Google+

Non si può «costringere l’esserino a soffrire così a lungo». Questo è “terrorismo dal volto umano”

giugno 18, 2013 Redazione

Olanda e Belgio spostano ancora più in là i limiti dell’eutanasia infantile. I bambini malati non saranno più curati, ma uccisi. Per il loro bene

Citando Michel Schooyans, il docente di filosofia politica all’Università di Lovanio, che ha scritto diversi libri sul “bioterrorismo”, lo potremmo definire il «terrorismo dal volto umano». È quanto sta accadendo in Olanda e Belgio, dove – nota giustamente oggi il Foglio in un editoriale – non c’è più nemmeno «un re Baldovino» capace di compiere il «gran gesto» e dimettersi per opporsi a leggi contrarie alla coscienza e al senso comune. In Olanda e Belgio, di qui a breve, l’eutanasia ai minori sarà estesa a un maggiore numero di casi. E per i bambini nati con malformazione, i limiti, che erano stati finora posti, cadranno in nome della compassione, del diritto a una vita dignitosa e a un’esistenza senza dolore.

L’ESSERINO. Che è successo? Come siamo arrivati a questo punto? Ogni volta che si spinge più in là il limite, la domanda si fa più pressante. Il dottore Eduard Verhagen, il pediatra del “Protocollo di Groningen”, il protocollo che per primo sfondò la barriera dell’eutanasia infantile, ha dichiarato che è sbagliato «costringere l’esserino a soffrire così a lungo». Così, in nome del nostro spirito umanitariano, lo ammazziamo. Così “l’esserino” smette di patire e pure noi, che siamo così addolorati per le sue sorti, possiamo tornare sollevati alle nostre incombenze, finché un qualche panda o balena non catturerà la nostra attenzione per la sua sciagurata sorte.

E’ MALATO? SOFFRE? SOPPRIMETELO. È il capovolgimento del concetto di cura. In base a quello spirito di solidarietà umana, di partecipazione al destino comune, da Ippocrate a noi – passando per la grandiosa storia cristiana che diede al malto una dignità tale da meritarsi luoghi di cura adeguati – siamo arrivati al suo opposto. È malato? Soffre? Sopprimetelo. Per il suo bene, beninteso. Perché anche l’umanitarismo e il dolorismo degli anni Duemila ha bisogno di autogiustificarsi con la bontà. È il “terrorismo dal volto umano”, appunto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Tribute to Thomas More says:

    Concordo pienamente con Benny Del Nero.

    Siamo giunti al capovolgimento filosofico e anche pratico del concetto di assistenza e cura. Invece di alleviare le sofferenze, confortare e cercare ad ogni costo di guarire, si sopprime il malato.
    Perché? Perché è malato.

    Ma tutto questo stravolge 3000 anni di civiltà classica e 2000 anni di civiltà cristiana.

    LA SITUAZIONE E’ GRAVISSIMA. NON VEDO RIMEDI. Anche perché appena si lancia un opinione dissenziente si viene ferocemente attaccati, rinnegando così anche i principi della democrazia.

    La maggioranza delle persone non comprendono che il problema riguarderà presto anche loro stessi, o forse preferiscono rimandare la cosa all’ultimo momento, quando sarà troppo tardi.

  2. Tribute to TM says:

    Facendo un rapido brainstorming negli ultimi due millenni non trovo un attacco così virulento alla civiltà, per quanto lo cerchi.

    Persino dopo la caduta dell’impero romano d’Occidente, quando in Italia e nei territori dell’ex sovranità imperiale giunsero i barbari di Odoacre (re degli Eruli) e deposero Romolo Augustolo e successivamente venne instaurato il governo dei Goti con re Odorico, i cosiddetti barbari lasciarono la cultura (quindi valori e diritto) in mano alle ex classi dirigenti latine.
    Cassiodoro fu lasciato al suo posto così come Severino Boezio e anzi furono nominati consiglieri dei barbari.
    Nessuno osò mettere in discussione il portato di civiltà di Roma.

    Quelli di cui siamo testimoni oggi, invece, sono eventi inauditi che sconvolgono tutto l’Occidente.

    • Quercia says:

      Secondo me invece stiamo rivedendo cose già viste qualche decennio fa.

      Avete mai visto lo spettacolo di Paolini “Ausmerzen”?
      Parla della politica nazista actionT4 che prevedeva l’eliminazione dei malati/handicappati/pazzi ecc. Politica considerata da tutti gli storic come prova generale dei forni crematori.
      La cosa interessante è che viene raccontato come non fosse solo la germania nazista a corteggiare queste idee della purificazione della razza, dell’eliminazione del malato, del risparmio pubblico ecc ma un po’ tutto l’occidente (soprattutto, a dire il vero, i paesi non cattolici).
      La germania, in cui vivevano i luminari medici di allora, era solo più “all’avanguardia” su questi temi.

      Lo spettacolo è lungo (penso un paio d’ore) però è davvero illuminante. Sembra un deja-vu.
      https://www.youtube.com/watch?v=8E-31E_dy5I

  3. tribute to TM says:

    Le conseguenze sono di una gravità INIMMAGINABILE ora: la prima e immediata è l’instaurazione della schiavitù – de facto per ora e poi de iure – a 1700 anni dalla sua abolizione.

    L’uomo torna ad essere oggetto ed utensile come era prima dell’avvento di Cristo.

    L’unica diga era il cristianesimo….: divelta quella, sarà l’alluvione.

    • giovanni says:

      L’unica diga è il cristianesimo, e il male per quanto diffuso non prevarrà mai! Quindi l’alluvione non ci sarà.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.