Google+

Cristiani perseguitati: perché il mondo ha paura della semplice verità detta dalla Merkel?

novembre 8, 2012 Leone Grotti

Numeri alla mano, tre casi di discriminazione su quattro nel mondo sono contro i cristiani. La Merkel ha solo detto: «Il cristianesimo è la religione più perseguitata al mondo». Perché il mondo si scandalizza?

È difficile trovare qualcuno a cui Angela Merkel stia simpatica ma è ancora più difficile trovare qualcuno che sappia accettare la verità. Scrivere che la cancelliera tedesca è stata duramente contestata non è una notizia di per sé, succede molto spesso. Ma questa volta la Merkel non è stata bersagliata dalle critiche perché parlava di rigore e austerità, mettendo da parte la crescita dell’Unione Europea, ma solo perché ha detto una piccola semplice verità: «Il cristianesimo è la religione più perseguitata al mondo».

NON L’AVESSE MAI DETTO. La cancelliera ha pronunciato queste parole il 5 novembre a un incontro della Chiesa protestante tedesca e ha scatenato un finimondo. Jerzy Montag, avvocato del partito dei Verdi, ha reagito affermando che «la Merkel si sbaglia e comunque dire queste cose non è di aiuto». Moltissimi attivisti per i diritti umani da ogni parte del mondo hanno subito precisato che non serve a niente fare classifiche di quanto una religione sia perseguitata rispetto alle altre. Human Rights Watch si è affrettata a ricordare che sono duramente perseguitati anche i musulmani in Myanmar, gli ebrei in ogni parte del mondo e i membri del Falun Gong in Cina (dove comunque i cristiani non se la spassano di certo).

DOVE STA IL PROBLEMA? Niente da dire sul contenuto delle filippiche degli attivisti ma perché queste reazioni? Come riportato dal Rapporto sulla libertà religiosa nel mondo di Aiuto alla Chiesa che soffre (Acs) presentato poche settimane fa, tre casi di discriminazione su quattro, cioè il 75 per cento del totale, riguardano i cristiani. Non è una gara a chi viene perseguitato di più, è una fredda statistica. Perché la Merkel, che ha dichiarato anche che «la protezione dei cristiani nel mondo è un importante punto della nostra politica estera» e che «per me la fede è molto importante», non dovrebbe dirlo? Perché agli attivisti di Human Rights Watch dà tanto fastidio? Perché il mondo si scandalizza e non dice invece neanche una parola su questa copertina di Charlie Hebdo? Chissà.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Su Connottu scrive:

    Hanno ragione di scandalizzarsi.
    Come si permette, la Merkel, di disturbare e dare ombra ai preparativi delle omo-nozze planetarie ed ecosostenibili?
    Al rogo (legna riciclata e FAP)

  2. MArco scrive:

    Questa notizia non è stata quasi neanche ripresa sui giornali. In google news alla voce “merkel cristiani” escono solo 2 notizie. Di sicuro i cristiani (e i cattolici in particolare) non godono dell’ottima stampa di Obama.
    E’ triste vedere cmq come molti italiani siano completamente accecati dall’anticlericalismo e lo stesso dicasi di alcuni partiti/ong che di fronte ad un possibile dato di fatto grave (non ho verificato l’info) dicono “beh..capita anche ad altri”. E’ indice di una prepotenza non indifferente. In fin dei conti non si sta parlando di banalità, ma di persecuzioni morali o fisiche.

  3. ezio scrive:

    come cattolici praticanti, stiamo lentamente assistendo alla progressiva conquista del mondo da parte del MALIGNO ! con tutte le manifestazioni piu’ perverse che portano immenso dolore al nostro BUON CREATORE (vedasi continui messaggi mariani nel mondo)!!
    forza , mai disperarsi , il CREDENTE ha la CERTEZZA che il male MAI PREVARRA’!!!!
    attendiamo invece la sua venuta (prossima) con tanta preghiera e carita’!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tempo di restyling per una delle vetture meno convenzionali – almeno esteticamente – degli ultimi anni. In occasione del Salone di Shangai, la crossover Lexus NX beneficia di un lifting di dettaglio cui si accompagnano affinamenti a livello tecnico volti a incrementare il comfort dei passeggeri e a rendere più dinamico il comportamento della vettura. […]

L'articolo Lexus NX: il restyling è sportivo proviene da RED Live.

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

Vi abbiamo già parlato del legame (inconsueto) che c’è tra l’ibericissima Seat e l’italianissima Ducati (entrambe con un tedeschissimo proprietario). Un po’ come se lo Jamon Serrano si gemellasse con il Prosciutto di Parma. L’accordo di collaborazione Seat-Ducati una delle tappe nella consegna di una Leon Cupra nuova fiammante ai piloti Ducati Dovizioso e Lorenzo. Nonostante un […]

L'articolo Un Leon di pilota, Dovizioso va in CUPRA proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana