Google+

Cina. Partito comunista continua a perseguitare i cristiani del Zhejiang

luglio 6, 2016 Benedetta Frigerio

Il partito ha imposto «ad alcune chiese di consegnare tutto il proprio reddito, comprese le donazioni, al governo»

cina-zhejiang-chiesa-xiaoshan-sacro-cuore

I cinesi della provincia di Zhejiang hanno combattuto rischiando il carcere affinché le croci sulle loro chiese non fossero abbattute. In alcuni casi si sono perfino aggrappati ad esse con tutto il corpo, invano. Dall’inizio del 2014 sono state demolite più di 2.000 croci e rase al suolo decine di chiese su ordine del partito comunista locale, che ora avrebbe obbligato le chiese a esporre la bandiera cinese al posto della croce in occasioni particolari, secondo alcune fonti, smentite però dal governo locale.

CONSEGNARE LE DONAZIONI. L’anno scorso per protestare la politica persecutoria del governo alcuni sacerdoti sono intervenuti denunciando le persecuzioni con una missiva firmata da 1740 persone, mentre le organizzazioni internazionali per la difesa dei diritti umani hanno raccontato gli scontri tra polizia e fedeli avvenuti in molte comunità. Ora China Aid rivela che è stato chiesto «ad alcune chiese di consegnare tutto il proprio reddito, comprese le donazioni, al governo».

PLASMARE IL CRISTIANESIMO. Sempre l’anno scorso il governo aveva fatto pressione perché le chiese adottassero stili architettonici standardizzati, «la trasparenza finanziaria e l’adattamento degli insegnamenti cristiani, al fine di plasmare il cristianesimo in una istituzione che rifletta gli obiettivi del Partito comunista». Per questo il governo avrebbe «istituito uffici all’interno di molte chiese, assegnando la loro gestione a dei funzionari». Ora, rivela un cristiano locale, «dovremo chiedere il permesso per ogni spesa superiore a qualche migliaio di yuan».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. soldo scrive:

    “…Ora, rivela un cristiano locale, «dovremo chiedere il permesso per ogni spesa superiore a qualche migliaio di yuan»…”

    E se il governo non la concede piano piano si degrada tutto; è molto astuto questo governo.

    Speriamo che la fede dei cristiani non si degradi come quì in “occidente”,
    meglio una chiesa senza croce che le anime senza fede

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana