Google+

Davanti al jihad Mosca non è cieca

aprile 16, 2017 Alessandro Sansoni

L’attentato a San Pietroburgo, le insinuazioni occidentali sul ruolo del presidente e le teorie del complotto interno visti con gli occhi del Cremlino

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – L’attentato che ha colpito la metropolitana di San Pietroburgo lunedì 3 aprile, tra la fermata di Sennaya Ploshchad e quella di Technologichesky Institut, «destabilizza gravemente il quadro della politica interna russa». Non usa mezzi termini l’analista di geopolitica.ru Daria Platonova nel commentare le conseguenze dell’esplosione che è costata la vita a 14 persone. Se le indagini della polizia di San Pietroburgo hanno rapidamente portato all’individuazione dell’attentatore-kamikaze, il ventiduenne uzbeko-tagiko con passaporto russo Akbarjon Djalilov, chiarendo immediatamente la matrice terroristica e islamica dell’attentato, più articolate sono state le reazioni e i commenti, tanto a Mosca, quanto all’estero.

A parte gli attestati di solidarietà al popolo russo, subito il fatto di sangue è stato interpretato come «un attacco a Putin», la formula con cui hanno titolato la notizia alcuni giornali occidentali. Una lettura maliziosa: non l’ennesima azione terroristica messa in campo da elementi fondamentalisti, dunque, come altre verificatesi in Francia, in Germania o a Londra pochi giorni prima, ma un’iniziativa che individua nel presidente della Federazione Russa, l’istigatore, o, peggio, l’ispiratore dell’attentato. Le letture dietrologiche non si sono circoscritte solamente agli ambienti russofobi occidentali. «Molti attivisti liberali e filo-occidentali – spiega a Tempi Daria Platonova – affermano che dietro l’attentato nella metro di San Pietroburgo ci sia lo zampino di Putin, che spera in questo modo di compattare l’opinione pubblica attorno al governo».

Secondo la Platonova, «la capacità di influenzare i media russi di cui dispongono le élite globaliste è molto forte e tende a minare il potere del Cremlino, oggi divenuto il punto di riferimento per coloro che sono impegnati a costruire un nuovo ordine geopolitico mondiale secondo lo schema multipolare». Un’opinione, evidentemente, molto distante da quella condivisa dai principali media europei e americani, che vedono, al contrario, Mosca particolarmente impegnata a influenzare l’opinione pubblica occidentale attraverso un’attività di controinformazione e di condizionamento delle competizioni elettorali.

Cinquantamila in piazza
Resta il fatto che l’attentato di San Pietroburgo ha avuto luogo proprio nel giorno in cui Putin si era recato in visita in quella città, la sua città, dove è nato e dove ha mosso i primi passi in politica, e che l’esplosione è avvenuta non distante da dove il presidente si era appena incontrato con il suo omologo bielorusso Aleksandr Lukasenko.

In effetti i contorni della vicenda sono poco chiari. Secondo gli investigatori, forse l’attentatore non sapeva nemmeno di essere un kamikaze. Si era radicalizzato da poco e il congegno sarebbe stato attivato a distanza, attraverso un cellulare. Presumibilmente Djalilov stava piazzando vari ordigni in punti diversi della metropolitana e non immaginava che l’avrebbero fatto saltare in aria. Inoltre nessuna organizzazione ha rivendicato l’attentato, laddove l’Isis, il giorno successivo, non ha esitato a intestarsi un agguato ad Astrakhan nel quale hanno perso la vita due poliziotti. Non è da escludere che il tutto possa essere inquadrato nel conflitto tra apparati dello Stato, in atto in questo momento in Russia, dove Putin sta procedendo a un impressionante ricambio generazionale della classe dirigente, mettendo da parte alcuni pezzi da novanta della politica moscovita e una parte dei suoi vecchi amici del Fsb (il servizio segreto russo). Sono quelli che l’esperto di geopolitica russo Aleksandr Dugin chiama la “sesta colonna”, in apparenza seguaci del presidente, in realtà sabotatori della sua politica “patriottica”.

In ogni caso, il governo è apparso molto scosso dall’attentato. Nonostante per la Russia non sia una novità il terrorismo islamico (va ricordato che Putin pose alla base del suo programma, allorché giunse al potere nel 1999, proprio la lotta al terrorismo islamista ceceno), il primo ministro Medvedev ha subito varato alcuni provvedimenti in materia di sicurezza e giovedì 6 aprile la piazza è stata mobilitata con un’imponente manifestazione tenutasi nella capitale e alla quale hanno partecipato oltre 50 mila persone contro la minaccia terrorista.

Infine, se qualcuno aveva pensato che i morti di San Pietroburgo avrebbero potuto favorire il miglioramento delle relazioni tra Russia e Occidente in nome della solidarietà contro il comune pericolo jihadista, l’acuirsi della crisi siriana – con l’accusa lanciata contro Assad di avere effettuato un terribile bombardamento con armi chimiche sulla città ribelle di Idlib all’indomani dell’attentato, poi venerdì 8 aprile la rappresaglia americana che ha raso al suolo la base da cui sarebbero partiti gli ordigni – ha immediatamente fatto tramontare questa ipotesi, aprendo viceversa uno scenario in cui persino il possibile riavvicinamento tra Washington e Mosca, prospettato dall’elezione di Trump, appare sempre più lontano.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana