Google+

Una mostra milanese per celebrare l’anniversario dell’Editto di Costantino

gennaio 9, 2013 Mariapia Bruno

È una storia lunga che si perde in una miriade di dettagli quella della rivoluzione politica e religiosa operata da Costantino, l’imperatore che diede fine alle persecuzioni contro i cristiani e che pose sulle sue insegne militari la croce nella forma del Krismon, simbolo che univa le due lettere iniziali greche del nome di Cristo. Nell’anniversario dell’emanazione del suo celebre Editto di Milano (313 d.C.), che dichiarava lecito il Cristianesimo, la capitale meneghina ospita nel cuore del suo Palazzo Reale una grande retrospettiva. «Questa mostra – spiega l’assessore alla Cultura Stefano Boeri – rivela come Milano sia stata, oltre che la capitale politica e amministrativa di un impero, anche un riferimento etico e culturale. Milano, in quel preciso momento storico, ha saputo mostrare al mondo la propria profonda civiltà attraverso l’apertura ad ogni espressione di fede e alla tolleranza religiosa in un tempo in cui barbarie e intolleranza parevano regnare più sovrane dell’autorità imperiale».

Aperta fino al 17 marzo 2013 l’esposizione, dal titolo Costantino 313 d.C., presenta più di 200 oggetti preziosi d’archeologia e d’arte che raccontano i protagonisti dell’epoca, l’esercito e i suoi armamenti, la corte, con particolare attenzione alla figura di Elena, madre di Costantino, santa e imperatrice investita di un grande ruolo nella storia  della Chiesa. Grazie a reperti e ricostruzioni si puo fare un viaggio immaginario nella Milano Imperiale, dal Palatium alle terme che si ergevano tra gli attuali Corso Vittorio Emanuele e via Larga, alla necropoli dell’area di Sant’Eustorgio, nell’odierno Corso di Porta Ticinese.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana