Google+

Seguimi e ti mostrerò il mio viso senza trucco

giugno 29, 2012 Elisabetta Longo

Se chiedete a una star quale sia il segreto per tenersi in forma, la risposta sarà sempre e comunque: «Non vado in palestra, mangio un sacco di dolci, ho solo la fortuna di avere un metabolismo molto accelerato». Fate la stessa domanda a un comune mortale e quello esausto con un filo di voce dirà: «Sono nato a dieta». La falsa modestia di chi è bello, e viene pagato per esserlo, è una delle cose più irritanti del 21esimo secolo. Fior fior di attrici, modelle e cantanti ci ricordano quotidianamente la loro schiacciante superiorità estetica e non ci resta che stare a guardare le copertine dei giornali attoniti.

Ora, l’inversione di tendenza, ancora piena zeppa di falsa modestia e subdola ipocrisia, per dimostrare che in fondo loro sono come noi. Anche se ultramilionarie e con un costumista sempre al seguito. Quindi serve una foto che le ritragga struccate, senza chioma da parrucchiere e senza mise particolari, da postare su Twitter o su un altro social network, o meglio ancora, scattata da un paparazzo mentre la suddetta star fa qualcosa di normale come fare la spesa o portare i bambini al parco. Katy Perry ha cominciato per prima, mettendo online una foto impietosa fatta dall’ex marito Russell Brand. Poi vennero Demi Moore dal dentista, Rihanna sul lettino di ospedale con la flebo, Lady Gaga nel backstage di un concerto, Jennifer Love Hewitt in palestra. E tutte le veline italiane le hanno imitate. Dalla Marcuzzi alla Santarelli, da Barbara D’Urso a Elisabetta Canalis, ormai l’ondata è inarrestabile.

Ma cosa succede invece quando una donna “normale” come Hillary Clinton si presenta a un incontro diplomatico in Bangladesh, struccata, con gli occhiali e senza messa in piega? Ovvio, scoppiano le critiche da ogni parte, e la poveretta cerca di fare appello all’autocoscienza di sé per avere giustificazioni. «Sono sollevata di essere a un punto della mia vita in cui se mi voglio mettere gli occhiali lo faccio, se voglio legare i capelli lo faccio. A 64 anni me lo posso permettere». Povera illusa Hillary. Quello è un privilegio riservato alle star.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Grazie al cambio automatico ZF a 8 rapporti e allo sterzo a servoassistenza elettrica con 3 programmi di marcia la muscle car americana entra nell’era moderna. Il V8 6.4 eroga 485 cv anziché 470 come in passato. Confermati il V6 3.6 da 305 cv e il V8 5.7 da 375 cv

Tuta in pelle per tutti gli appassionati e praticanti di guida sportiva o di attività legate all’ambito racing

La crossover franco-cinese frutto della joint-venture tra Citroën e Dongfeng Motor Group è caratterizzata dalle 2WD all’avantreno e dal sistema di trazione evoluto Grip Control. Mossa da un 1.6 turbo a iniezione diretta di benzina da 160 cv, arriverà mai in Europa?

Speciale Nuovo San Gerardo