Google+

Ti hanno bocciato? No problem, un giudice del Tar ti promuoverà

giugno 30, 2014 Giovanni Belardelli

Gli abusivi della cattedra“. È questo il titolo scelto dal Corriere della Sera per l’editoriale di prima pagina oggi a firma di Giovanni Belardelli. Il commento parte da un fatto di cronaca accaduto recentemente in un liceo classico di Roma. Il Tar del Lazio ha annullato la bocciatura di uno studente, che aveva riportato in pagella pesanti insufficienze (3 in matematica, 4 in fisica, 3 in storia dell’arte). Belardelli si sofferma su un particolare della sentenza dei giudici e cioè quella parte in cui questi rimproverano ai docenti di «non avere adeguatamente valutato la preparazione complessiva dello studente, all’interno della quale – secondo i giudici amministrativi – un 3 in matematica e un 4 in fisica sarebbero meno gravi trattandosi di un liceo classico».
Si chiede l’articolista: «Sono ancora i professori ad avere la responsabilità pedagogica dell’insegnamento nelle nostre scuole?». La decisione del Tar, infatti, «lascia di stucco»: in questo modo i giudici salgono, «letteralmente, in cattedra». Il Tar, così facendo, «finisce per sostituirsi agli insegnanti in quell’attività chiave della loro funzione pedagogica che consiste nella valutazione di uno studente: una valutazione che può fare a ragion veduta (o almeno così credevamo) solo chi lo abbia avuto in classe per un anno scolastico».

NON C’E’ PIU’ AUTORITA’ RICONOSCIUTA. L’articolo di Belardelli è interessante anche per un altro motivo. Egli, infatti, ravvisa in quella decisione una «tendenza generale – comune a tutti gli Stati democratici contemporanei, ma in Italia più accentuata che altrove – che vede la magistratura amministrativa (e non solo) intervenire in un numero sempre maggiore di ambiti della vita sociale, dagli scrutini scolastici alle cure mediche. (…) In sostanza, le figure che un tempo fissavano regole e le facevano rispettare (dall’insegnante al medico, dal capofamiglia al dirigente d’azienda) si rivelano non più in grado di svolgere questa funzione. Da parte sua, chi un tempo accettava le decisioni di un’autorità sociale oggi – se non è d’accordo – ricorre sempre più frequentemente alla magistratura».

PSEUDOBUONISMO. Così, «oggi, di fronte alla bocciatura di un figlio, a molti rischia di apparire normale andare direttamente dall’avvocato». Questa perdita di autorevolezza, fa sì che «una parte del Paese pensa ormai che valutare il merito di qualcuno (non soltanto attraverso il voto, certo, ma a volte anche con un voto) voglia dire discriminarlo, escluderlo, porlo ai margini della società. È la nostra cultura che, in preda a una deriva pseudobuonista (pseudo, perché la possibilità della scuola di contrastare le differenze legate alla diversa provenienza socioculturale si lega anche alla sua capacità di valutare il merito di ciascuno), dietro ai voti e alle insufficienze non sa vedere altro che un atto illegittimo. Contro cui chiedere dunque l’intervento di qualche tribunale amministrativo disposto a sostituirsi agli insegnanti».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

9 Commenti

  1. giovanni scrive:

    Un consiglio per chi vuole essere assunto in qualche ente pur non avendone i titoli……allegate al curriculum una copia debitamente compilata per fare il ricorso al tar

  2. Stefano De Stefano scrive:

    In effetti sembra un incentivo all’ignoranza. Dalla lettura della sentenza (rilevabile in rete) però, traspaiono anche alcune superficialità che avrebbero viziato l’esito finale della valutazione: la composizione non perfetta del consiglio di classe, la carenza nelle motivazioni riportate formalmente. Purtroppo, benché siamo (sono un insegnante anch’io) i meno pagati in Europa, dobbiamo pure difendere con le unghie e con i denti la professione: tutti gli atti che redigiamo vanno scrupolosamente controllati, pena l’essere bastonati oltre che ritenuti cornuti e quindi socialmente risibili.

  3. Italo cavani scrive:

    E’ demagogico l’articolo. Il TAR di Bologna e quello di Psrma non hanno mai fatto sentenze cosi. Anzi le scuole se lavorano seriamente vedono confermati i loro sforzi e il loro lavoro dai giudici. Avv Italo Cavani

  4. Italo cavani scrive:

    E’ demagogico l’articolo. Il TAR di Bologna e quello di Parma non hanno mai fatto sentenze cosi. Anzi le scuole se lavorano seriamente vedono confermati i loro sforzi e il loro lavoro dai giudici. Avv Italo Cavani

    • ftax scrive:

      Evidentemente la scuola non la conosci…

    • pier scrive:

      L’articolo parla di una scuola di Roma, ed il Tar del Lazio.
      Non mi sembra demagogico, e capita forse sempre più spesso che si ricorre al Tar anche per valutazioni scolastiche, ma si potrebbe riflettere come mai al centro-sud i voti sono sempre più generosi rispetto alle scuole del Nord .
      E anche la preparazione non mi sembra allo stesso livello.

      • U,.... scrive:

        Ma scusa questo chi te lo ha detto… e certo quelli del Nord sono sempre meglio di noi… si vede infatti
        … sono 150 anni che il Nord fa così si credono superiori… invece è solo mafia che spacciano per politica…
        qui ci sono ragazzi e ragazze veramente in gamba che meriterebbe molto…siete sempre i soliti.

        • beppe scrive:

          U…, chiaggne chiaggne che alla fine qualcosa otterrai.

          • U,.... scrive:

            Noi non piangiamo a noi da fastidio l’atteggiamento di superbia che avete nei nostri confronti che è fatta solo di mere frasi prive di significato…
            chi vi credete di essere, parlate di cultura e avete atteggiamenti di intolleranza …a meno che non si hanno soldi..allora ci si inginocchia…
            Fare di tutta un erba un fascio non è il massimo e come dire che a nord siete tutti ladri… e invece c’è tanta gente per bene come da per tutto in italia francia europa Africa…ecc….

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana