Google+

Se bastasse un nanorobot nel cervello per essere «come dio»

ottobre 2, 2015 Redazione

ray-kurzweil-singularity-universityRaymond “Ray” Kurzweil, director of engineering di Google, ovvero capo degli inventori di Mountain View, torna a far notizia grazie al video di una sua recente conferenza messo in circolazione in questi giorni. I lettori di tempi.it conoscono abbastanza bene Kurzweil e sanno che non è nuovo a esternazioni per così dire “visionarie” (ce ne siamo occupati in diversi articoli). Il guru di Google è infatti l’esponente più in vista del cosiddetto singolaritanismo, una corrente di pensiero per certi versi messianica, piuttosto di moda nella Silicon Valley, che preconizza l’avvicinarsi di un futuro nel quale l’umanità sarà capace di superare se stessa (di salvarsi, insomma) integrandosi con la tecnologia. Nel video in questione, per l’appunto, Kurzweil parla davanti agli studenti della Singularity University che egli stesso ha contribuito a fondare e spiega loro che un giorno, grazie all’inserimento di nanorobot nei nostri cervelli, saremo «godlike», come dio. Proponiamo in una nostra traduzione alcuni stralci dell’articolo scritto in proposito da Chris Matyszczyk per Cnet.

(…) Kurzweil ha una visione veramente, follemente, profondamente ottimistica di ciò che saremo quando i nanorobot saranno impiantati nei nostri cervelli e così potremo aumentare la nostra intelligenza collegandoci direttamente a Internet.

È un tale sollievo. Temevo che con un robot impiantato nel cervello mi avrebbe fatto male la testa. (…) Kurzweil invece mi ha rassicurato. Parlando di recente alla Singularity University, ha spiegato che il mio cervello si svilupperà nello stesso modo in cui si è sviluppato il mio smartphone.

(…) Continua Kurzweil: «Saremo più musicali. Saremo più spiritosi. Saremo più bravi a esprimere sentimenti d’amore». Giacché i robot sono rinomati per la loro musicalità, il loro senso dell’umorismo e le loro qualità amorose. Soprattutto nei film di Hollywood.

Kurzweil insiste, però, che questa è la prossima fase naturale della nostra esistenza. «L’evoluzione – dice – crea strutture e modelli che nel tempo diventano più complicati, più conoscibili, più intelligenti, più creativi, più capaci di esprimere sentimenti alti come l’essere amorevoli. Dunque si muove verso quello che descriviamo come Dio: queste qualità senza alcun limite».

Sì, stiamo diventando dei.

«L’evoluzione è un processo spirituale e ci rende più simili a dio», conclude Kurzweil.

C’è qualcosa di tanto edificante, e insieme di tanto meravigliosamente egocentrico, nel lasciare intendere che presto l’uomo sarà Dio, grazie all’intelligenza artificiale. Ma anche il solo fatto che questa intelligenza sia artificiale sarebbe già un indizio dei suoi potenziali limiti. (…)

Ci sono così tante cose fondamentali con cui stiamo combattendo. Eppure eccoci qui a credere che in pochi anni saremo come dio.

Signore, aiutaci.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

7 Commenti

  1. Menelik scrive:

    Eh…e che volete che sia?
    Gli piace masturbarsi la mente con queste cose.
    Ma noi non temiamo perché………

    Tutto ciò che tocchi

    Tutto ciò che vedi

    Tutto ciò che assaggi

    Tutto ciò che senti

    Tutto ciò che ami

    Tutto ciò che odi

    Tutto ciò di cui diffidi

    Tutto ciò che risparmi

    Tutto ciò che dai

    Tutto ciò che doni

    Tutto quello che compri

    Elemosini o prendi in prestito o rubi

    Tutto ciò che crei

    Tutto ciò che distruggi

    Tutto ciò che fai

    Tutto ciò che dici

    Tutto ciò che mangi

    Chiunque incontri

    Tutto quello che disprezzi

    Chiunque combatti

    Tutto ciò che è adesso

    Tutto ciò che è andato

    Tutto ciò che arriverà

    E tutto quanto sotto il sole è in sintonia

    Ma il sole è eclissato dalla luna.”

    (Avete riconosciuto le parole? Sono i P*** F****)
    Dunque noi non temiamo.
    Oggi è un grande giorno, perché oggi Raqqa è stata colpita dall’aviazione russa.
    Gran bella notizia che infonde speranza.

  2. gabriele scrive:

    Il demonio sotto forma di serpente,dice ad Eva:mangia il frutto proibito,”non morirete,SARETE COME DIO”.
    Ecco il perpetuarsi del peccato originale,la creatura che pensa e vuole essere simile al Creatore…
    Certo che il demonio sa mimetizzarsi molto bene!

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Vero, Gabriele! Pensa che siamo arrivati a “creare” l’uomo in provetta, disincarnandolo dall’atto d’amore, quale oggetto di desiderio…

  3. SUSANNA ROLLI scrive:

    AH! AH!AH!AH! AH!AH!AH! AH!AH!AH! AH!AH!AH! AH!AH!AH! AH!AH!AH! AH!AH!AH! AH!AH!
    AIUTO!!!!!!!!!!!!!MUOIO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Abbisognavo di una sana risata!
    Mi tengo la mia intelligenza così com’è, grazie, molto gentili!

  4. Eze scrive:

    In realtà pensavo che in quanto atomi dell’universo fossimo già Dio…

  5. ottimo, ma gli updates poi chi li fa?! e i backups?! C’è da piangere.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arexons lancia un’applicazione per rispondere a dubbi e curiosità sui prodotti più indicati per la cura e la manutenzione dell’auto.

La monovolume coreana, disponibile anche a sette posti, beneficia di un restyling di metà carriera che porta in dote inedite dotazioni multimediali e di sicurezza. Grazie a un nuovo pack tecnico si riducono i consumi del 1.7 td da 115 cv.

Debutta a Parigi l’edizione limitata a 50 esemplari della serie speciale ispirata al marchio nautico italiano. Alla dotazione full optional e alle finiture ricercate si accompagnano motori a benzina 1.2 aspirato da 69 cv o 0.9 TwinAir turbo da 85 o 105 cv.

Grazie alla partnership con l'azienda di Asolo, l'airbag per motociclisti entra nella collezione BMW Motorrad. Ci sono proposte di vari colori, per uomo e donna.

Gli atleti dello scatto fisso saranno a Milano, il 1 ottobre, per giocarsi la vittoria finale del Red Hook, il criterium più ardito del mondo.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana