Google+

Entro il 2030 in Danimarca non ci sarà più nessun bambino affetto da Sindrome di Down

febbraio 22, 2012 Benedetta Frigerio

Dal 2004, il governo danese ha reso la diagnosi prenatale gratuita per individuare i feti che presentano la Sindrome genetica ed eliminarli. Secondo il quotidiano locale Berlingske, grazie a questa iniziativa entro il 2030 la Sindrome di Down sarà scomparsa, nascendo ogni anno il 13 per cento di bambini in meno colpiti dalla malattia.

La Danimarca ha annunciato che entro il 2030 raggiungerà l’obiettivo di diventare uno Stato «Down Syndrome free». È stato infatti premiato Niels Uldbjerg, professore danese di ginecologia, che ha progettato l’eliminazione di feti difettosi. Il quotidiano Avvenire il 5 gennaio scorso aveva dato la notizia della spinta in avanti del governo danese, che già nel 2004 aveva stabilito come un diritto l’eliminazione dei “difettosi” rendendo per questo gratuito il ricorso alla diagnosi prenatale.

Secondo il quotidiano danese Berlingske, infatti, proprio grazie al perfezionamento della diagnosi prenatale entro il 2030 la sindrome sarà scomparsa. Uno studio pubblicato nel 2011 dimostra che nel 2004 è nato il 61 per cento di bambini in meno con la Sindrome di Down rispetto agli anni precedenti e dal 2005 i casi di neonati colpiti dalla malattia genetica sono scesi del 13 per cento ogni anno. Si stima quindi che entro il 2030 non ci sarà più nessun bambino Down.
twitter: @frigeriobenedet

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. paolo delfini scrive:

    COMINCIANO CON I BAMBINI DOWN, I PROSSIMI CHI SARANNO? VEDO CHE LE IDEE DI HITLER SONO BEN VIVE NELLA CIVILE DANIMARCA

  2. paolo delfini scrive:

    CHE FOLLIA!

  3. sere scrive:

    non ho capito una cosa, però. la diagnosi prenatale è gratuita.
    ma dopo l’avvenuta diagnosi le persone sono obbligate ad abortire? o caldamente invitate a farlo?

  4. Mappo scrive:

    Dopo i bambini down si potrebbe pensare di utilizzare questa tecnica per altre categorie: Gli zingari? No Vendola ha detto che sono nostri fratelli. Gli omosessuali? No se no chi creerebbe quei begl’abiti per le signore dell’alta borghesia radical chic milanese. Forse gli ebrei? No, a loro ha detto che ci pensa Ahmadinejad. Be’ allora ci sarebbero i cattolici…..Questa sì che sarebbe un’idea, magari si potrebbe aprire un dibattito sulle pagine di Repubblica e del Fatto, magari con Augias e Odifreddi come moderatori, le conclusioni poi potremmo affidarle a Don Sciortino di Famiglia Cristiana.

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta il 2.0 turbo benzina MultiAir da 200 cv dedicato alla berlina di Arese, disponibile solo in abbinamento alla trazione posteriore e al cambio automatico a 8 rapporti. Affianca in gamma il V6 2.9 biturbo da 510 cv e il 2.2 td da 150 o 180 cv. Prezzi da 40.500 euro.

È la versione più potente ed estrema mai realizzata della berlina bavarese. Il V8 4.4 biturbo eroga 600 cv anziché gli originari 560 cv, mentre le sospensioni beneficiano di una taratura decisamente hard. Sarà realizzata in solo 200 esemplari.

Il concept presentato a EICMA lo scorso anno pare proprio destinato a diventare realtà. Honda ne anticipa l’arrivo con un teaser che non svela molto ma che dice tutto

Quello elettrico si somma a quello umano, per garantire orizzonti più ampi e divertimento prolungato. Moterra sarà proposta in due versioni, di cui una con ruote 27+, dedicate a Trail ed Enduro.

Dopo il lancio del Disc Brake Project, nel 2016, ecco prendere forma la prima ruota specifica per freno a disco. Reattività, leggerezza e affidabilità sono gli obiettivi del r&d Campy.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana