Google+

Disoccupazione giovanile al 32 per cento, «è il frutto di politiche attive inefficaci»

aprile 4, 2012 Chiara Rizzo

Per l’Istat la disoccupazione è aumentata negli ultimi tre mesi: 2 milioni e 300 mila persone senza impiego. Tra i giovani attivi, uno su tre non lavora. Michele Tiraboschi, giuslavorista: «Il problema è l’impostazione formativa, che non permette il rapporto scuola-università-lavoro».

La disoccupazione in Italia sale al 9,3 per cento, oltre 2 milioni e trecentomila persone sono senza lavoro, 45 mila in più rispetto a gennaio. È questo il dato più importante delle ultime statistiche Istat sull’occupazione, un campanello d’allarme a cui sicuramente deve rispondere anche la politica, oltre che l’economia. «Il problema italiano – spiega a tempi.it Michele Tiraboschi, docente di Diritto del lavoro presso l’università di Modena-Reggio Emilia – è semmai il basso tasso di occupazione regolare, l’imponente economia sommersa e la piaga della disoccupazione giovanile che è tre o quattro volte superiore a quella degli adulti».

Con questo drastico aumento della disoccupazione c’entra, anche in parte, l’attuale assetto del nostro mercato del lavoro? E come si contestualizza questo dato con il fatto che nel resto dell’area Euro i disoccupati si attestano attorno al 10,8 per cento?
In realtà la disoccupazione complessiva, pur preoccupante perché in costante ascesa, non è la principale criticità del mercato del lavoro in questo periodo. Lo si vede proprio comparando il dato con quello europeo, più elevato. Il merito di questa migliore tenuta è in buona parte da ascriversi al nostro sistema di ammortizzatori sociali che protegge il posti di lavoro più che indennizzare la disoccupazione. Il problema italiano è semmai il basso tasso di occupazione regolare, l’imponente economia sommersa e la piaga della disoccupazione giovanile che è tre o quattro volte superiore a quella degli adulti.

Il dato che colpisce è che in Italia il 32 per cento dei giovani sono disoccupati, praticamente uno su tre, e la situazione peggiora nel Meridione. In Europa invece il tasso è del 21,6 per cento e peggio di noi stanno Grecia e Spagna. Come mai la disoccupazione colpisce per lo più i giovani, e come mai in questi tre paesi?
In effetti i disoccupati non sono appena uno su tre giovani, ma uno su tre giovani attivi (così si calcola il tasso). Questa semplice formula permette di evidenziare il vero problema: l’inattività giovanile. È la più alta in Europa, più ancora che quella spagnola, dove la disoccupazione giovanile è una vera e propria emergenza sociale. Ciò che accomuna gli stati citati in questo ambito è l’inefficienza delle politiche attive del lavoro e, soprattutto, un’impostazione formativa che non permette il rapporto scuola-università-lavoro. La soluzione al problema, quindi, si gioca sulla capacità che questi paesi avranno di rendere operativo il contratto di apprendistato, quello stesso che permette agli stati dell’Europa continentale tassi di disoccupazione giovanile molto contenuti, anche durante la crisi.

Al centro del dibattito sul lavoro ci sono anche le 350 mila persone definite dalla stampa “esodati”. Secondo lei cosa si dovrebbe fare per risolvere il problema? Esistono davvero le risorse per coprire queste mobilità?
Tutte le riforme, per definizione, toccano i cosiddetti diritti acquisiti. In questo caso la riforma del ministro Elsa Fornero è intervenuta mutando le condizioni di contesto che avevano giustificato accordi privati tra diverse imprese e i propri lavoratori nei processi di riorganizzazione. Non vi è, quindi, una responsabilità diretta dello Stato, ma è innegabile che il quadro d’insieme che sta emergendo è preoccupante, con persone che rischiano di essere economicamente scoperte per anni e che sappiamo avere ben poche possibilità di rientrare nel mercato del lavoro (sono tutti lavoratori over 55). Certamente il Ministero interverrà mettendo a disposizione nuovi fondi, come il Ministro ha già affermato nei giorni scorsi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana