Google+

Francia. Cinque intellettuali non cattolici (e mangiapreti) contro l’utero in affitto

giugno 20, 2015 Lucetta Scaraffia

In altri paesi (fra cui l’Italia) esiste lo stesso problema, ma non si è aperto un dibattito vero e i laici sembrano rassegnarsi tutti a quello che viene considerato un “progresso”

utero-affitto-maternità-surrogata-shutter

Articolo tratto dall’Osservatore romano – «Le leggi non sono fatte per coprire le ingiustizie, ma per prevenirle». Con questa indiscutibile affermazione si chiude un appello, firmato in Francia da cinque importanti intellettuali e politici, di diversa, anche opposta, provenienza, nessuno di loro cattolico. I filosofi Sylviane Agacinski e Michel Onfray, la scrittrice Eliette Abécassis, il deputato europeo José Bové e la giurista Marie-Anne Frison-Roche si oppongono a una forma di tacito consenso legale che si sta affermando nel paese sul riconoscimento del figlio nato dal ricorso alla madre surrogata, riconoscimento in realtà proibito dalla legge.

Con la scusa di proteggere i figli nati da questa pratica all’estero si arriva infatti a riconoscere la paternità e la maternità a persone che secondo la legge non dovrebbero averla. I firmatari denunciano questa pratica che utilizza motivazioni falsamente pietose per avvalorare «l’applicazione della legge di mercato alla procreazione». In California, per esempio, Stato dove è legale la pratica dell’utero in affitto, la filiazione è stabilita «sulla base di uno scambio commerciale» fra le parti, e il bambino diventa il prodotto di una sorta di ordinazione, come una merce.

Gli autori dell’appello ricordano invece che la legge francese mantiene una differenza fra le cose — che possono essere donate o vendute — e le persone: il problema è decidere se la procreazione di un figlio può diventare oggetto di uno scambio mercantile. Decidere cioè se può essere negato il legame filiale, che unisce fisicamente, simbolicamente e giuridicamente il figlio alla madre che l’ha messo al mondo. In sostanza, se si può con tanta leggerezza negare lo stato di madre alle donne che hanno accettato di essere utilizzate in questo modo. No alle madri fantasma! titola «Le Monde» del 17 giugno, che accompagna l’appello a un articolo che sostiene invece la liceità di questa pratica se avviene in modo puramente disinteressato. Condizione, come ben si sa, che molto difficilmente si constata nella realtà.

In altri paesi (fra cui l’Italia) esiste lo stesso problema, ma non si è aperto un dibattito vero e i laici sembrano rassegnarsi tutti a quello che viene considerato un “progresso”. Ancora una volta i laici francesi hanno il coraggio di intraprendere una battaglia per difendere il rispetto dell’essere umano e un giornale laico come «Le Monde» di diffondere il loro punto di vista.

Foto maternità surrogata da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Aspettiamo fiduciosi le varie Filomena-Lucillo-Xyzk-Nino-Shiva che ci diranno come e quanto questi siano integralisti e servi del vaticano ecc. ecc.

  2. Raider scrive:

    A impressionare di più, fra i magnifici cinque, è Michel Onfray: noto per le sue campagne ateiste, per il suo intransigente rigetto di ogni religione, quella cristiana prima e più delle altre. Evidentemente, le conseguenze estreme di un certo modo di pensare non possono essere accettate nemmeno da lui.
    La persona non è indifferente, l’individuo è sacro, ogni uomo è un bene superiore alle cose cui lo si vorrebbe subordinare: lo è sul piano dell’essere, della sua nascita, per – ebbene, sì! – diritto naturale: la vita umana viene prima di tutto: e siccome nasce indifesa, tutto va fatto per difenderla. In termini cristiani, nel Verbo che lega Dio e gli uomini nella stessa libertà per decisione e iniziativa divina, nella creatura ritroviamo la grandezza e la potenza del Creatore. Dio si è fatto Uomo: da allora, non è più possibile negare o ignorare ciò che era già scritto nel cuore degli uomini: la dignità della Persona, sempre, perché Dio non ha stimato indegno di Lui salvare ciò che – chi – è perduto agli occhi degli uomini.
    Questa consapevolezza è in grado di resistere a tutte le altre certezze, di capovolgerle, perfino o di tracciare un ordine di priorità – di scelte: la morale o se si vuole essere più precisi, l’etica è questo – che precede e fonda ogni altro ordine, quello sociale e politico.
    E perfino l’ateo Onfray non può fare a meno di riconoscerlo. Diventando un esempio e un termine di confronto rispetto a chi esita, a chi di defila, a chi si tira indietro e a chi tradisce la propria fede e la missione cui è chiamato.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana