Google+

Caro Galli Della Loggia, nessuno sbaglio può ridurre la grandezza della pretesa cristiana

maggio 5, 2012 Elisa Calessi

Pubblichiamo l’articolo della giornalista Elisa Calessi in risposta a Ernesto Galli Della Loggia, che ha commentato sul Corriere della Sera la lettera di Julian Carron a Repubblica.

Pubblichiamo l’intervento della giornalista di Libero, Elisa Calessi, comparso oggi sul suo blog ElisaCalessi.it.

Ernesto Galli Della Loggia, oggi sul Corriere della Sera, rispondendo alla lettera di Julian Carron, il presidente della Fraternità di Comunione e Liberazione, fa una riflessione sulla presenza dei cristiani. Per arrivare a dire che se vogliono incidere ancora nella società, nella politica, nella cultura devono imparare a – come dire – abbassare un po’ la cresta. La presenza dei cattolici, scrive, “deve superare ogni egemonismo, spogliarsi di ogni abito di autosufficienza culturale, bensì avviare un dialogo alla pari con identità differenti dalla propria, insieme alle quali cercare significativi punti di convergenza”. Fino a proporre (proprio così) una non meglio precisata “prospettiva federativa”: “Ha bisogno in sostanza di riconoscersi in una autentica prospettiva federativa offerta in modo non strumentale a forze politiche d’ispirazione non cattolica (che siano di destra o di sinistra non cambia la natura del problema”).

I cristiani sono uomini. Possono sbagliare, sbagliano. Continueranno a sbagliare. Il primo Papa ha tradito Gesù Cristo in persona tre volte, figurarsi. E se un cristiano dà scandalo, a essere colpito, ferito, è tutto il corpo a cui appartiene. Proprio perché è un corpo ed è, giustamente, percepito come tale anche all’esterno. Ma nessuno sbaglio potrà mai ridurre la grandezza della pretesa cristiana. Nessuno può chiederlo e nessun cristiano può farlo. Perché quella grandezza non è nelle mani dei cristiani. Non è una proposta tra le altre o una visione che si può “federare” con altre e così ne facciamo una ancora più grande e più bella. La Chiesa è cattolica, cioè, come dice l’etimologia della parola, universale. La scommessa cristiana è di essere universale. Perciò la sua sfida nel mondo, nella politica, nella cultura, nella storia non può essere meno di questo. Il dialogo con tutti si fonda proprio su questo: se Gesù Cristo è la risposta all’uomo, di qualunque latitudine, di qualunque tempo, nulla e nessuno mi è estraneo.

In questo senso, è vero, la presenza cristiana è chiamata a essere “egemonica”. Ma non nel senso di conquistare il mondo o il potere. L’egemonia è data dalla presenza di Dio fatto Uomo. Il grande potere di un cristiano è appartenere a Chi è davvero Potente. Se chi crea tutto, chi può tutto perché lo fa, è entrato nella storia, è nella storia, coloro che lo hanno incontrato non possono nasconderlo o ridurlo a una proposta tra le altre. Nessuno sbaglio può ridurre questa scommessa di senso che è totalizzante e, per fortuna, in mani ben più grandi di quelle nostre.

Ma quella dei cristiani è un’egemonia strana. Non ha a che fare con il successo o il riconoscimento del mondo. Anzi, più i cristiani sono testimoni, più, in genere, sono perseguitati. Cedere alla tentazione del successo è dunque contraddire la scommessa cristiana. Ma smettere di dare mani e testa a quell’altra egemonia, quella di Dio sul mondo, è compiere un tradimento, se possibile, ancora peggiore.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Davidebelva says:

    scusate,condivido l’impostazione e il senso dell’articolo ma questa” prospettiva federativa” non l’ho capita. Per dialogare con tutti, secondo me, bisogna avere un unico comun denominatore: il cuore dell’uomo, il desidero di felicita’ e la lealta’ di una presa di coscienza vera e tenera di se stessi come ci suggeriva Carron agli esercizi di Rimini

  2. Marcoanghi says:

    Sconcera un po leggere nella lettera di Carron che CL “….non abbia mai dato vita a un “sistema” di potere”, sconcera un po sentire dalla viva voce di Formigoni che “con Dacco mi è capitato di passare qualche giorno di vacanza, i miei rapporti con pierangelo Dacco sono questi…”.
    Il punto è che non è facile smentire alcuni passaggi della lettera di Carla Vites e dell’articolo di Galli Della Loggia (nella sanità lombarda non si muove foglia…), penso che CL debba essere un po meno autoreferenziale e autoindulgente e farsi un serio esame di coscienza.
    Io non metto in dubbio le competenze del Formigoni governatore, non voglio dire ai ciellini come devono vivere o che amicizie devono avere.
    Pero leggere certe affermazioni……

  3. GIBELLI GIOVANNI says:

    La sciagurata lettera di Carron ha dato la stura a tutti i commenti possibili : Gad Lerner ha ritenuto grazie qualche confidente, che fosse iniziata la faida CIELLINA, GALLI DELLA LOGGIA HA ELUCUBRATO DI SUO, SCOPRENDO L’ACQUA CALDA, CIOE’ CHE I CATTOLICI SONO MINORANZA NEL PAESE. SECONDO LUI POTREBBERO ESSERE ACCETTATI SE RINNEGANO GESU’ CRISTO IN NOME DI UNA MORALE COMUNE. NON SI CAPISCE DI COSA SI DEBBA ESSERE CONTRITI PER LE VACANZE DI FORMIGONI ? GLI ALTRI POLITICI PIU’ O MENO MORALISTI NON VANNO NEI RESORT, VI SONO DEI MARGINALI EPISODI DI CORRUZIONE NELLA REGIONE LOMBARDIA E NELLE ALTRE NO ? QUALCHE CILELLINO E” UN MANIGOLDO ? E’ VERO SOLO NEL PD SONO TUTTI ONESTI. L’ATTO FINALE DELLA SCIAGURA SONO LE SCUSE DI FORMIGONI SUL CORRIERE DI OGGI, SONO COSI’ RIUSCITI A DISTRUGGERE DEL TUTTO UN UOMO POLITICO. CARI MORALISTI, VI ACCORGERETE PRESTO COSA SARA LA LOMBARDIA SENZA FORMIGONI

  4. I just want to say I’m new to blogging and site-building and certainly savored this web page. Probably I’m planning to bookmark your blog . You absolutely come with very good writings. Bless you for sharing your web site.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi