Google+

Caso marò, nuovo rinvio. Il governo indiano non applicherà legge antiterrorismo

febbraio 24, 2014 Chiara Rizzo

Davanti alla Corte suprema, il ministro della Giustizia indiano ha fatto sapere stamattina di non voler usare la legge antipirateria, ma le inchieste della polizia Nia. L’Italia si oppone comunque

La settimana per i due marò Salvatore Latorre e Massimiliano Girone si apre con una nuova udienza di rinvio. La Corte suprema a New Delhi oggi ha ascoltato le argomentazioni del governo indiano, proposte dal procuratore generale che rappresenta in aula l’accusa: usare nel processo dei marò le conclusioni delle indagini della polizia antiterrorismo Nia, ma senza usare il Sua act, la legge antipirateria e antiterrorismo. A chiederlo è stato direttamente il ministro della Giustizia indiano che ha fatto pervenire alla Corte suprema un parere scritto.

L’OPPOSIZIONE ITALIANA. Il nostro Paese sin qui però si è opposto a questa linea di condotta: in primo luogo per un motivo puramente tecnico, dato che il Sua act dà alla Nia la giurisdizione per indagare in vicende avvenute anche in acque internazionali, come la morte dei due pescatori. Non usare quella legge però automaticamente significa riconoscere anche che la Nia non ha competenza sul caso di Latorre e Girone. Inoltre l’Italia naturalmente non accetta che i due marò siano trattati alla stregua di terroristi (la polizia Nia è una forza speciale dedicata al contrasto del terrorismo). Tali opposizioni sono state ribadite oggi dalla difesa davanti alla Corte, che ha deciso di rinviare di nuovo l’udienza al 7 marzo, quando accusa e difesa dovranno presentare le rispettive posizioni: entro 15 giorni la Corte suprema deciderà anche sulla questione Nia. È il ventisettesimo rinvio dall’inizio del processo a Latorre e Girone. In questi giorni il nuovo governo Renzi dovrà decidere se – questa la rotta più probabile – continuare la linea di fermezza del governo Letta, opponendosi a tutte le richieste dell’India e aprendo la via dell’internazionalizzaione, oppure no. Qualsiasi “cedimento” della difesa dei due marò, in questo frangente, comporterebbe però una cedimento complessivo della linea dell’internazionalizzazione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana