro delle ricchissime elitè più che delle minoranze discriminate. Avete notizie di qualche omosessuale che durante un gay pride sia stato arrestato e si sia fatto mesi di isolamento (il tutto giustificato o “silenziato” dai maggiori media)?

    • viccrep says:

      certo che non difendere la libertà di espressione dà la misura di quanto le istituzioni francesi siano cadute in basso, e tu paolo sei uno che difende i no tav i no global e via cantando.
      Non provi neanche un po’ di vergogna?

  2. Enrico says:

    Ai francesi ci vorrebbero i No Tav italiani eroi democratici e pacifici. O giovani dei centri a-sociali che sfasciano le città. E magari anche la vittima Carlo Giuliani che voleva solo ammazzare dei Carabinieri, suoi coetanei in divisa. Poi ne riparliamo.

  3. Gi_GI says:

    “Oggi, in sostegno a Nicolas e per festeggiare la sua scarcerazione, è stata anche organizzata alle 19 in Place de l’odéon a Parigi una manifestazione che chiama a raccolta tutti i diversi movimenti nati spontaneamente dalla Manif pour tous”

    Se il risultato è quello in foto, mi sa che andata malino la manifestazione…. non so perchè ma ho come il sentore che piano piano anche i francesi l’abbiano capita e iniziano a non rompere + le balle….

    • H.Hesse says:

      Non so perché, ma ho come il sentore che tu abbia scritto una zarrata (come sempre, del resto).

      • Gi_GI says:

        bene, allora tira fuori le prove del contrario…. altrimenti lo spara balle sei tu….

        • Q.B. says:

          Gigi à la française, ti ricordo che i tuoi trascorsi, vale a dire le perle di saggezza che hai dispensato urbi et orbi dalle pagine di questo sito, siano sufficienti a indicare con sufficiente chiarezza chi, fra te e lo steppenwolf, sia l’autentico “zarratore”; Ripensandoci meglio, sono convinto che appariresti poco credibile anche in un confronto vis-à-vis con l’ape maia.

          • Piero says:

            E state lì ancors a rispondere ai troll ?? Sono dei poveretti, ignorateli ……

            • Gi_GI says:

              se c’è un ignorantello/i quello sei te e chi come te crede a prescindere a tutte le cose pubblicate su tempi senza un minimo di critica e ragionamento.

              • H.Hesse says:

                Piero ha scritto “ignorateli” e non “ignorantelli”, asino.

                • Piero says:

                  Lascia perdere, è tempo perso, ripeto, ignoriamoli…

                  “……..se qualcuno poi non vi accoglie e non dà ascolto alle vostre parole, uscite da quella casa o da quella città e scuotete la polvere dei vostri piedi. In verità io vi dico: nel giorno del giudizio la terra di Sòdoma e Gomorra sarà trattata meno duramente di quella città…….” (Mt. 10,14-15)

  4. Italo Sgrò says:

    Sapete se c’è qualche sottoscrizione a favore di Nicolas per aiutarlo a pagare la multa?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download