Google+

Cuffaro non screditò Falcone. Il tribunale di Palermo condanna Di Pietro per diffamazione

maggio 31, 2013 Redazione

L’ex pm dovrà risarcire l’ex governatore siciliano per aver avallato come veritiero un video frutto di un’evidente manipolazione.

di-pietro-jpg-crop_displayLa I Sezione Civile del Tribunale di Palermo ha condannato con sentenza n. 1742/2013 Antonio Di Pietro per diffamazione ai danni di Totò Cuffaro. L’ex pm di “Mani pulite” linkò sul proprio sito internet un video presente sul portale Youtube intitolato “Totò Cuffaro aggredisce Giovanni Falcone. Il video era una falsificazione grossolana, ma aveva già scatenato contro l’allora senatore Cuffaro più di 4600 commenti di anonimi internauti, alcuni dei quali contenenti anche minacce di morte. Cuffaro, per questa ragione, nel 2009, si era rivolto alla magistratura prima con un esposto contro gli anonimi internauti, e poi con un atto di citazione contro Di Pietro. Il PM aveva promesso tutela legale agli anonimi internauti autori dei commenti e nel corso del giudizio invocò per se l’immunità parlamentare che gli fu negata. Simbolica la cifra, appena € 6.000,00, ma che costituisce un importante risarcimento morale per Salvatore Cuffaro.

Come si evince dalla sentenza i video in origine erano tre: Costanzo Show: “Totò Cuffaro aggredisce Giovanni Falcone;La Mafia è Bianca – Totò Cuffaro contro Falcone da Rockpolitik”’;Totò Cuffaro contro Giovanni Falcone , caricati su Youtube da ignoti nel 2007. Quei tre video riproducevano il concitato intervento di un giovanissimo Salvatore Cuffaro nel corso della staffetta televisiva tra il Maurizio Costanzo Show e Samarcanda del settembre del 1991 condotta da Michele Santoro realizzata dopo la morte di Libero Grassi. Tra i presenti Giovanni Falcone. I video avevano suscitato più di 4600 commenti di anonimi internauti, alcuni dei quali contenenti anche minacce di morte (Cuffaro deve fare la fine di Falcone, spero che qualcuno prima o poi trovi il coraggio di rischiare… e di sparare un colpo in testa a sti buffoni”; Sono questi i momenti in cui vorrei essere un mafioso. Cosi da poter far saltare in aria quell’emerito PORCO di Cuffaro! MUORI MAFIOSO PEZZO DI MERDA; diamogli fuoco noi!!!!! in piazza, che faccia da esempio per gli altri e per gli idioti che lo hanno votato Cuffaro bastardo ti ammazzerei con le mie mani). Cuffaro nel 2009, si rivolse alla magistratura.

cuffaro-frase-giallo-processo-mafia-jpg-crop_displayL’iniziativa giudiziaria di Salvatore Cuffaro aveva però suscitato l’immediata reazione dell’On. Antonio Di Pietro, il quale, con un articolo pubblicato sul proprio sito internet, oltre a rilanciare l’accusa della inesistente aggressione verbale, aveva anche solidarizzato con gli autori dei commenti, promettendo loro di sostenerne tutte le spese legali.

Ma i titoli dei tre video presenti su Youtube, uno dei quali linkato da Di Pietro sul proprio sito internet, erano falsificazioni e inducevano in errore tutti gli internauti.

Per questa ragione il Tribunale di Palermo, I Sezione Civile, ha condannato, con sentenza n. 1742/2013, l’ex pm di “Mani pulite” a risarcire Salvatore Cuffaro.

Dopo aver riconosciuto la fondatezza delle ricostruzione storica offerta dagli avvocati Salvatore Ferrara e Giovanni Grutta d’Auria, il Tribunale è giunto alla conclusione che dall’intervento di Salvatore Cuffaro nell’arena di Samarcanda del 21 settembre 1991:

«non si evince un attacco diretto di Cuffaro nei confronti del giudice Falcone. Ed anzi, appare plausibile, alla luce dei riferimenti operati dallo stesso Cuffaro nel medesimo intervento ad un “giudice… che prima è andato in America, poi si è ammalato… ora chiede trasferimenti….” […], la ricostruzione attorea secondo cui il bersaglio delle citate critiche non era il giudice Falcone» (cfr. pag. 11 della sentenza).

La sentenza inoltre attesta che il quotidiano “La Repubblica” – a cui Di Pietro aveva fatto riferimento come una delle fonti della notizia da egli successivamente veicolata – aveva già voluto prendere le distanze da distorte interpretazioni dei propri articoli di stampa, avendo il giornale precisato, già nell’ottobre 2009, su sollecitazione dei legali di Cuffaro, che “In nessuno dei nostri articoli si fa riferimento a un attacco del senatore Cuffaro al giudice Falcone” (cfr. pagg. 11 e 12 della sentenza).

Netta, dunque, la conclusione del Tribunale di Palermo:

«Ne deriva che lo “screditamento” del giudice Giovanni Falcone, che l’articolo di cui oggi si discute attribuisce a Cuffaro, lungi dall’essere un fatto realmente accaduto, costituisce piuttosto un’opinione dell’autore che, tuttavia, non emerge come tale dal contesto dell’articolo medesimo, che si propone, invece, con una ricostruzione sapiente, veicolata dall’uso del grassetto, come resoconto obiettivo dei fatti che sarebbero avvenuti nel corso della più volte citata trasmissione televisiva del 26.09.1991.

giovanni-falcone-paolo-borsellino-largeCosì proposto, il commento operato da Di Pietro nell’articolo di che trattasi, nella parte in cui specificamente afferma “Il rampollo Totò doveva farsi notare … anche a costo di screditare un eroe vero che l’anno successivo sarebbe stato ammazzato con 500 chili di tritolo”, deve ritenersi non giustificato dall’esercizio del diritto di critica, stante il difetto dei relativi presupposti». (cfr. pag. 12 della sentenza).

L’allora onorevole Di Pietro aveva invocato l’immunità parlamentare. Il Tribunale, tuttavia, ha respinto l’eccezione dei suoi legali precisando che:

«Va rilevato al riguardo che non viene qui in rilievo la disciplina di cui all’art. 68, comma 1, Cost., pure richiamata da parte convenuta, atteso che le dichiarazioni di che trattasi non sono state rese da Di Pietro in chiara e stretta connessione con il concreto esercizio della funzione pubblica — sia o non svolta in forma tipica e/o extra moenia — rivestita, all’epoca dei fatti, dal convenuto, né è configurabile un nesso di pertinenzialità con l’esercizio delle ordinarie attribuzioni ordinamentali». (pag. 12 della sentenza).

«La notizia della sentenza- riferisce l’avv. Ferrara- è stata appresa con soddisfazione da Salvatore Cuffaro che ha sempre considerato Giovanni Falcone un eroe civile, un martire della giustizia ed un simbolo di fedeltà allo Stato ed alle Istituzioni, nei confronti delle quali lo stesso Cuffaro, anche nel momento della privazione della libertà, nutre profondo rispetto».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

9 Commenti

  1. Valeria46 scrive:

    Io me la ricordo quella trasmissione del 1991 perche’ mi colpi’ lasciandomi un senso di inquietudine e sarebbe interessante poterla rivedere! Ricordo un Giovanni Falcone ospite da Costanzo. Mentre la platea incalzava, mi sembro’ che Falcone diventasse sempre piu’ inquieto e guardingo ma li ad essere sotto accusa era la Democrazia Cristiana fatta passare come un covo di delinquenti..Ad un certo punto dalla platea, unico a farlo, si alzo’ un uomo giovane (forse era Cuffaro?) che con la voce strozzata grido’ in difesa della DC e dei suoi componenti e la sua voce fu coperta da fischi e schiamazzi. Ricordo anche le accuse di Leoluca Orlando contro un carabiniere del quale non ricordo il nome il quale stava trattando per la testimonianza di Buscetta in qualche processo e che in seguito a questo episodio si suicido’. Da allora ogni volta che vedo Leoluca orlando mi domando sempre: chissa’ mai chi erano i mafiosi presenti li? Beninteso non e’ una accusa ma una sensazione poco piacevole che ebbi allora e che mi fa essere molto guardinga.
    In quanto a Di Pietro lo si vede dagli occhi se uno e’ un uomo buono. Traete da voi le conclusioni.

  2. Pietro scrive:

    Cuffaro intervenne in difesa della DC contro un’inquista sbagliata causata dal un falso pentito di nome Spatola, che aveva messo fuori pista il giudice Taurisano.. Non capisco come mai hanno attribuito a Cuffaro la finta aggressione a Falcone. E’ una vergogna. Per fortuna la verità è venuta a galla

  3. TEQUILA BUM BUM scrive:

    FINALMENTE SU QUESTA STORIA SI E’ DETTA LA VERITA’. VERGOGNA AI MISTIFICATORI DI QUESTA VICENDA.

  4. SIMONA scrive:

    NON ME LO ASPETTAVO CHE POTESSERO ESISTERE PERSONE TANTO CATTIVE DA INVENTARSI CALUNNIE DEL GENERE, RABBRIVIDISCO.

  5. Spike J. Lee scrive:

    Di Pietro condannato giustamente per aver favorito la diffusione di una volgare menzogna, costruita ad arte durante il processo per screditare l’imputato.

  6. split scrive:

    DI PIETRINO HA FATTO IL MONELLINO. NON SI DICONO LE BUGIE, TONINO.

  7. spakken scrive:

    Barcelona Palermo 0-5
    =
    Di Pietro Cuffaro 0-5

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova berlina media premium verrà svelata l’8 settembre. Adotta una scocca portante interamente in alluminio e sospensioni parzialmente derivate dalla sportiva F-Type. Porta al debutto la famiglia di quadricilindrici Ingenium

Il viaggio attraverso l’Engadina per raggiungere Garmisch con la nuova Adventure ha stimolato in noi qualche riflessione

Debutterà a fine agosto la nuova vettura da competizione della Casa della Régie. Dovrebbe essere mossa da un motore centrale by Nismo da 500 cv e dotata di una monoscocca in carbonio made in Dallara. Anticipa una sportiva stradale a marchio Alpine?

Il bizzarro viaggio di una coppia statunitense che ha deciso di vivere alla giornata, su un pulmino alimentato a pannelli solari

Speciale Nuovo San Gerardo