Google+

Florida approva una legge che salverà i bambini sopravvissuti all’aborto. Obama: «Retrogradi»

maggio 10, 2013 Benedetta Frigerio

La legge approvata dal Senato della Florida vuole tutelare proprio quei bambini che sopravvivono all’aborto, obbligando i medici a salvarli

La riforma sanitaria di Barack Obama, che include l’obbligo per le aziende di pagare ai dipendenti contraccezione e aborto, e l’influenza del colosso dell’aborto americano Planned Parenthood non hanno frenato il Senato della Florida, che settimana scorsa ha approvato una nuova legge contro l’infanticidio.

«RETROGRADI».
Obama ha attaccato nei suoi ultimi discorsi leggi come quelle di recente approvate in Kansas e North Dakota, definendole «retrograde», ma l’America sembra spaccata in due anche a causa del processo al dottor Kermit Gosnell, di cui si parla molto poco, e il reportage di Lila Rose, “Inhuman”, che hanno evidenziato la barbarie dell’aborto perpetrata in tante cliniche americane, dove i bambini sopravvissuti vengono lasciati morire. La legge approvata dal Senato della Florida vuole tutelare proprio quei bambini che sopravvivono all’aborto, obbligando i medici a salvarli.

12 STATI. La Florida l’anno scorso aveva già introdotto diciotto provvedimenti per limitare l’accesso all’aborto, ora però potrebbe realizzarsi quello che lo stesso Obama ostacolò quando era parlamentare in Illinois: il provvedimento Hb 1129 obbliga a fornire cure mediche ai bimbi di solito prematuri che sopravvivono all’aborto, che negli Usa è permesso in alcuni Stati anche al quinto o sesto mese. I neonati saranno seguiti dagli ospedali e non dalle cliniche. Il secondo disegno di legge, il 1414, introdotto dal senatore repubblicano Stephen R. Wise, cerca invece di bloccare il finanziamento degli aborti tramite i fondi dei contribuenti, usando una clausola contenuta proprio nella riforma di Obama e utilizzata ugualmente anche dai Parlamenti di Idaho, Kentucky, Oklahoma, Missouri, North Dakota e Kansas. Sono circa dodici gli Stati che hanno già presentato disegni di legge simili.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    concordo pienamente con donato

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’edizione speciale della SUV tedesca può contare su interni raffinati e una dotazione decisamente ricca. È disponibile in abbinamento al V6 3.0 TDI in entrambi gli step di potenza (204 e 262 cv). Prezzi da 64.925 euro.

Appassionati del pedale, delle 2 e delle 4 ruote, questa rubrica è per voi. Se non sapete cosa fare date un'occhiata. Se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

La nuova generazione della compatta francese riprende alcuni elementi stilistici della crossover C4 Cactus e può contare su possibilità di personalizzazione sconosciute al vecchio modello. Balzo generazionale quanto a infotainment e dotazioni di sicurezza.

Sono passati 30 anni dalla prima vittoria alla Grande Boucle. Per festeggiare l'evento il brand francese lancia un'edizione limitata di 200 esemplari della sua punta di diamante e un concorso fotografico sui Social

Ispirata nel design alla 911, la seconda generazione della berlina sportiva tedesca cambia tanto nell’aspetto quanto nel layout dell’abitacolo e nella meccanica. Top di gamma la Turbo da 550 cv. Debuttano il cambio PDK a 8 marce e l’assale posteriore sterzante.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana