Google+

Egitto. Centinaia di cristiani in fuga dal Sinai: «L’Isis è assetato del nostro sangue»

febbraio 27, 2017 Redazione

Oltre mille cristiani (su 1.700) scappano dal nord del Sinai dopo l’uccisione di sette cristiani in 10 giorni. «Siamo terrorizzati, l’esercito non ci protegge»

Quando hanno bussato alla porta di casa sua, Saad Hana è andato ad aprire senza neanche chiedere chi fosse. Gli ospiti erano uomini mascherati armati di pistole che hanno ucciso a bruciapelo lui e il figlio, entrambi cristiani. È allora che Said Sameh Adel Fawzy, 35 anni, nipote di Saad, ha capito che era il momento di andarsene dalla città di el-Arish, nel nord del Sinai.

ONDATA DI OMICIDI. Said non è l’unico. Nell’ultima settimana circa 1.000 cristiani (su 1.700 residenti nella zona) sono scappati dalla città egiziana, travolta negli ultimi 10 giorni da un serie di omicidi senza precedenti nella quale sono morti sette cristiani. Nonostante non ci siano state rivendicazioni, tutti puntano il dito contro lo Stato islamico, che già nel 2014 ha dichiarato il governatorato del Sinai del Nord una sua provincia e settimana scorsa ha promesso in un video di aumentare gli attacchi contro «i cristiani infedeli». I jihadisti negli ultimi giorni hanno assassinato i cristiani con armi da fuoco, ma anche decapitandoli e bruciandoli vivi.

«ASSETATI DI SANGUE CRISTIANO». I profughi in fuga da el-Arish si sono riversati in una città sulle rive del Canale di Suez, Ismaliya, dove una chiesa protestante ha aperto le porte per accoglierli. Il governo centrale del Cairo sta inviando aiuti, cibo e vestiti, mentre quello locale del governatorato ha annunciato che retribuirà regolarmente i cristiani in fuga fino a quando non saranno tornati alle loro case.
Wafaa Fawzy, cognata di di Saad, l’uomo ucciso in casa sua insieme al figlio, siede nel centro con lo sguardo perso nel vuoto: «Sono assetati del sangue di ogni cristiano», dichiara all’Associated Press. «Lo avevano detto chiaramente: “Non lasceremo in pace i cristiani”. Vogliono costruire uno Stato islamico». Prima della Primavera araba, circa 5.000 cristiani vivevano nel nord del Sinai. Fino a una settimana fa erano ridotti a 1.700. Dopo le ultime fughe, non raggiungono il migliaio.

«NESSUNO CI PROTEGGE». Ezzat Yacoub Ishak faceva il fabbro ma è scappato insieme ai due figli: «Siamo tutti terrorizzati», racconta, «le forze di sicurezza egiziane si vanno a nascondere, hanno paura di essere uccise, non affrontano i terroristi. Certo, all’entrata della città ci sono i check point, ma dentro non si vede un soldato. Nessuno ci protegge». Mina Misak ha perso il padre in un attentato un anno fa: «Non ho più ragione di restare nel Sinai. Tutti i miei amici se ne sono andati, l’esercito si fa vedere solo se li chiami. Arrivano anche giorni dopo. Finché lo Stato non riesce a garantire la pace, non tornerò indietro».

PEGGIORA LA PERSECUZIONE. La persecuzione dei cristiani in Egitto sta peggiorando rapidamente. Le violenze del Sinai arrivano infatti dopo l’attentato dell’11 dicembre alla chiesa copta di san Pietro, nella capitale egiziana, dove sono morte 29 persone e dopo l’ondata di omicidi di gennaio in tutto il paese. Il presidente Al-Sisi, ex capo dell’esercito musulmano, si è sempre dimostrato vicino ai cristiani: anche quest’anno ha partecipato alla celebrazione solenne del Natale nella cattedrale copta del Cairo, ha promesso di ricostruire le chiese distrutte dai Fratelli Musulmani all’indomani della deposizione armata di Mohamed Morsi, ha fatto approvare una legge per facilitare la costruzione di chiese e ha sempre condannato la persecuzione dei cristiani. Ma non sembra in grado di fermarla.

 Foto Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana