Google+

europinioni25/99

luglio 7, 1999 Tempi

europinioni

Prodi abbatte l’euro, Berlusconi solleva se stesso I due uomini politici italiani di cui più la stampa europea ha parlato negli ultimi giorni sono Silvio Berlusconi e soprattutto Romano Prodi. A riportare al centro dell’attenzione l’ex presidente del Consiglio italiano e Presidente nominato della Commissione europea è stata la sua sventata dichiarazione al convegno di Federchimica del 21 giugno scorso. Prodi ha evocato la possibilità che l’Italia esca dalla moneta unica, e subito l’euro è sceso in picchiata, passando da 1,04 a 1,03 dollari in un batter d’occhi. Il professore bolognese si è imbufalito coi giornalisti, protestando che il suo discorso era stato riportato in maniera scorretta. Ma fra i quotidiani economici europei (gli equivalenti del nostro Sole 24 Ore, per intenderci) non ce n’è uno che gli dia ragione.

Romano, perché l’hai fatto?

La tribune de l’expansion, francese, titola: “Le dichiarazioni di Romano Prodi sull’Italia nell’euro gettano lo scompiglio”, e nelle pagine interne: “L’euro vittima di una comunicazione disastrosa”. “La stessa rapidità con cui l’entourage di Prodi si è impegnato a correggere la sue parole -commenta il quotidiano francese- è significativo del suo imbarazzo”. Handelsblatt, tedesco, titola in prima pagina: “Prodi provoca un indebolimento dell’euro”, e lamenta le “equivoche dichiarazioni del futuro Presidente della Commissione europea”. Ma il commento più pesante è indubbiamente quello del quotidiano economico europeo più autorevole, il britannico Financial Times. I titoli sono sferzanti: da “L’euro cade per il discorso di Prodi” a “Le parole in libertà costano denaro”, a “La retorica di Prodi evidenzia la generale disunità sull’euro”. I commenti ancora di più: “Prodi -scrive il quotidiano della City- afferma di essere stato male interpretato, ma per un uomo nella sua posizione è veramente ingenua la sola menzione della possibilità che l’Italia non ce la faccia a rimanere nella zona dell’euro. L’euro aveva appena cominciato a riprendersi grazie a un miglioramento dell’economia tedesca. I commenti di Prodi lo hanno ributtato giù a una parità di 1,03 col dollaro, prossima ai minimi storici dell’euro. E tutto questo chiasso non ha fatto nulla per migliorare i sentimenti degli investitori nei riguardi del patrimonio italiano, già scossi dallo scostamento del deficit di bilancio di quest’anno”. “Il vero problema è che la classe dirigente europea, sia politica che finanziaria, non si è ancora adeguata alle realtà della vita nella moneta unica. Fino a quando l’élite dell’Europa non capirà che le parole in libertà indeboliscono la credibilità dell’euro, il progresso della nuova moneta sarà effimero”. Sulle pagine dello stesso quotidiano Chris Iggo, economista internazionale in capo della Barclays Capital, rilascia una dichiarazione fulminante: “Questa è la prima volta che un dirigente europeo di alto rango ha pubblicamente menzionato la prospettiva del ritiro di un paese dall’euro. Ciò solleva la questione del’adeguatezza di Prodi a guidare la Commissione”.

Prodi e D’Alema, i duellanti Per quanto riguarda i motivi dell’imprudente uscita del professore bolognese, le analisi convergono. Anche Le Monde, di solito molto generoso verso l’ex presidente del Consiglio, ammette che Prodi si è lasciato condizionare dalle sue querelle italiane: “Non ha smesso di pensare da uomo politico italiano. Non può continuare ad agire come un capo di partito”, scrive il quotidiano riportando il parere di un anonimo collaboratore. Il quale nota pure che “Massimo D’Alema, destinatario numero uno delle parole di Prodi, ha preso la cosa con filosofia, anche se sa che il suo predecessore non ha mai digerito il suo allontanamento dal governo. Gli alterchi fra i due uomini sono frequenti e il buon risultato ottenuto dal nuovo partito di Prodi alle elezioni europee è una nuova fonte di frizioni”.

Su Berlusconi d’accordo tutti gli italiani Al “ritorno di Berlusconi” The Economist dedica uno dei suoi servizi dall’Europa. Come in tutti i commenti del dopo-voto, viene espresso stupore per la capacità di recupero del fondatore di Forza Italia. Il suo rapporto con l’elettorato è illustrato nei seguenti termini: “La vecchia lagnanza che vorrebbe che Berlusconi si spogliasse dei suoi numerosi interessi televisivi non trova ascolto, di questi tempi, da parte delle orecchie degli elettori. Anche i molteplici problemi di Berlusconi con la giustizia (è stato condannato per corruzione e falso in bilancio, assolto per altri capi di imputazione ed è imputato in un altro paio di processi) non sembrano danneggiarlo molto dal punto di vista politico. Gli elettori suoi simpatizzanti pensano semplicemente che i tribunali sono faziosi. E un mucchio di italiani che non simpatizzano per lui sembrano pensarla alla stessa maniera”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 2018, come eravamo proviene da RED Live.

Anche i nobili, alle volte, sentono il bisogno di rinnovarsi. Si aggiorna così la Range Rover Sport, una delle SUV più blasonate e raffinate al mondo. A quattro anni dall’unveiling avvenuto al Salone di New York, la sport utility britannica beneficia di un profondo facelift estetico e di sostanza. Al punto da portare al debutto […]

L'articolo Range Rover Sport 2018: prima in tutto proviene da RED Live.

Sono universali, adatti alla guida d’estate e al tempo stesso a norma di legge ed efficaci anche d’inverno. Ecco quali sono, quanto costano e che vantaggi promettono i migliori pneumatici all season.

L'articolo Pneumatici quattro stagioni, la guida all’acquisto proviene da RED Live.

Dal 15 novembre è obbligatorio adottare pneumatici specifici per la stagione fredda. Ecco tutto quello che c'è da sapere per viaggiare in sicurezza e scegliere tra modelli invernali, quattro stagioni o chiodati.

L'articolo Pneumatici invernali, dieci cose da sapere proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download