Google+

Egitto, presidente Morsi: «Gli ebrei discendono dai maiali e dalle scimmie» Video

gennaio 15, 2013 Leone Grotti

Diffusa un’intervista di tre anni fa al presidente dell’Egitto Mohamed Morsi: «Non dobbiamo mai dimenticare, fratelli, di nutrire i nostri figli e nipoti con l’odio per i sionisti e gli ebrei».

 Circa tre anni fa un membro dei Fratelli Musulmani in un’intervista televisiva ha dichiarato: «Gli ebrei e i sionisti sono sanguisughe che attaccano i palestinesi, sono guerrafondai, discendono dalle scimmie e dai maiali». Tre anni dopo, quella persona è diventata presidente dell’Egitto e ha fatto approvare al paese una Costituzione islamista, nonostante le divisioni e le proteste di piazza.

NESSUNA SMENTITA. Parliamo di Mohamed Morsi, già ritratto da una televisione mentre pregava «per la distruzione degli ebrei». Le dichiarazioni sopra riportate sono state fatte nel 2010, prima che divenisse presidente, ma il fatto che Morsi non abbia fatto niente per smentirle ha fatto infuriare molti egiziani e israeliani.

CRESCERE GLI EGIZIANI NELL’ODIO. L’odio nutrito dai Fratelli Musulmani nei confronti degli ebrei non desta scalpore, lo scorso anno la loro guida suprema Sheikh Mohammed Badie nel suo messaggio settimanale ai fedeli ha detto: «Gerusalemme è islamica e nessuno può accampare pretese sulla città santa. Il jihad per riprendere Gerusalemme è un dovere per tutti i musulmani». In campagna elettorale la Fratellanza aveva anche avanzato l’ipotesi di rivedere il Trattato di Camp David con Israele. Difficile però che arrivi a tanto dal momento che l’Egitto ha bisogno degli Stati Uniti, principali alleati di Israele, soprattutto per sbloccare gli aiuti economici del Fondo monetario internazionale. Un’impresa non facile, soprattutto se Morsi non rinnegherà altre frasi dell’intervista, come questa: «Non dobbiamo mai dimenticare, fratelli, di nutrire i nostri figli e nipoti con l’odio per i sionisti e gli ebrei. I bambini egiziani devono essere cresciuti nell’odio, l’odio deve continuare per Dio, come una forma di preghiera nei Suoi confronti».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. giulio scrive:

    Gli occidentali e i loro alleati arabi hanno fatto carte false per portare al potere un ‘antisemita,pero’ morsi e’un buon liberista, quindi,,,,gli affari sono affari!

  2. lettore scrive:

    Guardate che c’è differenza tra antisemitismo e antisionismo . Lui non ha proprio parlato di “yahud” (che sarebbero gli ebrei) lui parla di sionisti… Non credete a tutte le traduzioni che girano per il web .

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un pantaloncino, una maglia e un giacchino antivento accomunati da materiali tecnologici e soluzioni votate al comfort e alla praticità. Comincia con il piede giusto l'ingresso di Karpos nel mondo della Mtb.

La sportiva nipponica raccoglierà l’eredità delle coupé RX-7 ed RX-8 adottando un motore turbo a combustione interna di tipo rotativo. Potrà contare su 400 cv e un peso inferiore a 1.300 kg. Il debutto è atteso nel 2020.

Nell'era del SUV, il Multivan propone un approccio al trasporto che può apparire desueto e che invece, per comfort e funzionalità, è attualissimo. Alti i prezzi, come del resto la qualità del viaggio

Tubazioni italiane in Al 7000 per il nuovo telaio scatto fisso made in Deda. Sarà presentato all'Eurobike e porterà in dote forcella Carbon/Alloy, sterzo tapered e possibilità di verniciatura custom.

Realizzata in collaborazione con il team Red Bull, è quanto di più simile a una Formula 1. Omologata per la circolazione stradale, adotta un V12 da 1.000 cv e pesa 1.000 kg. L’aerodinamica è da monoposto. Debutterà nel 2018 e costerà oltre 2 milioni di euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana