Google+

Boko Haram nella “lista nera” dei terroristi per fermare la strage di cristiani in Nigeria

giugno 22, 2012 Leone Grotti

Gli Stati Uniti hanno inserito tre leader del gruppo terrorista islamico per fermare l’escalation di attentati. Boko Haram ha già ucciso 600 persone, soprattutto cristiani, dall’inizio del 2012. Firma l’appello.

Non era mai successo e potrebbe essere un segnale positivo. Dopo gli attentati di domenica 17 giugno e le successive rappresaglie, che hanno causato la morte di 48 persone a Kaduna, nel nord della Nigeria, gli Stati Uniti ieri hanno iscritto tre leader di Boko Haram nella lista neri dei “terroristi stranieri”. Boko Haram, che letteralmente significa “l’educazione occidentale è peccato”, è il gruppo terroristico di estremisti islamici che vuole sradicare la presenza cristiana dal nord della Nigeria e che ha già causato circa 600 vittime dall’inizio del 2012.

I tre terroristi sono Abubakar Shekau, il leader “più visibili” del gruppo, Abubakar Adam Kambar e Khalid Al Barnawi. La decisione è arrivata dopo che forti pressioni sono state fatte sull’amministrazione Obama perché prendesse provvedimenti per fermare la strage di cristiani, che va avanti ininterrottamente ogni domenica dal Natale del 2011. Non è stata inserita in blocco Boko Haram per non elevarla al rango di grande organizzazione.

La portavoce del dipartimento di Stato Victoria Nuland ha dichiarato che «abbiamo preso queste misure perché i tre sono chiaramente terroristi legati a Boko Haram e perché tutti hanno invocato il terrorismo attraverso le armi. Continueremo a occuparci di questo problema». Due repubblicani hanno però chiesto di fare ancora di più: «Siccome Boko Haram ha dato dimostrazione di voler colpire obiettivi occidentali, e quindi potenzialmente anche gli Stati Uniti, chiediamo di agire ancora più duramente».

Anche in Italia qualcosa si è mosso per fermare la strage di cristiani in Nigeria. Politici di diversi schieramenti hanno fatto un appello da firmare per «difendere i cristiani, senza aspettare la prossima domenica».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi