Google+

Una mostra milanese per celebrare l’anniversario dell’Editto di Costantino

gennaio 9, 2013 Mariapia Bruno

È una storia lunga che si perde in una miriade di dettagli quella della rivoluzione politica e religiosa operata da Costantino, l’imperatore che diede fine alle persecuzioni contro i cristiani e che pose sulle sue insegne militari la croce nella forma del Krismon, simbolo che univa le due lettere iniziali greche del nome di Cristo. Nell’anniversario dell’emanazione del suo celebre Editto di Milano (313 d.C.), che dichiarava lecito il Cristianesimo, la capitale meneghina ospita nel cuore del suo Palazzo Reale una grande retrospettiva. «Questa mostra – spiega l’assessore alla Cultura Stefano Boeri – rivela come Milano sia stata, oltre che la capitale politica e amministrativa di un impero, anche un riferimento etico e culturale. Milano, in quel preciso momento storico, ha saputo mostrare al mondo la propria profonda civiltà attraverso l’apertura ad ogni espressione di fede e alla tolleranza religiosa in un tempo in cui barbarie e intolleranza parevano regnare più sovrane dell’autorità imperiale».

Aperta fino al 17 marzo 2013 l’esposizione, dal titolo Costantino 313 d.C., presenta più di 200 oggetti preziosi d’archeologia e d’arte che raccontano i protagonisti dell’epoca, l’esercito e i suoi armamenti, la corte, con particolare attenzione alla figura di Elena, madre di Costantino, santa e imperatrice investita di un grande ruolo nella storia  della Chiesa. Grazie a reperti e ricostruzioni si puo fare un viaggio immaginario nella Milano Imperiale, dal Palatium alle terme che si ergevano tra gli attuali Corso Vittorio Emanuele e via Larga, alla necropoli dell’area di Sant’Eustorgio, nell’odierno Corso di Porta Ticinese.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana