Google+

Far scegliere alla rete il nome del proprio figlio è la nuova (tristissima) moda 2.0

marzo 3, 2013 Elisabetta Longo

Sul sito Belly Ballot si possono vincere carrozzine, passeggini, pannolini e quant’altro facendo scegliere ad altri il nome del proprio figlio.

Nascere ai tempi dei social network può essere molto rischioso. Ci si può trovare taggati nelle foto che i parenti pubblicano con orgoglio on line prima ancora di imparare a camminare senza possibilità di opporsi alla vanità genitoriale.

PROFILI DI NEONATI. Una ricerca fatta da Pc World su duemila mamme e papà ha dimostrato che un genitore su otto apre al figlio appena nato un profilo tutto suo, su Facebook o su Twitter, mentre uno su quattro non vede l’ora di postare un’ecografia o una foto del pancione della mamma. Entro le prime 24 ore di vita, uno dei due genitori avrà già postato una foto con il piccolo per mostrarlo a parenti e conoscenti.

SCEGLI IL NOME. Ma come proiettare il figlio nella dimensione 2.0 se prima non si è scelto un nome adeguato? Occorre farlo, sempre on line ovviamente. Tramite il sito Belly Ballot, ad esempio, che si candida a superare il classico “libro dei nomi”. Qui tutti i nomi sono catalogati in categorie: nomi da rockstar, da aristocratici, storici, di nazioni e paesi, da principesse, da maschiacci, biblici, classici, eroici o da intellettuali, non manca niente. Quando la mamma si iscrive al sito, potrà far partecipare tutti i suoi amici alla grande gara de “scegli il nome per mio figlio” al posto mio. Gli invitati dovranno cliccare sul nome scegliendo tra una rosa di nomi prestabilita dalla madre. Le mamme che riceveranno più clic, rispetto a tutte le altre, vinceranno buoni sconto per carrozzine, passeggini, pannolini e quant’altro. Così si può svendere il proprio figlio prima ancora che nasca.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana