Google+

Espropriata della casa, gambizzata e condannata (per la terza volta): la storia di Ni Yulan

aprile 11, 2012 Leone Grotti

L’avvocato Ni Yulan è stata condannata a due anni e otto mesi per «aver creato disturbo» e per «frode». Ni ha sempre difeso i cittadini cinesi dal governo che espopria le loro case, spesso senza neanche ripagarli. Ni, 51 anni, si muove grazie alla sedia a rotelle dopo che la polizia durante una detenzione l’ha pestata, rendendole inabile a camminare.

L’avvocato e attivista per i diritti umani Ni Yulan è stata condannata oggi in Cina a due anni e otto mesi di prigione per «aver creato disturbo» e per «frode». Anche il marito Dong Jiqin, che l’aiutava nel lavoro di dare assistenza legale alle persone a cui lo Stato espropria le case, è stato condannato a due anni, sempre per «aver creato disturbo». Più di 100 poliziotti hanno circondato il tribunale per evitare che i sostenitori della coppia, compreso il fratello di Dong, assistessero alla conclusione del processo. Solo la figlia ha potuto partecipare, dichiarando il processo una «mostruosità» e una «ingiustizia».

Ni e Dong sono stati messi sotto custodia il 7 aprile 2011, durante una delle tante operazioni della polizia contro membri della società civile per prevenire lo scoppio di una “Primavera araba cinese”. Il «disturbo» per cui Ni è stata condannata consiste nell’avere «strappato il registro» e «insultato» il personale della Yuxinyuan Guest House, una delle cosiddette “black jail” dove la polizia l’aveva rinchiusa illegalmente senza processo né accuse di alcun tipo. Ni aveva strappato il registro per impedire che venissero segnate le persone che andavano a visitarla. La «frode» invece consiste nell’essersi dichiarato avvocato, la sua professione, nonostante le fosse stato imposto di non praticarla più. Il processo si è tenuto il 29 dicembre dell’anno scorso, ma il verdetto è stato pronunciato solo oggi.

La storia di Ni Yulan, 51 anni, e del marito, però, parte da più lontano. Come avvocato, Ni si batte per i diritti dei cinesi a cui i governi locali espropriano il terreno e la casa, spesso senza neanche ripagarli in modo adeguato, per costruire grattacieli o rivendere il terreno per ripianare i debiti dello Stato. Nel 2002, la stessa casa di Ni è stata requisita dallo Stato e le è stato formalmente impedito di continuare a svolgere il lavoro di avvocato. Sempre nel 2002, per avere filmato la demolizione illegale della casa di un suo cliente, è stata presa dalla polizia e condannata a un anno di prigione per avere «ostruito l’attività degli ufficiali». Mentre si trovava in carcere, è stata più volte picchiata e presa a calci fino a quando non è stata più in grado di camminare. Da allora, come lei stessa ha raccontato una volta uscita di prigione, Ni era solo in grado di muoversi strisciando sul pavimento della prigione, finché un membro dell’ambasciata Usa, dopo averla visitata, non è riuscito a procurarle delle stampelle.

Nel 2008 la sua casa è stata demolita e Ni, che oggi è costretta alla sedia a rotelle, è stata condannata ad altri due anni di prigione per «danneggiamento della proprietà pubblica». Uscita nel 2010, stamattina alle 9 è stata ancora una volta processata ad altri due anni e otto mesi di prigione. Il suo avvocato ha già dichiarato che farà ricorso. La storia di Ni Yulan incontra perfettamente le parole pronunciate solo poche settimane fa dal premier cinese Wen Jiabao, che all’Assemblea nazionale del popolo ha dichiarato che le riforme politiche sono urgenti e che bisogna difendere i diritti dei proprietari terrieri. Richieste che sembrano destinate a restare parole.
twitter: @LeoneGrotti

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana