Google+

Francia, ma quale allarme omofobia? Ecco i numeri ufficiali: «Le vittime nel 2012 sono lo 0,3 per cento»

dicembre 20, 2013 Leone Grotti

Secondo il rapporto annuale dell’Osservatorio nazionale, che dipende da un istituto del governo francese, le offese omofobe sono addirittura in calo: tra il 2006 e il 2011 erano dello 0,4%

«Ci si può opporre al matrimonio e all’adozione per le coppie dello stesso sesso e non essere omofobi? SOS omofobia avrebbe tanto voluto crederlo. Ma siamo costretti a constatare che la risposta è negativa». Scriveva così a maggio nel suo rapporto sull’omofobia il sito SOS Homophobie – mentre nel paese si discuteva della legge sul matrimonio gay poi approvata dal governo Hollande – affermando che nel 2012, rispetto al 2011, si erano verificati il 27% di atti omofobi in più e lanciando una campagna martellante sui giornali. Bene, era tutto falso.

NUMERI UFFICIALI. È appena uscito in Francia il rapporto annuale dell’Osservatorio nazionale della delinquenza e delle risposte penali, che dipende da un istituto del governo francese. A pagina 9 si può leggere: «Dal 2006 al 2012, lo 0,4% delle persone a partire dai 14 anni ha dichiarato di essere stato vittima di insulti, tra cui anche offese a carattere omofobo. Il tasso per quanto riguarda il 2012 si attesta allo 0,3% (0,5% per gli uomini e 0,2% per le donne)».

DI COSA PARLA HOLLANDE? Davanti a questi numeri ufficiali, di quale “allarme omofobia” sono andati avanti a parlare per mesi il ministro della Giustizia francese Christiane Taubira e il presidente della Repubblica Francois Hollande quando hanno deciso di legalizzare il matrimonio gay? Di quale allarme parlano siti come SOS Homophobie?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Paolo scrive:

    Parlano di qualcosa di serio e reale…cosa dire invece di chi parla di “persecuzioni dei cristiani” in Europa??
    Lì veramente c’è da porsi molte domande!!!

  2. marzio scrive:

    L’ostracismo nei confronti dei Cristiani esiste e come ,in alcuni Paesi europei

  3. luca scrive:

    i numeri come sono riportati o sono sbagliati o si parla di un fatto enorme… dicono che ben 3 persone su 1000 dai 14 anni in su sono state vittima dell’omofobia, numeri enormi se si considera che i gay sono circa il 10% della popolazione… praticamente un gay ogni 10 è stato vittima di omofobia?

    • Azaria scrive:

      Attenzione Luca che stai facendo molta molta confusione.
      Il testo parla di insulti TRA CUI anche offese a carattere omofobo.
      Se un omosessuale viene insultato non perché omosessuale ma perché in quel momento sta litigando o perché calvo o perché basso o altro non é certo un problema di intolleranza verso gli omosessuali.
      Inoltre non é detto che tali insulti siano stati riferiti solo a persone omosessuali (proprio visto quel “tra cui”).
      D’altra parte il documento viene da un ente relegato al controllo della delinquenza in generale.

      Infine aggiorno le tue statistiche, secondo le piú attendibili il tasso di omosessualitá si attesta a circa il 2% della popolazione.

      P.S.: Controlla anche i tuoi calcoli, perché se anche i tuoi dati fossero corretti (e cioé quel 0.3% di insulti fossero tutti legati all’omosessualitá) i calcoli esatti porterebbero a 3 omosessuali su 100 che sarebbe un pessimo valore, concordo, ma come ti ho detto:
      1. é comunque nettamente inferiore al tuo uno su 10
      2. parte da dati sbagliati

    • Alberto scrive:

      L’articolo dice che nel corso del 2012 lo 0,3% dei cittadini oltre i 14 anni è stato vittima di ingiurie.
      Ma si tratta di ingiurie in generale, (tipo “cicciobomba”, “cornuto”, “negro di m.” ecc.), rispetto alle quali quelle di tipo omofobo sono solo una parte.
      Sveglia!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

H-D Perugia ha vinto il titolo di Battle of the King 2017 emergendo fra i 42 concessionari ufficiali Harley-Davidson sul territorio nazionale, con una apprezzatissima special su base Roadster di progetto e produzione interna. L’elezione e la proclamazione della moto vincitrice sono avvenute nell’ambito della serata The Battle of the Kings – Italian Showdown svoltasi giovedì […]

L'articolo The Battle of the Kings 2017, premiata la special su base Roadster proviene da RED Live.

I dati di mercato parlano chiaro: il segmento delle 125 viaggia a gonfie vele e nel 2016 ha fatto registrare in Italia una crescita del 40,6% rispetto al 2015. Su scala mondiale i valori relativi sono meno esaltanti ma in termini assoluti i numeri della categoria si possono tranquillamente definire da capogiro. Con un un […]

L'articolo Yamaha YS 125: chi ben comincia… proviene da RED Live.

Bye bye 1.6 TDI da 110 cv. Hai fatto un buon lavoro, però i tempi sono maturi perché tu venga sostituito da un’unità sì di pari cilindrata, ma più moderna e performante. Almeno questo è il parere di Audi che dedica alla gamma A3 il quadricilindrico turbodiesel di 1,6 litri e 116 cv già impiegato […]

L'articolo Audi A3: 1.6 TDI da 116 cv per tutta la famiglia proviene da RED Live.

A chi è capitato, almeno una volta, di transitare sulla A4 Milano-Venezia poco prima di Bergamo non può essere passato inosservato un modernissimo edificio lungo un chilometro tutto rosso. Che si chiama, appunto, Kilometro Rosso. Ed è inevitabile cercare di immaginarsi cosa ci sia dietro, o addirittura dentro. Ebbene, come molti sanno rappresenta una delle […]

L'articolo Al di là del Kilometro Rosso proviene da RED Live.

Cresce la famiglia Range Rover. Tra la “piccola” Evoque, declinata anche in configurazione Coupé e Convertible, e la Range Rover Sport s’inserisce l’inedita Velar, chiamata al debutto in occasione del Salone di Ginevra (9-19 marzo). Sebbene non siano state diffuse informazioni di dettaglio in merito al nuovo modello, è probabile che possa contare su di […]

L'articolo Range Rover Velar: un nuovo tassello proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana