Google+

«I Boko Haram sparavano anche a bambini piccoli e vecchi». Parlano i sopravvissuti alla strage di Baga

gennaio 28, 2015 Leone Grotti

Moussa Zira è stato «miracolato»: giustiziato insieme ad altri 13 uomini, i jihadisti l’hanno mancato. Nel campo profughi di Baga Sola c’è chi non parla più, «piange e basta»

shekau-nigeria-baga-boko-haram

Moussa Zira si tasta la coscia e il braccio. Ci sono due fori di proiettile, le ferite fanno ancora male, ma l’uomo nigeriano sa di essere stato «miracolato». L’8 gennaio i terroristi di Boko Haram hanno raso al suolo la città di Baga e molti villaggi circostanti nel nord della Nigeria, vicino al confine con il Ciad. Nessuno ha potuto contarle, ma le vittime sarebbero diverse centinaia. I sopravvissuti, come Zira, sono riusciti ad attraversare il lago Ciad e sono stati soccorsi nel campo profughi di Baga Sola.

«ATTORNO A ME TUTTI MORTI». «I Boko Haram sono arrivati alle quattro del mattino – racconta Zira all’Afp – e sono entrati dentro ogni casa, cercando gli uomini. Ci hanno salutato, poi ci hanno detto di seguirli fino alle soglie del villaggio». I terroristi hanno preso in tutto 14 persone, «un uomo per ogni casa. C’era un vecchio tra di noi, gli hanno detto di andarsene. Poi ci hanno fatto marciare fino a un campo, quindi ci hanno ordinato di sdraiarci faccia a terra. Dopo aver sparato in aria una volta, ci hanno sparato da dietro uno a uno». Zira ci ha messo un po’ a capire di non essere morto: «Mi sono reso conto poco dopo che mi avevano mancato, non mi avevano preso in testa ma nel braccio e nella coscia. Ma attorno a me erano tutti morti».

nigeria-boko-haram-conquiste«SPARAVANO AI BAMBINI». Zira è rimasto immobile tra i cadaveri facendo finta di essere morto. Poi, dopo che i jihadisti hanno lasciato il campo, ha preso una moto ed è scappato verso il lago. Qui ha trovato una canoa di legno, ha attraversato il lago ed è approdato in Ciad. Nel campo di Baga Sola c’è anche il pastore cristiano Yacubu Moussa, 43 anni. Quando i terroristi sono arrivati dormiva come gli altri: «Hanno cominciato a sparare contro tutti senza distinzioni: colpivano uomini, donne, bambini piccoli, vecchi».

«DIALOGO IMPOSSIBILE». Sentendo questi racconti si capisce perché il presidente della Conferenza episcopale nigeriana, Ignatius Kaigama, ha dichiarato a Radio Vaticana: «Non può esserci dialogo [con Boko haram] in questa situazione. È un gruppo irrazionale, che uccide le persone quando vuole: che siano cristiani, musulmani, li uccide indiscriminatamente. Il dialogo è impossibile di fronte a gente che uccide, distrugge in nome di Dio».

INTERVENTO MILITARE. Come il vescovo di Maiduguri, monsignor Oliver Dashe Doeme, anche Kaigama chiede l’intervento militare «della comunità internazionale», dopo che domenica i jihadisti hanno cercato di assaltare Maiduguri, capitale dello Stato di Borno e città più importante del nordest del Paese, che rischia di diventare un califfato. L’offensiva di Boko Haram è cominciata nel 2009 e solo l’anno scorso i terroristi hanno causato la morte di oltre novemila persone.

«HANNO BRUCIATO TUTTO». Moussa, il pastore cristiano, è tornato a Baga per recuperare qualche effetto personale: «C’erano cadaveri dappertutto in strada. Ci hanno attaccato con migliaia di uomini. In acqua affioravano corpi e si sentiva un grande fetore ancora prima di entrare in città». Di Baga «non resta che cenere. Hanno bruciato tutto: le nostre case, i nostri magazzini, perfino le motociclette». Ora Moussa si sente quasi inutile: «Attorno a me ci sono solo musulmani. Io non ho più niente da fare, non ci sono cristiani, non ci sono chiese, non ho neanche la Bibbia».

«PIANGEVA E BASTA». Al campo profughi, che è stato investito dall’arrivo di 14 mila persone in una settimana, operano membri del governo nigeriano e dell’Onu. Tante persone arrivano così traumatizzate che non parlano e sembrano non capire: «Arrivano con storie troppo dure per essere ascoltate», racconta Idriss Dezeh, della Commissione di accoglienza del Ciad. «L’altro giorno un uomo è venuto per farsi registrare, io gli parlavo ma lui non mi ascoltava: piangeva e basta». L’uomo non aveva più nessuno, «i Boko Haram avevano lanciato una granata dentro casa sua uccidendo sul colpo la moglie e i tre bambini».

PARTO IN CANOA. Altri sono stati più fortunati e si sono salvati con tutta la famiglia, come Aisha Aladji Garb. Tra le braccia tiene una neonata, venuta alla luce sulla canoa di legno con la quale attraversava il lago Ciad con il marito scappando dai jihadisti. «Appena approdati sull’altra sponda, un gruppo di militari si è preso cura di noi e ci ha portati qui al campo. È solo grazie a loro se mio figlio è vivo, per questo l’ho chiamato Idriss Déby, il nome del presidente del Ciad».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

Ha riconquistato ciò che un tempo era già suo. La Honda Civic Type R di nuova generazione è tornata al Nürburgring, riprendendosi il record per le vetture a trazione anteriore. Del resto, quello che altri chiamano “l’Inferno verde”, vale a dire la mitica Nordschleife – in tedesco l’anello nord – pista di 20,8 km entrata […]

L'articolo Honda Civic Type R MY17: Regina del Ring proviene da RED Live.

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana