Google+

Cosa ci insegna oggi l’eccidio di Porzûs

aprile 20, 2017 Francesca Parodi

Le riflessioni del libro di Matteo Forte, presentato alla Casa della Memoria a Milano alla presenza dell’ex sindaco Pisapia, Stefano Parisi e Roberto Volpetti

Sono due le ricorrenze di questo mese che ci invitano a riflettere sulle origini della nostra Repubblica: il 25 aprile, data in cui festeggiamo l’anniversario della Liberazione, e il 7 febbraio, il giorno del 1945 in cui si consumò l’eccidio di Porzûs. Quest’ultimo costituisce un episodio poco conosciuto della storia della resistenza partigiana, eppure è emblematico per capire le diverse anime del fronte (tutt’altro che compatto) che si opponeva al nazifascismo. Proprio a questa vicenda e alle Formazioni Osoppo è dedicato il libro Porzûs e la Resistenza patriottica di Matteo Forte, consigliere comunale di Milano laureato in storia. Il libro è stato presentato mercoledì 19 aprile alla Casa della Memoria a Milano alla presenza dell’ex sindaco Giuliano Pisapia, del consigliere Stefano Parisi e Roberto Volpetti della Federazione italiana volontari della libertà.

libro-forteCONTROVERSIE. Come raccontano Forte e Volpetti, l’eccidio di Porzûs ha una storia complicata ed è ancora oggi oggetto di controversie. La località si trova in provincia di Udine, in un’area poco distante dal confine con la Slovenia, occupata da gruppi armati molto diversi tra loro: persone di etnia slava che avevano legami con i partigiani di Tito e che consideravano la zona parte della Jugoslavia; le Brigate Garibaldi, composte da partigiani comunisti alleati con i guerriglieri di Tito; le Brigate Osoppo (dal nome della località friulana in cui vennero sconfitti gli austriaci durante il Risorgimento), fondate da alcuni sacerdoti e formate da cattolici e laico-socialisti. Le divergenze tra le due brigate italiane divennero sempre più profonde, tra accuse di tradimento e collaborazionismo con i tedeschi, finché la tensione culminò in una strage: i comunisti, guidati dal comandante Toffanin, uccisero in tutto diciassette membri del gruppo rivale, tra cui una donna tenuta prigioniera dalle Osoppo. Tra le vittime ci furono anche Francesco De Gregori, zio del cantautore, e Guido Pasolini, fratello minore dello scrittore e regista. Non si è mai scoperto chi fossero i mandanti della strage. Toffanin fu condannato all’ergastolo, ma fuggì dall’Italia e morì in Slovenia.

BRIGATE OSOPPO. Prendendo spunto da questa vicenda, Pisapia ha sviluppato una riflessione sulla necessità di riscoprire la natura multiforme della resistenza e il contributo alla liberazione da parte di gruppi diversi, non solo comunisti. Come racconta Forte nel suo libro, le Brigate Osoppo utilizzavano metodi non condivisi da altre formazioni partigiane: promuovevano lo scambio di prigionieri con la mediazione della Curia, avevano creato scuole per educare alla politica, ricorrevano alla violenza solo come estrema ratio e progettavano una democrazia in cui ci fosse spazio per ogni formazione.

20170419_182213

PACIFICAZIONE NAZIONALE. Basandosi sul confronto con il passato, secondo Stefano Parisi oggi la politica è degenerata perché non è stata in grado di traslare i valori della resistenza partigiana in un progetto di pacificazione nazionale: il nostro panorama politico è molto frammentato, diviso tra fazioni che si combattono a vicenda delegittimando l’avversario, avendo perso il senso civico e il rispetto verso le istituzioni. Guardare alla vicenda di Porzûs deve servire a ricordare la necessità di superare le divergenze perché gli strumenti possono essere diversi, ma l’obiettivo finale deve essere condiviso da tutti. Soprattutto in un momento storico in cui c’è bisogno di un solido senso d’identità nazionale che non si pieghi ai nuovi emergenti movimenti estremisti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Giunge alla terza generazione una delle compatte sportive più apprezzate dai puristi della guida oltre che una delle “piccole pesti” più pepate in circolazione. La Suzuki Swift Sport, sinora proposta esclusivamente con un propulsore 1.6 16V aspirato da 125 o 136 cv, si appresta a cambiare cuore, optando per un’unità sovralimentata di derivazione Vitara S. […]

L'articolo Suzuki Swift Sport: piuma col turbo proviene da RED Live.

Prodotto da Peugeot e allestito dal celebre preparatore francese il Partner Dangel porta all’estremo il concetto di auto tuttofare. L’abbiamo messa alla prova nel cimento più duro la vacanza con famiglia.

L'articolo Prova Peugeot Partner Tepee Dangel, l’Ultra Utility Vehicle proviene da RED Live.

Forse la questione passa un po’ inosservata, dato che spesso la nostra attenzione è concentrata per lo più sulle prestazioni dei piloti tra i cordoli. Ma quanto è importante poter contare su abbigliamento e accessori adeguati per affrontare le competizioni in auto? Diremmo fondamentale, tanto più che tutto il “guardaroba” deve essere composto da indumenti che rispettino requisiti […]

L'articolo Tutto quello che serve per correre in auto secondo Alpinestars proviene da RED Live.

È l’anti-tedesca per eccellenza. Una delle poche berline alto di gamma in grado di fronteggiare a testa alta le rivali Audi, BMW e Mercedes-Benz. Jaguar XJ, dopo aver scardinato la tradizione del Giaguaro vestendosi di linee ardite e sinuose, si rinnova in vista del 2018 e amplia la gamma grazie alla strabordante XJR575 da 575 […]

L'articolo Jaguar XJ 2018: 575 cv al top proviene da RED Live.

Brutale e sconvolgente, tanto nella linea quanto nel carattere. Nata nel 1987 ed erede di 288 GTO, era una vettura da corsa adattata all’utilizzo stradale. Un mito da 478 cv, 324 km/h, 0-100 km/h in 4,1”, 1.100 kg e, soprattutto, 162,8 cv/litro. L’elettronica? Sconosciuta

L'articolo Ferrari F40: io sono leggenda proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana