Google+

Chi è Ulrike Lunacek, l’eurodeputata Lgbt che non si fa problemi a proporre «l’educazione sessuale interattiva» per i bimbi di 4 anni

febbraio 5, 2014 Benedetta Frigerio

Vita e carriera dell’attivista austriaca che ha dato il nome alla relazione votata ieri in Europa. Diritti gay e aborto le sue bandiere. E chi la contesta? È un «bigotto di destra»

La controversa “relazione Lunacek, presentata come una «tabella di marcia dell’Ue contro l’omofobia e la discriminazione legata all’orientamento sessuale e all’identità di genere», è stata approvata ieri dal Parlamento Europeo nonostante le proteste.

EDUCAZIONE GENDER. Di fronte a un testo che mette a repentaglio la libertà di pensiero e impone agli Stati il matrimonio e le adozioni omosessuali, insieme all’educazione “gender” obbligatoria sin dall’infanzia, più di 200 mila cittadini avevano firmato una petizione che era arrivata sugli scranni di Bruxelles. Per paura di perdere anche questa battaglia, come accadde alla sua collega Edite Estrela, Ulrike Lunacek, eurodeputata austriaca dei Verdi, lesbica e attivista Lgbt, aveva inviato una lettera ai suoi colleghi per cercare di confutare la tesi dell’appello.

«BIGOTTI DI DESTRA». Ma chi è Ulrike Lunacek? La deputata verde nel 2013 tentò di legittimare la pedofilia, proponendo un emendamento che invocava la necessità di una «educazione sessuale interattiva e libera da tabù» per i bambini maggiori di 4 anni. A quanti la criticarono, votando contro la proposta, la Lunacek rispose per le rime, accusandoli di essere dei «bigotti di destra».
In un’intervista al quotidiano europeo West nel 2011, in occasione dell’Europride di Roma, disse: «Dare più diritti ha un effetto sul comportamento della società, perché se “l’autorità”, “lo Stato” accetta (pari) diritti per le persone Lgbt allora i cittadini tenderanno ad essere d’accordo con quelli e a cambiare il loro atteggiamento».

FRA LE FEMMINISTE AL CAIRO. Dopo aver studiato un anno negli Stati Uniti, tornò in Austria e, all’età di 23 anni, fece “outing” dichiarando la propria omosessualità. Tre anni dopo, alla fine dell’università, la neolaureata in lingue sedeva fra i responsabili della Frauensolidarität (Solidarity among Women), la ong femminista fondata a Vienna nel 1982. E nel 1994 fu mandata come sua rappresentante alla Conferenza del Cairo, la prima in cui furono lentamente introdotti nel diritto internazionale le istanze Lgbt. La conferenza divenne famosa anche per l’azione scorretta con cui le femministe riuscirono a imporre la loro agenda contro la maggioranza delle presenti, rimandando le votazioni più importanti nel pomeriggio dell’ultimo giorno appena dopo la partenza delle donne africane contrarie alle loro idee. Vennero poi presentate le denunce di chi scoprì che le proprie dichiarazioni di dissenso durante i meeting non erano mai state  inserite nei rapporti ufficiali, nonostante fosse stato assicurato il contrario.

LE POLEMICHE UNGHERESI. Qualche mese dopo il ritorno dal Cairo, Lunacek divenne la rappresentante politica di punta dell’Austrian Lesbian ad Gay Forum, candidandosi all’interno del partito austriaco dei Verdi. E dopo una militanza di dieci anni sul territorio, nel 1999, divenne la prima politica lesbica del Parlamento austriaco. Quando fu eletta al Parlamento europeo, nel 2009, entrò a far parte della Commissione per i diritti della donna e l’uguaglianza di genere, continuando a sponsorizzare la piena parità delle coppie omosessuali anche in Europa. Qui, oltre alle polemiche sorte per via delle sue idee sui diritti sessuali dei bambini e e degli omosessuali, l’eurodeputata balzò alle cronache nel 2012 per le dichiarazioni rilasciate dopo la Marcia per la Vita ungherese. Aveva messo agli atti la presenza di slogan e cartelli antisemiti di cui non si trovarono prove. Ma evidentemente per Lunacek non erano necessarie. Solo l’anno dopo mirava a far diventare l’aborto un diritto umano e ad abolire l’obiezione di coscienza «per consentire alle donne di non essere ferite o uccise a causa della mancanza di accesso sicuro all’aborto».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

82 Commenti

  1. domenico b. scrive:

    Questi personaggi hanno trovato la parolina magica “bigotto di destra”, “omofobo”. ecc. e ragionano solamente per slogan che hanno facile presa sulle persone; in nome di una non ben specificata libertà vengono uccisi milioni di bambini, e ora si cerca di indottrinarli alle loro teorie distruttive. Forse è veramente ora che la Chiesa parli forte e chiaro; il non voler puntare il dito contro le persone non deve essere una scusa per tacere verso comportamenti che avranno conseguenze devastanti nel mondo di domani. Non possiamo permettere che una minoranza rumorosa ci imponga i suoi diktat

    • VivalItalia scrive:

      Per cui sé evidente che l’educazione sessuale per i bimbi fino a 10 anni so solo fregnacce,
      Essè evidente che i corsi svizzeri so fregnacce in tt i casi,
      Ce stanno esperienze de educazione all affettività e sessualità veramente interessanti.
      Per esperienza personale ve segnalo qsto incontro. VERAMENTE IMPERDIBBILE PER TT QUELLI CHE STANNO A MILANO E DINTORNI:

      DIFFERENZA UOMO-DONNA: LA SCOPERTA DELL’IDENTITA’ SESSUALE E AFFETTIVA
      martedì 25 febbraio – ore 17,30
      L’incontro avrà luogo presso l’Aula Pio XI largo A. Gemelli 1 Milano

    • VivalItalia scrive:

      sé evidente che l’educazione sessuale per i bimbi fino a 10 anni so solo fregnacce,
      Essè evidente che i corsi svizzeri so fregnacce in tt i casi,

      Ce stanno esperienze de educazione all affettività e sessualità veramente interessanti.Per esperienza personale ve segnalo qsto incontro. VERAMENTE IMPERDIBBILE PER TT QUELLI CHE STANNO A MILANO E DINTORNI:

      DIFFERENZA UOMO-DONNA: LA SCOPERTA DELL’IDENTITA’ SESSUALE E AFFETTIVA

      martedì 25 febbraio – ore 17,30L’incontro avrà luogo presso l’Aula Pio XI largo A. Gemelli 1 Milano

  2. John scrive:

    Che schifo, nessun altro commento, roba da vomito queste lobbies gay. Mi dispiace per quegli omosessuali che nulla hanno a che fare con queste perversioni e che non hanno voce

  3. Grazia scrive:

    È nostro dovere morale far giungere agli europarlamentari che hanno allegramente tradito il proprio mandato,nonché i propri ideali,l’espressione del nostro disappunto. Io ho scritto a tutti i rappresentanti del PPE protagonisti di questa bella impresa. A futura memoria.

  4. VivalItalia scrive:

    Grazia senta un po’ …
    Ce li fa ggirare pure a noi quegli email??

    Grazie de core.

    • Grazia scrive:

      @ VivalItalia

      ” Gentile …
      la ringrazio dal profondo del cuore per aver tradito e svenduto il mandato,gli ideali e le speranze per cui è stato eletto, piegandosi all’ideologia dominante di turno. Il popolo grato ricorderà . Cordiali saluti….”

  5. francesco taddei scrive:

    l’europa è diventata una élite che impone il pensiero unico a ventisette paesi. a nessuno viene in mente che è proprio questo che accende il sentimento antieuropeo? occorre mettere in comune ciò che uno stato non riesce a fare da solo (mercato,moneta,collegamenti) e lasciare libertà ai singoli stati.

  6. Quercia scrive:

    Si può avere un resoconto completo di come hanno votato gli europarlamentari, con l’indicazione anche del partito di appartenenza?

    Tanto per sapere chi votare (sia come singolo parlamentare sia come partito) alle future elezioni.

    Grazie

  7. marzio scrive:

    ricoverate la Lunacek

  8. Grazia scrive:

    @ QUERCIA

    VoteWatchEurope

    • Quercia scrive:

      Vi linko la pagina in cui potete vedere come hanno votato gli europarlamentari. Si possono filtrare i risultati per partito/paese/voto/ecc. Gran bel sito. Grazie Grazia.

      http://www.votewatch.eu/en/homophobia-and-discrimination-on-grounds-of-sexual-orientation-and-gender-identity-motion-for-resolu-2.html

      • VivalItalia scrive:

        Tenetevi il link fino alle prossime votazioni..

        intanto per il PPE italiani, De Mita non ha votato contro e Iva Zanicchi (si quella de okilprezzoèggiusto..sigh) ha votato pure a ffavore..

      • Daniele scrive:

        Ecco chi sono gli europarlamentari italiani del Partito Popolare Europeo (PPE) che hanno “tradito” il loro elettorato (cioè non si sono opposti al Rapporto “Lunacek”):

        Categoria “Astenuti”:
        – Antinoro
        – De Mita
        – Iacolino

        Categoria “Non votanti”:
        – Antoniozzi
        – Bonsignore
        – Comi
        – Motti
        – Rivellini
        – Salatto
        – Sartori
        – Tatarella

        Categoria “Favorevoli”:
        – Dorfmann
        – Matera
        – Patriciello
        – Ronzulli
        – Zanicchi

        Sono 16 nominativi da scrivere su un foglio sotto il titolo “Persone che non meritano di essere votate”, foglio a mo’ di promemoria col quale recarsi nella cabina elettorale alle prossime elezioni europee (maggio 2014).

        • VivalItalia scrive:

          A onor der vero bisognerebbe capì perché “nn votanti”… se uno stava ricoverato in ospedale..

  9. Bifocale scrive:

    Nell’omofobica ricostruzione della carriera politica di questa donna in politica, una lesbica, non dimentichiamocelo, la fantasia di Frigerio corre libera e sfrenata. Frigerio, se vuole fare la…ehm…’giornalista’ su queste tematiche almeno cominci a utilizzare i termini giusti. Quando una persona rivela la propria omosessualità fa ‘coming out’, non ‘outing’ (che è rivelare l’omosessualità altrui). Tra le tante balle che si leggono in questo straccio di articolo la più sfacciata riguarda il nel quale Frigerio s’inventa che “La deputata verde nel 2013 tentò di legittimare la pedofilia”, dimostrando di non sapere neache di cosa sta parlando.

    • mike scrive:

      io non so di preciso che volesse fare la lunacek ma nell’articolo è scritto che voleva e certo vorrà un’educazione sessuale libera da tabù per i bambini maggiori di 4 anni (=da 5 in su). diciamo che sessualmente attivi si può essere anche a 13/14 (anche se non credo proprio sia la cosa migliore fare sesso a quell’età) ma da 5 a 13 anni ci sono 8 anni in mezzo. tu credi forse che la lunacek intenda far insegnare ai bambini cose che farebbero 8 anni dopo? io no, dato che allora potrebbero essere insegnate loro diciamo 7 anni dopo. posso quindi pensare che insegnare la sessualità a bambini dai 5 anni in su abbia come vero ed unico scopo favorire la pedofilia. la tua affermazione che benedetta frigerio non sappia di cosa parli è molto ipocrita, venata di cattiva coscienza. e anche di evidente presunzione, come se la gente fosse stupida. mentre non lo è.

      • Giulia scrive:

        Ma lo sai cosa vuol dire educazione sessuale?? Significa insegnare a conoscere il proprio corpo e come nascono i bambini… Niente di più! Non so tu ma a me i miei genitori hanno insegnato queste cose a 5 o 6 anni e ti assicuro che non mi hanno violentata!

        • Cisco scrive:

          Certo Giulia, come no, le lobby gay vogliono insegnare ai bambini di 5 anni come si fanno i bambini, proprio i gay che non ci riescono. Ma chi ti credi di poter prendere in giro? I bambini nascono – e senza traumi – anche senza le lobby gay, se non ti fidi delle oscure trame vaticane vai a dare un occhiata in India per esempio…

        • Fran'cesco scrive:

          Giulia, leggi, tutto per te.

        • Bifocale scrive:

          Appunto Giulia, qui vanno avanti a raccontare bufale e c’è pure chi ha il coraggio di difenderli. Voler “legittimare la pedofilia” significa voler legittimare gli abusi sessuali da parte di adulti su bambini, perchè questo è pedofilia. Sarà mia premura segnalare all’europarlamentare austriaca questo articolo nel quale la si accusa con l’infamante accusa di voler “legittimare la pedofilia”. Mi auguro che porti in tribunale Frigerio, e chiunque autorizzi la pubblicazione di questo linciaggio mediatico, per diffamazione.

          • Daniele scrive:

            “Mi auguro che Ulrike Lunacek porti in tribunale Benedetta Frigerio per diffamazione”.

            Ecco: in questa frase di Bifocale è racchiusa la più chiara e lampante dimostrazione di come i militanti della lobby LGBT (ed i loro seguaci) intendono la libertà d’espressione: libertà per gli esponenti LGBT di andare nelle scuole ad insegnare ai nostri bambini (scavalcando l’eventuale parere negativo dei genitori) la teoria del gender, ma galera e multe per coloro che, come la Frigerio, manifestano un dissenso nei confronti delle idee di Lunacek, Scalfarotto, e degli altri “paladini” LGBT.

            Caro Bifocale,
            la Frigerio non ha offeso nessuno, ma ha soltanto espresso un dissenso, del tutto legittimo in una democrazia, verso le idee della Lunacek. Vorrei ricordarti che non siamo né sotto il regime di Hitler né sotto quello di Stalin, in cui si finisce in un lager o in gulag per avere espresso un’opinione “non conforme” alle direttive del regime. E non puoi mettere sullo stesso piano un dissenso e un’offesa (la Frigerio non ha affatto offeso la Lunacek: rileggiti l’articolo).

            • Bifocale scrive:

              Eh no caro Daniele, io rispetto la libertà d’opinione di Frigerio di non essere d’accordo con le istanze del movimento LGBT, ma qui siamo di fronte a ben altro. La tattica è quella di colpire e ditruggere la credibilità del messaggero quando il messaggio che porta non ci piace. Un conto è dire io non sono d’accordo con Lunacek e sul suo Rapporto (votato a larga maggioranza nell’Europarlamento), ben altro è accusare Lunacek di voler “legittimare la pedofilia”, ovvero accusarla di voler legittimare gli abusi sessuali da parte di adulti su bambini, perchè questo è pedofilia. Lunacek non ha mai dato nessun sostegno alla pedofilia, che è un atto criminale compiuto da adulti su bambini, ha solo proposto un emendamento nel quale proponeva di cominciare a fare educazione sessuale ai bambini sopra 4 anni (come ben spiegato da Giulia nel suo precedente intervento), cosa cavolo c’entra la pedofilia? Il dissenso è un conto, qui siamo di fronte a ben altro.

        • mike scrive:

          a 5 anni si può fare a meno di sapere come è il nostro corpo e come nascono i bambini. mi dispiace ma chi insegna ai bambini certe cose mi fa essere malizioso. cioè se non è pedofilo è fissato col sesso. e poi i bambini, i figli, crescendo a che pensano più di altro? già c’è la televisione, ci si mettono pure i genitori con l’educazione sessuale a chi ancora beve il latte. che devo da fà, non so pensarla diversamente.

    • Cisco scrive:

      Bifocale, illuminaci per cortesia su quello che scrisse la Lunacek, fai un outing giornalistico così siamo tutti più informati.

  10. valeria46 scrive:

    Per favore vogliamo i nomi dei popolari che hanno votato a favore di questo documento! Abbiamo il diritto di sapere non vi pare?

  11. Shiva101 scrive:

    Secondo voi la dotttrina cattolica avrebbe diritto di esprimersi in termini di omosessualità dicendo cosa è lecito fare o meno, stabilendo se è una malattia o se è morale in virtu delle SacreScritture e della parola del Signore?

    Vorreste stabilire la realta in base alla parola di Yhave scritta dagli ebrei N-mila anni fa?

    • Cisco scrive:

      Shiva, noi cattolici rivendichiamo il diritto di esprimere il nostro punto di vista in base all’osservazione della realtà di oggi, giudicata da persone vive in carne e ossa come per esempio Papa Francesco, non in base a quanto scritto dagli ebrei migliaia di anni fa. La morale poi non c’entra un bel niente con la malattia, di cui si occupa la medicina.

  12. Francesco B(ianchi) scrive:

    Papa Francesco, nell’intervista concessa a padre Antonio Spadaro, direttore di “Civiltà Cattolica”: La religione ha il diritto di esprimere la propria opinione a servizio della gente, ma Dio nella creazione ci ha resi liberi: l’ingerenza spirituale nella vita personale non è possibile».

    Discorso del Papa alla plenaria della congregazione per la dottrina della fede: Fin dai primi tempi della Chiesa esiste la tentazione di intendere la dottrina in un senso ideologico o di ridurla ad un insieme di teorie astratte e cristallizzate (cfr Esort. ap. Evangelii gaudium, 39-42). In realtà, la dottrina ha l’unico scopo di servire la vita del Popolo di Dio

    Voi che commentate, voi che scrivete queste specie di articoli, voi che fomentare l’odio perché si riversi nelle strade…..non siete cattolici. Non riconoscete il primato Petrino. Fate quello che dovete fare. Ma non usate il nome di Cristo. Che vergogna.

    • Fran'cesco scrive:

      Non aspettavamo l’ora che qualcuno (direi non cristiano) ci ordinasse come comportarci nel mondo. Dobbiamo stare chiusi in sagrestia?

      • riequilibrio scrive:

        sarebbe ora

      • Francesco B (ianchi) scrive:

        Io sono Cristiano. Tu leggi il Papa.

        • Fran'cesco scrive:

          Francesco B, dicci cosa dovremmo fare.
          E soprattutto quali sono le frasi che “fomentano l’odio”?
          I cristiani sono nel mondo ma non del mondo…

          • Francesco B (ianchi) scrive:

            Dovremmo darci una calmata. Non si può reagire così, di pancia. Bisogna vagliare le fonti e farsi una propria idea….lasciando sempre spazio per una ulteriore messa a fuoco. Questo in generale. E noi cristiani poi abbiamo la preghiera e il discernimento. E la guida del Papa.che non mi sembra che si stia muovendo come leggo qui e in altri siti “cattolici”. Questa è una chiamata alle armi e non porta né pace sociale ne maggiore comprensione.

            • Fran'cesco scrive:

              La preghiera innanzitutto, certo.
              Pero’ nel ’78 siamo rimasti un po’ troppo (solo) a pregare, e intanto i bambini muoiono…
              Secondo me ti sembra una chiamata alle armi, solo perche’ ci sono persone come Shiva e a volte Luca che provano a metterci “contro” i gay, invece sappiamo benissimo cosa vuole Gesu’.
              Profondo rispetto per le persone.
              Pace e bene!

      • Antonio scrive:

        niente di nuovo sotto il sole. O ti adegui allo schifo progressista e relativista che ha devastato quel poco di buono, di pulito, di solido che è sopravvissuto al mefitico ’68, oppure sbagli e basta, sei un retrogrado, oscurantista ecc ecc. Solito bullismo mediatico.

    • domenico b. scrive:

      Francesco B, tu sei cristiano, ti segnalo la lettera di Paolo ai romani, cap.1 versetti 18-32. Leggi e sappimi rispondere

      • Francesco B (ianchi) scrive:

        Domenico B, leggi Giovanni 7, 49-53

        • domenico b. scrive:

          Francesco B, questo cosa dovrebbe giustificare? che un Cristiano deve stare zitto? se tu prosegui nella lettura del brano che mi hai segnalato vedrai che Gesù stesso condanna il peccato, e usa misericordia con la persona. Un Cristiano non può tacere quando si vogliono approvare leggi che giustificano comportamenti sbagliati

          • Francesco B (ianchi) scrive:

            Tu proseguì leggendo il brano dell’adultera ma come vedi quello è un altro paragrafo. Il brano che ti ho indicato dice che non si giudica chi prima non si è ascoltato, prima di sapere quello che fa. E qui invece si fa un gran urlare ma poco si ascolta. Si accatastano articolo dopo articolo argomenti, una parte dei quali semplicemene inesatti, ma nessuna domanda viene dal vostro fronte, se così posso esprimermi.

            Il cristiano ha il dovere di amare il proprio nemico, di perdonare 70 volte 7 e di porgere l’altra guancia. Nel vangelo non trovo riferimento alcuno al non tacere per difendersi. Trovo l’esatto contrario: Cristo come una pecora muta di fronte ai suoi tosatori.

            Il brano dice che i farisei ribattevano : Studia A Fondo e vedrai….
            E voi dite: il Catechismo dice, il magistero dice, la legge di natura dice.

            E come Finisce? ‘E se ne tornarono ognuno a casa sua’. Come qui. Ognuno poi rimane della sua idea. Se questo è Dialogo? !

            • domenico b. scrive:

              Francesco B, è vero, a Giovanni Battista han tagliato la testa perché stava zitto….

              • Francesco B ( ianchi ) scrive:

                Domenico ti avevo risposto ma non vedo il mio commento. Nel caso ce ne saranno due.

                Dicevo in pratica che gli ebrei hanno voltato le spalle a Gesù proprio perché non li liberava dagli infedeli romani. Ci sarà stato un motivo perché Gesù ha agito così o no? Esattamente lo stesso pwr cui il papa fa e dice quello che fa su questo argomento.

              • Francesco B ( ianchi ) scrive:

                Domenico è il terzo messaggio che scrivo! Cerco di risponderti ma il commento non viene pubblicato. Ci rinuncio

                • Fran'cesco scrive:

                  Vista la popolazione allegra del blog, in genere i post con alcune parole chiave vengono messe in attesa di moderazione…

    • mike scrive:

      le parole del papa molte volte sono strumentalizzate, cioè interpretate volutamente male. come fai tu. ciò che riporti è solo una critica al fanatismo (del tipo noi siamo bravi gli altri no) e all’imporre la fede con la forza e alle persecuzioni. queste due ultime cose sono soprattutto protestanti, basta chiedere ai nativi americani. per cui ti conviene prendertela coi protestanti.

  13. riequilibrio scrive:

    5 febbraio 2014
    La denuncia dell’ONU: «Le politiche del Vaticano hanno permesso abusi su bambini»
    La Commissione è profondamente preoccupata per il fatto che la Santa Sede non abbia riconosciuto la portata dei crimini commessi, non abbia adottato le misure necessarie per gestire i casi di abusi sessuali su minori e proteggere i bambini, e abbia adottato politiche e pratiche che hanno portato alla prosecuzione degli abusi e all’impunità dei colpevoli».

    «Per via di un codice del silenzio imposto a tutti i membri del clero pena la scomunica, casi di abusi sessuali su minori sono stati difficilmente denunciati alle autorità giudiziarie nei Paesi in cui sono stati compiuti i reati», dice l’organismo delle Nazioni Unite.

    un saluto alla giuliva giovanna ridens, e a tutti gli altri conniventi

    • Fran'cesco scrive:

      E questo che c’entra ? Non hai piu’ armi per difendere la Lunacek?

    • VivalItalia scrive:

      Embhe? Checcè?
      La voce dell’onu (eppoi chi sarebbe che scrive ste fregnacce? Nome e cognome please?) poteva esse “autorevole” qndo è nata.. mo al massimo je danno retta quelli con cazzuole e grembiulini..

      • riequilibrio scrive:

        capisco la vostra irritazione per queste “fregnacce”.
        in fin dei conti, cosa volete che sia, un banale richiamo a chi calpesta i diritti umani e protegge i pedofili…

        il bello è che adesso il vaticano replica che si tratta di un “tentativo di interferire nell’insegnamento della Chiesa cattolica”. nientemeno.

        detto da chi non interferisce mai su nulla, suppongo

        cristiani… non c’era da aspettarsi di meglio.

        • Picchus scrive:

          Avendo avuto di persona a che fare con quella gentaglia nel palazzo di vetro, l’irritazione per la loro stupidità e corruzione si è dissipata da tempo, rimane solo il disprezzo. Poco cristiano, lo ammetto, ma in fondo non ho mai preteso di essere un santo. Per cui ridicoli documenti come quello di cui sopra, che non sono altro che una forma di pressione politica e ideologica, ci lasciano indifferenti.
          Del resto, come prendere sul serio persone per le quali i bambini si possono ammazzare (la chiamano libertà e diritti riproduttivi) ma non toccare? Se sei prete ovviamente. Se invece sei un deputato europeo di sinistra puoi proporre la sessualizzazione dei bambini, il sogno di ogni pedofilo, e chiamarlo progresso. Tanto ci sono quelli come te che si bevono ogni cosa il potere propini ai suoi sudditi.

        • VivalItalia scrive:

          Nomi e cognomi se no rivolgiti sll uaar..

        • VivalItalia scrive:

          Nomi e cognomi se no rivolgiti all uaar..

    • domenico b. scrive:

      Riequilibrio, queste notizie che ci dai riempiono solo la tua pancia di aria. Noi Cristiani crediamo in Gesù e sappiamo bene che gli uomini sbagliano. Gesù ha detto che gli scandali accadranno sempre, ma guai per quelli che li provocheranno. Ora tu vuoi giustificare un male con un altro male? Ma chi credi di prendere per i fondelli, ti stai solo mettendo allo stesso livello dei preti pedofili, vergognati!

    • Cisco scrive:

      Riequilibrio, ormai va di moda la Lunacek, accusare qualcuno di pedofilia diventerà ridicolo. Anche perché accusare il Vaticano di pedofilia e poi di non approvare l’aborto e’ ancora più stupefacente: abusare di un minore e’ sbagliato, non farlo nascere un diritto…

  14. mike scrive:

    visto che qui si parla spesso di lobby gay, cosa cui non credo poiché se tale lobby c’è è in mano ad altri che gay non sono, dico una cosa che se ogni tanto ci penso mi lascia molto perplesso (e il cui bandolo della matassa non sono ancora riuscito a sbrogliare): anni fa mi trovai a leggere nello stesso periodo della filosofia greca e delle culture orientali. in pochi mesi feci caso come il jainismo indiano contiene tutte le teorie filosofiche greche (ammetto che sono stato poco sveglio, potevo accorgermene prima di quanto ci impiegai). non solo, leggendo in particolare platone e la sua repubblica si nota come ci sono idee oggi tornate in auge. ossia l’eugenetica, intesa come eliminazione degli handicappati (vedere oggi olanda/belgio), vegetarianesimo, non violenza (come afferma socrate nell’apologia, ma la non violenza è “strana” alla luce de la repubblica e delle leggi ove è prevista una sortas di polizia segreta), pratica omosessuale (non vi si fa accenno diretto infatti nei dialoghi pare più una scusa per parlare d’altro, però vi si parla), divisione in caste (oggi se hai un lavoro è difficile sempre più cambiare specie per averne uno migliore, di fatto la società è sempre più divisa in caste), eutanasia (i jainisti la chiamano sallekana o samlekana, morte per inedia anche dal cibo, e gorgia filosofo greco morì per astensione dal cibo). è come se oggi le idee jainiste fossero tornate di moda, anche a livello nteorico infatti i jainisti concepiscono il cosmo come un meccanismo autonomo e ciò è simile alla visione comunista/darwinista, nonché ad altre dottrine orientali dove ci piazzano il tao o il brahaman ma nulla cambia in fondo. viene da pensare come se ci fosse una specie di organizzazione occulta che col tempo è riuscita ad imporre al mondo le proprie idee, che in oriente già era riuscita ad imporle. non a caso la dottrina jainista è definita jaina dharma, termine molto simile a gender. la cosa strana è che gender si riferisce ad un aspetto della vita, ossia la sessualità, mentre jaina dharma è di più ampio respiro. comunque la cosa mi fa restare molto perplesso. anche perché non sono riuscito a capirci di più. forse sbaglio ma non so.

    • mike scrive:

      ho tralasciato delle cose ma il quadro credo sia abbastanza evidente.

      • mike scrive:

        stamattina mi sono svegliato presto. per continuare il discorso… vedere l’articolo del sito sull’ONU e l’evoluzione della chiesa che da quelle parti vorrebbero. basta far mentelocare il simbolo dell’ONU poi cercare sul web il simbolo del jainismo. che, lo dico subito, è composito e nella parte più alta ha un puntino con sotto una falce di luna. paragonare col simbolo dell’ONU.

  15. Chris scrive:

    ecco! inizia la campagna “macchina del fango” per screditare chi la pensa diversamente, mentre tutti i quotidiani stanno riportando in prima pagina altre notizie di risonanza mondiale su un richiamo dell ONU al Vativano

    • VivalItalia scrive:

      Povero Chris che – almeno qui – non dan spazio alle fregnacce dell’onu.. che nome cha chi ha fatto il “richiamo”?

      Ce lo dici?

  16. Nacchero scrive:

    “Cara” Sig.ra Ulrike Lunacek. Te la vedrai un giorno a tu per tu con Gesù Cristo Nostro Signore. E sarà lui a giudicarti. Questa sua relazione non ha niente a che vedere con il Vangelo e la Parola di Dio!
    Si converta prima che sia tardi!

  17. luca scrive:

    ma quante ne sparate?
    possibile che dovete sempre travisare le parole dette dai LGBT?

    ps
    la scozia ha approvato il matrimonio gay, vi brucia l’ennesima sconfitta?

    • domenico b. scrive:

      Luca, sai che se tu potrai un giorno “sposarti” e tirarti in casa un bambino da mantenere (non educare),quando questo bambino sarà cresciuto ti urlerà in faccia tutto il suo disprezzo per averlo privato di una famiglia? Cerca di vincere la tua guerra ricordando che ti dovrai presentare davanti a Dio…

  18. Daniele scrive:

    Quelli che sostengono la Lunacek e che oggi “brindano” per il fatto che la cricca massonica/anticlericale, meglio conosciuta come ONU, ha “bocciato” (ma senza fornire uno straccio di prove…) la Chiesa Cattolica per via dei preti pedofili sono poi gli stessi che vorrebbero legalizzare la pedofilia:
    http://www.gianlucamarletta.it/wordpress/2013/10/vendola-pedofilia/
    Io, perciò, non accetto “lezioni” morali dai massoni che siedono all’ONU o dai militanti LGBT.

  19. PieroB. scrive:

    Esatto, Mike : si farà un favore ai pedofili : si spaccerà per “normale educazione” un argomento che un bambino non ha la capacità di elaborare però, a causa dell’incredibile capacità di “assorbimento acritico” che hanno i bambini, si rischierà di far loro dei danni psicologici che neanche la bomba di Hiroshima… Rendiamoci conto che un bimbo di 3-4 anni sta attraversando la “fase anale”, poi nei successivi 7-8 anni passerà per la “prima latenza” e “seconda latenza”: poi finalmente (ma per i suoi genitori non così “finalmente”) arriva l’adolescenza. Per spiegare bene queste fasi naturali di crescita servirebbe uno Psicologo, cosa che non sono. Credo, però, che se chiedeste ad uno Psicologo lumi sull’argomento Vi direbbe sicuramente, fra le altre cose, che per il benessere del bambino di oggi, e dell’adulto di domani, queste “età” vanno rispettate. La questione numero 2, invece, è quella che riguarda la libertà di espressione che dovrebbe essere, come disse una volta Lucia Annunziata da M.Santoro, è a 360 gradi. Si calcola che gli omosessuali siano il 5% della popolazione (ma anche se fossero il 10% secondo me cambierebbe poco): hanno chiesto al mondo di essere “visibili” e di essere considerati quello che sono, cioè esseri umani (se no a cos’altro servirebbero loro tutte le manifestazioni Gay Pride che hanno fatto fino ad ora?). Ora che sono divenuti “visibili”, però, vorrebbero che tutti gli altri (circa il 90%) facessero tanti passi verso il buio e l’oblìo… e questo non è per niente giusto, nè libero…

    • mike scrive:

      io facevo un discorso più semplice però mi trovi d’accordo su molte cose. poi 5 o 10 % non so se cambia poco. i figli li fanno uomini e donne che si accoppiano, ma se parte della società va con lo stesso sesso è parte della società che non procrea. e che fa diminuire le probabilità di trovare un partner a chi è etero. e anche in virtù di ciò meno figli, meno ricambio generazionale. ciò soprattutto se agli omosessuali nessuno dice nulla, o anzi li si rende intoccabili. così è e più lo è quanti più omosessuali ci sono. questa cosa dà fastidio però ad esempio se tu ci provi con una donna ma lei vuole le donne e come lei ce ne sono in giro non è come se tutte le donne siano etero. ci provi con altre non lesbiche? certo però a parte che alcune ancora si nascondono, ma poi con una donna devi anche andarci d’accordo e non è scontato, specie oggi dove tutti uomini e donne siamo viziati. per i musulmani è diverso, comandano gli uomini e le donne obbediscono. non che ami tale cultura ma li fanno venire e prolificare ed i gay non se ne avvedono. se un giorno ci supereranno sarà colpa anche degli omosessuali. che sono lo strumento più subdolo con cui si sta cancellando la cultura occidentale di matrice cristiana. tutto ciò è avvalorato con l’accanirsi delle terapie riparative. ho dubbi sui discorsi di Nicolosi, e di un di tolve, ma certo se fosse possibile come pare invertire l’orientamento omosessuale la tattica descritta sopra non funzionerebbe mentre chi l’ha messa in moto vuole che funzioni. in fondo se tali terapie fossero stupidaggini basterebbe lasciar stare, prima o poi la gente lo capirebbe e i diretti interessati non le cercherebbero. l’accanimento fa pensare che un po’ funzionino e che ciò dà fastidio.

  20. Nacchero scrive:

    Dalla lettera di San Paolo ai Romani (Rm 1, 26-32)

    [26]Per questo Dio li ha abbandonati a passioni infami; le loro donne hanno cambiato i rapporti naturali in rapporti contro natura. [27]Egualmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono accesi di passione gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi uomini con uomini, ricevendo così in se stessi la punizione che s’addiceva al loro traviamento. [28]E poiché hanno disprezzato la conoscenza di Dio, Dio li ha abbandonati in balìa d’una intelligenza depravata, sicché commettono ciò che è indegno, [29]colmi come sono di ogni sorta di ingiustizia, di malvagità, di cupidigia, di malizia; pieni d’invidia, di omicidio, di rivalità, di frodi, di malignità; diffamatori, [30]maldicenti, nemici di Dio, oltraggiosi, superbi, fanfaroni, ingegnosi nel male, ribelli ai genitori, [31]insensati, sleali, senza cuore, senza misericordia. [32]E pur conoscendo il giudizio di Dio, che cioè gli autori di tali cose meritano la morte, non solo continuano a farle, ma anche approvano chi le fa.

  21. luca scrive:

    sono stato totalmente epurato dal questo forum… hanno cancellato TUTTI i miei commenti… bravi, poi parlate di libertà di espressione… ma preoccupatevi di cacciare i preti pedofili non dei matrimoni gay

  22. marlene scrive:

    Non c’è la Boldrini, sempre così prodiga quando c’è da etichettare e redarguire qualcuno, come ad esempio i famosi potenziali stupratori, a dare dei criminali a questi???

  23. Diabolik scrive:

    Luca, c’hai la febbre!

  24. Picchus scrive:

    Eeeeeeh, chiedi troppo!!

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Ford Mondeo Vignale, due automobilisti di lungo corso. Così abbiamo messo alla prova la top car di Ford che si è svelata per la prima volta a due utenti che non la conoscevano. Ne sono uscite considerazioni interessanti

La prima E-Mtb del marchio svizzero sarà una 27,5" Plus con motore Shimano e vocazione Trail.

Tessuti pregiati e pattern eleganti. Sono 33 i modelli tra cui scegliere, alcuni creati in collaborazione con Hermès, Etro e Rubelli.

5 giorni di viaggio no stop con la maxi enduro del momento per capire se dietro al suo successo c’è più suggestione o più sostanza. L’Africa Twin DCT esce vincente su tutti i fronti. L’avventura è dietro l’angolo

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana