Google+

Camisasca: «Don Giussani ha salvato dalla morte un’intera generazione di giovani»

febbraio 22, 2012 Daniele Ciacci

A sette anni dalla scomparsa il biografo di don Giussani ricorda quel «genio dell’educazione che ha preso per mano migliaia di ragazzi, portandoli a scoprire la convenienza umana della fede».

A sette anni dalla scomparsa di don Luigi Giussani, tempi.it ha chiesto a don Massimo Camisasca, superiore generale della Fraternità sacerdotale dei missionari di san Carlo Borromeo e fra i primi discepoli del fondatore di Comunione e Liberazione (ha scritto una bella storia del movimento in tre volumi), di tracciare un ricordo del suo maestro.

Don Camisasca, quando ha conosciuto don Giussani?
Ho avuto la fortuna di vedere don Giussani fin da piccolo. Nei primi anni di sacerdozio celebrava la messa nella parrocchia dei miei nonni materni, San Martino e Silvestro, in viale Lazio, a Porta Romana. Era poi paziente di mio zio, medico specialista in tisiologia. Don Giussani soffriva ai polmoni. Nella mia famiglia, dunque, si parlava di lui, era stimato, ammirato. Fin da giovanissimo sacerdote era un uomo a cui si guardava come ad una speranza per la Chiesa e per gli uomini. Il vero incontro con lui lo ebbi a quattordici anni al liceo Berchet, quando cominciai a partecipare alla vita di Gioventù Studentesca. Sempre al Berchet fu mio insegnante di religione. È stata quella la svolta della mia vita. Avvertii in lui un maestro capace di esprime il genio cristiano in una lettura dell’uomo e della storia, in una proposta affascinante e positiva.

Chi era don Giussani per lei?
Don Giussani è stato per me innanzitutto un genio dell’educazione. Ha preso per mano migliaia di ragazzi, portandoli a scoprire la convenienza umana di quella fede che molti davano per scontata e molti non conoscevano più. Il suo metodo era mostrare la ragionevolezza della fede attraverso un coinvolgimento personale: ci portava in montagna, ci raccontava le letture che lo avevano segnato di più, ci faceva ascoltare la musica che lo aveva affascinato durante gli anni di seminario… tutto diventava per noi strada a Dio perché lo era stato e lo era anzitutto per lui. 
Anche la sua decisione, dato fondamentale del suo temperamento, altro non era se non il segno visibile di un fuoco che ardeva dentro di lui, acceso dall’esperienza dell’amore ricevuto. Proprio questo suo temperamento lo conduceva a sentirsi destinato ad incontrare chiunque. Abitato da Cristo, si sentiva spinto come da una necessità ad aprirsi a tutti, cercando in ognuno un tratto dell’umanità di Gesù di Nazaret.
In questo modo è stato il creatore di un popolo: non possiamo mai disgiungere la sua persona da ciò che è nato intorno a lui. Chi guarda la storia d’Italia degli anni Settanta e Ottanta, non può non riconoscere che Giussani ha letteralmente salvato dalla morte o da una vita disastrata un’intera generazione di giovani. Potevano essere dei terroristi, dei drogati o alcolizzati, dei borghesi… attraverso di lui sono stati e sono uomini felici di vivere, drammatici, capaci di affrontare le difficoltà della vita, fecondi e creativi.

In che modo l’incontro con don Giussani l’ha spinta a fondare la Fraternità san Carlo?
Durante gli anni di Gioventù Studentesca don Giussani ci portava a Varigotti, dove predicava gli esercizi spirituali per il Triduo di Pasqua. In una delle quelle occasioni tenne una meditazione sulla comunione. Da quel momento capii che tutta la mia vita sarebbe stata spesa per approfondire ad alimentare quel mistero. 
La consuetudine di vita con don Giussani fece sorgere in me il desiderio di imitare la sua paternità. Così, dopo alcune peripezie, entrai in seminario e nel 1975 diventai prete. Quando nel 1985 il vescovo di Bergamo diede a me e ad alcuni sacerdoti la possibilità di scegliere il futuro della propria missione, la cosa più naturale fu costituire una comunità missionaria di preti. La fondazione della Fraternità san Carlo raccoglie le esperienze fondamentali che avevano segnato fino a quel momento la mia persona: la sequela della paternità di don Giussani vissuta nel sacerdozio, il desiderio della vita comune e della missione. Con l’appoggio di don Giussani nacque così la san Carlo, espressione di quella comunione e di quell’apertura che avevo vissuto e imparato nel movimento.

Cosa rimane di lui a sette anni dalla sua morte?
Credo nello Spirito che conduce la Chiesa. Don Giussani perciò è vivo e continua dal cielo ad assistere ciò che è nato attraverso di lui. Rimane il movimento da lui fondato, guidato da don Julian Carrón, che don Giussani ha scelto come suo successore. Rimangono le persone che sono state a lungo a fianco di don Giussani e quelle nuove che verranno. Rimangono le sue parole, scritte e nei nostri cuori. Rimane tutta la storia che è nata da lui e che è di fondamentale importanza per capire il presente. Nasceranno anche nuove comunità come segno della fioritura permanente del dono che don Giussani è stato ed è per la Chiesa, alla quale, ultimamente, è consegnato il suo carisma.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. I just want to mention I am very new to blogging and site-building and definitely loved your web-site. Likely I’m likely to bookmark your site . You really have superb stories. Thank you for sharing your web site.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download