Google+

Se la Casa dei diritti di Milano diventa il palcoscenico per spettacoli sadomaso

giugno 27, 2014 Carlo Torregiani

Intervista a Irene Pasquinucci, consigliere Ncd, che ha denunciato l’utilizzo improprio della struttura gestita dal Comune. «Poter svolgere delle pratiche sadomaso in una sede istituzionale, non mi pare proprio poter essere classificato come “diritto”»

La Pride Week di Milano, settimana dell’orgoglio Lgbt, presenta un’agenda colma di eventi e manifestazioni tra le quali spicca la parata di sabato pomeriggio. Lunedì 23, tra gli eventi di apertura, uno in particolare è stato oggetto di polemica. Durante la presentazione del libro Nuda – Racconti erotici di Michela Pagarini («classe ‘76, milanese d’adozione, lesbica militante e appassionata di comunicazione e social media», si presenta sul suo sito web) è avvenuta una performance che ha lasciato molti di stucco. Rita Pierantozzi, tatuatrice e bondager, ha dato una dimostrazione di alcune tecniche di legamento (a destra, nella foto tratta dal web) tipiche delle pratiche erotiche BDSM (Bondage e Disciplina, Dominazione e Sottomissione, Sadismo e Masochismo). Il giorno seguente, Irene Pasquinucci, consigliere Ncd di zona 7, è intervenuta per stigmatizzare il fatto che l’evento si era tenuto nella Casa dei diritti, la cui gestione è in mano al Comune di Milano. In una lettera a Libero l’assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino, ha chiesto scusa a nome del Comune per l’accaduto.

Pasquinucci, cosa l’ha spinta a denunciare l’accaduto?
Dopo la serata, la performer della pratica di legamento ha scritto su Facebook, a fianco delle foto dell’evento: «Erotismo lesbico, shibari e bdsm in sede istituzionale: done!». Il fatto che delle pratiche simili siano state effettuate all’interno della Casa dei Diritti e questo commento sono due episodi decisamente gravi. Le dimostrazioni di lunedì sera sono, in fin dei conti, spettacoli di nicchia: i partecipanti erano pochissimi, circa una ventina. Eppure il fatto che siano state presentate sotto una veste, per così dire, istituzionale (sono state pubblicizzate sulla home page del sito del Comune, svolte nella Casa dei Diritti di Milano, presentate nel programma della Pride week proprio per la serata di apertura) è un fatto grave. Bene ha fatto Majorino a scusarsi pubblicamente, ma forse ci si poteva pensare anche prima. In fondo, bastava leggere la presentazione del volume fatta dalla casa editrice: «Trentuno istantanee di erotismo lesbico dove gli elementi tradizionali dell’eros incontrano gli assi portanti del BDSM, in un mix di contatti sessuati, collisioni di corpi, giochi di forza e di potere che non molto spazio lasciano alla suggestione sentimentale».

La Casa dei diritti si presenta come «un punto di riferimento per chi, in città, lavora per creare reali occasioni di inclusione e coesione sociale, promuovere pari opportunità per tutti e combattere pregiudizi, stereotipi e prevenire discriminazioni». È così?
Vede, se dobbiamo giudicare da quanto accaduto, vien da dire che si fa un gran parlare di diritti, ma poi si arriva a eccessi che mettono tutto in dubbio. Di fatto, la serata di lunedì non ha visto una realtà sociale rivendicare dei propri diritti umani, quanto piuttosto una minoranza esibirsi in performance sconvenienti in un luogo pubblico. Poter svolgere delle pratiche sadomaso in una sede istituzionale, non mi pare proprio poter essere classificato come “diritto”. Sia io sia il coordinatore pro tempore Nicolò Mardegan siamo intervenuti pubblicamente anche per spingere l’assessorato alle Politiche Sociali e la Casa dei Diritti a tornare ad occuparsi dei problemi reali che i cittadini presentano ogni giorno. Mi chiedo, infatti, se oggi non sia più urgente cercare di dare risposte alla crisi del lavoro, della famiglia, degli anziani, dei poveri, dei disoccupati, anziché continuare a insistere su questi temi. Quello che chiediamo all’assessore Majorino è di rivedere l’impostazione della Casa dei Diritti perché, in fondo, è utilizzata per discutere solo del testamento biologico e dei diritti degli omosessuali.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. martino scrive:

    Qualcuno ha detto che il diavolo sta nei dettagli, dopo la lettura dell’ articolo penso che stia anche negli acronimi….e nei nodi…..
    Dal Kamasutra al libro dei nodi (da marinaio) una nuova cool-tura.

  2. Piero scrive:

    Dedicato a tutti i “cattolici” (autodefinitisi tali) che hanno votato Pisapia.
    Godetevelo tutto.

    • ftax scrive:

      Voto a Pisapia: anche i cattolici si dedicano alle pratiche sadomaso…

      • Menelik scrive:

        Di tutte le stronzate degli ateotroll, questa è una delle più divertenti:
        lui o lei si fa legare come una sopressa in camera da letto, appeso ad una trave, mentre nella cameretta di fianco i figli dormono sonni beati.
        Mamma, ho sentito dei rumori.
        Non ti preoccupare cara, sono scappati i maiali dalla stalla e sono fuori in corte, dormi, che tra poche ore devi andare a scuola!
        Ahahahahah!!!!!!!!!!

        Di sessualità un po’ osè, se così vogliamo definirla, se ne fa un po’ in tutte le coppie che funzionano sessualmente.
        E se funzionano sentimentalmente funzionano anche sessualmente.
        Ma la tecnica della sopressa, poi………………è troppo gustosa.

  3. Andrea (Uno dei tanti) scrive:

    Sulle abitudini sessuali degli altri non discuto: ma che lo sbattano in faccia usando una struttura pubblica da fastidio.

    Le scuse di Pierfrancesco Majorino sono sotto il minimo sindacale.

  4. Laura scrive:

    Quando il frutto è bacato il marcio cola fuori da tutte le parti

  5. Cisco scrive:

    Personalmente suggerirei di lasciarli legati come salsicce in attesa di tempi migliori. Tanto godono loro da buoni masochisti e godo io da consumato sadico. Eppoi si potrebbero portare comitive scolastiche per insegnare ai bambini vittima di lavaggio del cervello gaio come incaprettare gli improvvisati docenti finanziati dall’UNAR.

  6. Galcian79 scrive:

    Siete patetici voi e Majorino. Le ragazze mica erano nude!

    • Mappo scrive:

      Scusa Galcian, ha qualche importanza il fatto che fossero nudi o vestiti?

    • Zarathustra scrive:

      Vi battete tanto il petto per il “sii sottomessa” della Miriano (da intendere in senso lato, come emerge dalle sue parole) e poi approvate queste schifezze, queste sì sottomissioni letterali che affossano la dignità umana.
      Non c’è limite al perbenismo di facciata.

      Attendiamo con ansia un intervento di filomena…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: FLOW, la festa dello sport a Finale dura 10 giorni  DOVE E QUANDO: Finale Ligure, Savona, 22 settembre-1° ottobre Dal climbing alla mountain bike passando per il trail running, la speleologia e la barca a vela: si presenta gustoso il programma dell’8ª edizione del festival FLOW – Finale Ligure Outdoor Week. Dal 22 settembre al […]

L'articolo RED Weekend 22-24 settembre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Non è una vettura qualsiasi. La nuova XC40, per Volvo, è la chiave della svolta. Il modello sulle cui spalle poggia la responsabilità di far compiere alla Casa svedese un vero e proprio balzo generazionale, aprendole le porte del segmento delle SUV compatte. Una vettura fondamentale nel processo di rilancio messo in atto dalla cinese […]

L'articolo Vista e toccata: Volvo XC40 proviene da RED Live.

Tutto è cominciato con il Mokka X, SUV compatto di grande successo con oltre 600.000 unità vendute; poi è stata la volta di Crossland X, crossover urbano più spazioso e versatile, che ha preparato il terreno alla novità Grandland X, SUV compatto da 4,48 metri che punta su linee muscolose e decise (condivide la piattaforma […]

L'articolo Nuovo Opel Grandland X proviene da RED Live.

“Sì, bella la Turbo Levo ma ha poca escursione…” Beh, chi trovava la prima full a pedalata assistita di Specialized non abbastanza “maschia” ora ha di che ricredersi e, magari, sognare a occhi aperti. La nuova Turbo Kenevo FSR, infatti, con i suoi 180 mm di escursione (che peraltro al posteriore hanno il colore giallo […]

L'articolo Nuova Specialized Turbo Kenevo FSR proviene da RED Live.

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana