Google+

Canada, eutanasia senza limiti (basta un’email)

dicembre 22, 2015 Leone Grotti

Si può far tutto via internet, senza limiti di età né obiezione di coscienza. Le proposte avanzate per redarre la legge farebbero impallidire i pionieri Belgio e Olanda

suicidio-assistito-eutanasia-shutterstock

Presto il Canada potrebbe avere la legge sull’eutanasia più liberale del mondo. Lo scorso febbraio la Corte suprema del paese ha stabilito che i cittadini hanno diritto ad avere accesso a eutanasia e suicidio assistito e ha dato un anno di tempo al Parlamento per approvare una legge. Il precedente governo federale aveva incaricato una commissione di scrivere un rapporto, che ancora non è stato reso pubblico, mentre è appena stato diffuso il rapporto redatto da un gruppo di esperti provinciale-territoriale commissionato dall’Ontario insieme ad altri dieci territori e province.

LEGGE ULTRA-LIBERALE. Nel rapporto sono indicate le misure da adottare nella nuova legge. Se il Parlamento lo prenderà in considerazione, ne uscirà una legge ultra-liberale. Per gli esperti, infatti, la “morte medicalmente assistita” dovrà includere sia eutanasia attiva che suicidio assistito ed essere offerta gratuitamente dallo Stato.

SENZA LIMITI DI ETÀ. L’iniezione o il farmaco letale potranno essere somministrati non solo da medici, ma anche da infermieri o “assistenti medici”. Non sono inoltre previsti limiti di età, ma la persona che fa richiesta dell’eutanasia dovrà essere in grado di intendere e volere. Di conseguenza l’età minima per ottenere la “buona morte” potrebbe attestarsi sui 7 anni (o anche meno). L’importante è che il richiedente soffra in modo «insopportabile», una soglia che nel rapporto si chiede di non definire in modo preciso ma di lasciare alla soggettività di ciascuno. Dunque, potenzialmente, per tutte le malattie potrebbe essere invocata l’eutanasia.

MORTE VIA INTERNET. Le principali novità rispetto alle leggi sulla “buona morte” in altri paesi sarebbero due: da una parte i medici che devono approvare le richieste per la “morte medicalmente assistita” non devono essere esperti della patologia di cui soffrono i richiedenti. Qualunque medico, dunque, potrebbe approvare la morte di una persona. Dall’altra, tutto potrà essere fatto via internet: sia la richiesta che la risposta.

NIENTE OBIEZIONE DI COSCIENZA. Nel certificato di morte, inoltre, non sarà indicata come causa del decesso l’eutanasia, bensì la malattia per la quale questa è stata richiesta. L’iniezione o il farmaco letale sarà indicato solo come mezzo. Per l’obiezione di coscienza sarà lasciato uno spazio quasi nullo: un medico non potrà essere obbligato a praticare un’eutanasia, ma sarà costretto a riferire il richiedente a un altro medico. Si tratterebbe di una catastrofe in un paese dove tra il 70 e il 90 per cento dei medici, secondo diversi sondaggi, è contrario alla pratica.

EUTANASIA A SCUOLA. Infine, l’eutanasia e tutto ciò che la riguarda dovranno essere oggetto di educazione pubblica. Non è specificato cosa questo comporterebbe, ma con tutta probabilità sarebbero organizzati corsi in ogni scuola e distribuiti opuscoli informativi nei luoghi pubblici. Se il Canada, dove almeno il 70 per cento dei medici è contrario all’eutanasia, approvasse una simile legge, farebbe impallidire i pionieri Belgio e Olanda.

Foto da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Dopo il suicidio delle persone sta arrivando quello degli stati. Inevitabile.

  2. Tommasodaquino scrive:

    Per favore non chiamiamo “liberale” una roba che di liberale non ha assolutamente nulla.

  3. Sgarrubb scrive:

    la storia insegna: tolto Dio, tolta la voglia di mettersi in cerca di Lui, gli uomini si costruiscono il loro paradiso. Quando si accorgono che invece hanno costruito l’inferno, si ritorna a cercare.
    È inevitabile.
    È nient’altro che la genesi descritta nella Bibbia: l’uomo da solo non riesce a stare nel Paradiso, lo distrugge.

  4. Giuliano scrive:

    decenni di forsennate campagne progressiste hanno prodotto questo risultato. Forse è meglio l’Islam

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Quando un’azienda si permette di dire che la sua forza risiede nell’inventare quello che non esiste ancora e riconsiderare e ridefinire quello che esiste già, i casi sono due: o se la tira o fa molto sul serio e, oggi che la specializzazione nel mondo della MTB è massima, quando un brand mette in campo […]

L'articolo Le nuove gomme Michelin per XC e All Mountain proviene da RED Live.

“Quelle foto lì le facevo alla Bellucci”. Così, spuntando dal nulla, si è rivolto a noi uno strano personaggio sulla settantina, capello mosso bianco e lungo, stile Maurizio Vandelli, nell’incantevole borgo di San Leo, mentre lo staff di RED riprendeva le nostre imponenti americane nel bel mezzo della piazza principale. Non siamo nemmeno riusciti a […]

L'articolo Harley-Davidson, in viaggio lungo la Linea Gotica proviene da RED Live.

Come sarà l’auto del futuro? Davanti a questa domanda non tutti hanno le idee ugualmente chiare ma quelli di Mercedes sono pronti a rispondere senza la minima esitazione, neanche sapessero fare l’oroscopo al mondo automotive osservando proprio la Stella a tre punte. La loro visione ha quattro capisaldi, sintetizzati dalla sigla C.A.S.E.: secondo i vertici […]

L'articolo Mercedes CASE: il futuro parte dalla connettività proviene da RED Live.

Quello di Bridgestone nel mondo olimpico è un viaggio lungo un decennio. La sua partnership con il Comitato Olimpico Internazionale (CIO), annunciata a Tokyo 2014, si prolungherà infatti fino ai Giochi del 2014, passando per le Olimpiadi Invernali di PyeongChang 2018, i Giochi Olimpici di Tokyo 2020, le Olimpiadi invernali a Pechino 2022. Un percorso che il marchio nipponico, produttore […]

L'articolo Bridgestone sogna insieme agli atleti olimpici proviene da RED Live.

È una ribelle per tradizione. In un mondo dove tutto viene racchiuso e catalogato entro rigidi schemi, la nuova Suzuki Swift non tradisce lo spirito del precedente modello e scardina, ancora una volta, l’esistente. Non è infatti una city car, dato che con una lunghezza di 3,84 metri risulta più grande rispetto a una Fiat […]

L'articolo Prova Suzuki Swift 1.0 BoosterJet SHVS proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana