Google+

Caso marò, nuovo rinvio. Il governo indiano non applicherà legge antiterrorismo

febbraio 24, 2014 Chiara Rizzo

Davanti alla Corte suprema, il ministro della Giustizia indiano ha fatto sapere stamattina di non voler usare la legge antipirateria, ma le inchieste della polizia Nia. L’Italia si oppone comunque

La settimana per i due marò Salvatore Latorre e Massimiliano Girone si apre con una nuova udienza di rinvio. La Corte suprema a New Delhi oggi ha ascoltato le argomentazioni del governo indiano, proposte dal procuratore generale che rappresenta in aula l’accusa: usare nel processo dei marò le conclusioni delle indagini della polizia antiterrorismo Nia, ma senza usare il Sua act, la legge antipirateria e antiterrorismo. A chiederlo è stato direttamente il ministro della Giustizia indiano che ha fatto pervenire alla Corte suprema un parere scritto.

L’OPPOSIZIONE ITALIANA. Il nostro Paese sin qui però si è opposto a questa linea di condotta: in primo luogo per un motivo puramente tecnico, dato che il Sua act dà alla Nia la giurisdizione per indagare in vicende avvenute anche in acque internazionali, come la morte dei due pescatori. Non usare quella legge però automaticamente significa riconoscere anche che la Nia non ha competenza sul caso di Latorre e Girone. Inoltre l’Italia naturalmente non accetta che i due marò siano trattati alla stregua di terroristi (la polizia Nia è una forza speciale dedicata al contrasto del terrorismo). Tali opposizioni sono state ribadite oggi dalla difesa davanti alla Corte, che ha deciso di rinviare di nuovo l’udienza al 7 marzo, quando accusa e difesa dovranno presentare le rispettive posizioni: entro 15 giorni la Corte suprema deciderà anche sulla questione Nia. È il ventisettesimo rinvio dall’inizio del processo a Latorre e Girone. In questi giorni il nuovo governo Renzi dovrà decidere se – questa la rotta più probabile – continuare la linea di fermezza del governo Letta, opponendosi a tutte le richieste dell’India e aprendo la via dell’internazionalizzaione, oppure no. Qualsiasi “cedimento” della difesa dei due marò, in questo frangente, comporterebbe però una cedimento complessivo della linea dell’internazionalizzazione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.