Google+

Dramma Pistorius, spara alla fidanzata. Per la polizia è «omicidio volontario»

febbraio 14, 2013 Redazione

Lui si difende dicendo che sarebbe stato un’incidente: avrebbe scambiato per un ladro la donna, entrata di notte nell’abitazione per fargli una sorpresa per San Valentino. Ma di ora in ora emergono nuove verità.

La notizia è di quelle destinate a suscitare clamore enorme, rimbalzando su ogni giornale e tv in giro per il mondo: stamattina è stato arrestato a Pretoria, Sudafrica, O’scar Pistorius, l’atleta olimpico e paraolimpico, famoso per essere stato il primo sportivo ad aver preso parte ai giochi a cinque cerchi insieme ai normodotati nonostante le due protesi alle gambe. Il velocista è accusato dell’omicidio della sua fidanzata, la modella 30enne Reeva Steenkamp.

C’è ancora poca chiarezza sull’accaduto ma la polizia ha fermato l’atleta con l’accusa di omicidio volontario, non credendo così alla tesi dell’incidente, sostenuta da Pistorius stesso: avrebbe scambiato la donna per un ladro entrato nella sua casa, diceva. Erano le 4 di notte, e pare che la ragazza volesse fare una sorpresa all’atleta, in occasione di San Valentino. Quattro i colpi contati sul corpo della modella, al capo e al braccio, mentre all’interno dell’abitazione dell’atleta è stata ritrovata una pistola calibro 9. Nuove verità emergeranno sicuramente domani mattina, quando Pistorius è atteso in tribunale a Pretoria, ma l’accusa formalizzata parla di omicidio volontario, e più le ore passano più emergono nuove verità. Alcuni vicini dicono di aver sentito già nei giorni precedenti discussioni e litigi provenienti dall’abitazione della coppia: la polizia li sta interrogando. Inoltre Pistorius non potrà nemmeno essere rilasciato su cauzione, in quanto già in passato ha dovuto ricevere alcune denunce per violenze domestiche. Insospettisce poi quanto accaduto qualche mese fa: Pistorius avrebbe minacciato duramente un uomo della produzione di “Tropika Island of Treasure”, reality show cui partecipava la fidanzata. Temeva un tradimento, e per i suoi sms minatori aveva ricevuto pure una denuncia per diffamazione.

LA SUA STORIA SPORTIVA. “Blade Runner”, come è soprannominato dalla stampa locale, è ora in stato di fermo e nel pomeriggio sarà davanti al tribunale di Pretoria per raccontare l’accaduto. Da tutti era conosciuto per la sua incredibile storia sportiva che lo ha portato alle Olimpiadi di Londra 2012 a correre i 400 metri insieme ai normodotati nonostante le sue protesi alle gambe. Su quegli arti in acciaio si era trovato fin da bambino, dato che, dopo la nascita, i suoi genitori avevano deciso insieme ai medici di amputargli entrambe le gambe prive della fibula. Così il ragazzo è cresciuto imparando a governare perfettamente quelle protesi e dedicandosi anche agli sport, pallanuoto e rugby su tutti.

All’atletica ci è arrivato quasi per caso: a 16 anni si ruppe il ginocchio durante una partita di rugby, così il suo medico gli consigliò come cura riabilitativa la corsa. E da lì fu un continuo crescendo, che lo vide arrivare alle Paraolimpiadi di Atene e correre i 200mt in 21,97, stabilendo il nuovo record del mondo. Alternando vittorie contro atleti disabili a eventi con normodotati, Pistorius si è affermato come atleta e simbolo, riuscendo nel 2012 ad ottenere il tempo minimo valido per qualificarsi alle Olimpiadi di Londra 2012, e partecipando con la squadra sudafricana alla staffetta dei 4×400 metri, oltre alle gare singole su 400mt.

Seguici su Tempi Sport

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana