Google+

Scola: «Padre Jacques è un martire. Per vincere la paura, recuperiamo il senso del vivere»

luglio 27, 2016 Redazione

«I cristiani come padre Jacques, ucciso barbaramente, costruiscono il bene della società intera». Così il cardinale arcivescovo di Milano Angelo Scola ha commentato l’uccisione di padre Jacques Hamel, in Francia, vicino a Rouen. Ieri due terroristi islamici sono entrati nella chiesa dove celebrava la Messa e l’hanno sgozzato.

Scola ha parlato esplicitamente di martirio:

«Come non cogliere in questa uccisione portata al cuore del cristianesimo il valore del martirio che regolarmente i cristiani celebrano nella Santa Messa? Il barbaro attentato produce in noi sgomento e violenta reazione. Solo nella preghiera riusciamo ad accettare un simile e più che disumano atto. In particolare di addolora profondamente che un fratello sacerdote sia stato ucciso in occasione della celebrazione della Santa Messa e altri fedeli siano stati feriti».

L’arcivescovo di Milano ha poi parlato di come si può non avere paura:

«Bisogna restare insieme per resistere alla violenza. Non c’è altra strada che riprendere subito, e attraverso un paziente lavoro educativo e culturale, un senso del vivere che ci consenta di affrontare il quotidiano, nelle sue elementari manifestazioni, sorretti dalla verità e dal bene». Ma serve anche «una società plurale, rispettosa di tutti ma tesa al riconoscimento di ciò che è buono. Questa è l’unica strada per vincere la paura ma alla lunga per battere il terrorismo».

Foto Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

10 Commenti

  1. Rolli Susanna scrive:

    Eminenza, siamo uniti nel dolore; tuttavia, il problema più grave da sconfiggere oggi pare sia quello della paura!, paura di fare una promenade e paura di andare nel luogo più ospitale che possa -dovrebbe esserci al mondo: una chiesa! Per la sottoscritta, però, il problema più grave non dovrebbe essere quello della paura ( ogni minuto della nostra giornata dovrebbe essere, allora, motivo di grande angoscia, basta soltanto pensare ad un batterio mortale che ti puoi prendere mangiando una foglia di lattuga lavata male o dalla puntura di una zanzara! e di esempi come questo potrei farne da qui a Forlì.!); lo sdegno che ci dovrebbe investire tutti in primis è il FATTO CONCRETO che circolano persone sulla Terra che non provengono da un altro pianeta “rivale” ma dalla stessa superficie terrestre, fisicamente dotati di uguale corporeità che hanno la capacità di uccidere in nome di Dio: questo E’ il problema, e il problema nel problema -e che costituisce il fatto più grave per un cristiano- è che migliaia di anime rischiano veramente la dannazione eterna…all’inferno non dovrebbe caderci nessuno! (“pregate molto e fate sacrifici: molte anime vanno all’inferno perchè no nc’è chi prega e si sacrifica per loro” – Fatima); da risolvere, perchè non c’è problema che non si risolva “tranne la morte” -diceva mia nonna. Per favore, voi che avete audience e che non siete mezze cicche come me, DITE al mondo che in problema non è la paura da superare- la paura si supera in fretta -il vero problema è un altro. Grazie.

    • felpa scrive:

      Susanna, esci dal film horror postapocalittico che ti ossessiona! Per i terroristi ci sono i missili, se li si vuole usare, e la polizia. Per santificare la Chiesa tutta.

      • Rolli Susanna scrive:

        Felpa, altrove ho scritto che l’Europa sta dormendo il sonno stanco della sua anima spirituale e politica; se i governanti fossero altri non ci troveremmo in questa gravissima situazione (risolvibile); tuttavia i terroristi, per i quali tu dici esserci i missili (basterebbe anche solo la galera a vita), hanno un corpo ed un’anima esattamente come me e te, un’anima a rischio di dannazione eterna. Lo sanno molto bene i santi che hanno dato la vita ed accettato sofferenze indicibili (in questo preciso istante mison venute in mente le stimmate di Padre Pio per tutta una vita -per esempio) per salvare LE ANIME dalll’inferno…Non c’è biografia di santo che non accenni come minimo all’inferno. E quel che ho scritto, da cristiana, non è eretico, anzi!! Ciao, Felpa, stammi bene.

  2. beppe scrive:

    ..vai avanti tu, che a me viene da …..firmato bergoglio

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Giunge alla terza generazione una delle compatte sportive più apprezzate dai puristi della guida oltre che una delle “piccole pesti” più pepate in circolazione. La Suzuki Swift Sport, sinora proposta esclusivamente con un propulsore 1.6 16V aspirato da 125 o 136 cv, si appresta a cambiare cuore, optando per un’unità sovralimentata di derivazione Vitara S. […]

L'articolo Suzuki Swift Sport: piuma col turbo proviene da RED Live.

Prodotto da Peugeot e allestito dal celebre preparatore francese il Partner Dangel porta all’estremo il concetto di auto tuttofare. L’abbiamo messa alla prova nel cimento più duro la vacanza con famiglia.

L'articolo Prova Peugeot Partner Tepee Dangel, l’Ultra Utility Vehicle proviene da RED Live.

Forse la questione passa un po’ inosservata, dato che spesso la nostra attenzione è concentrata per lo più sulle prestazioni dei piloti tra i cordoli. Ma quanto è importante poter contare su abbigliamento e accessori adeguati per affrontare le competizioni in auto? Diremmo fondamentale, tanto più che tutto il “guardaroba” deve essere composto da indumenti che rispettino requisiti […]

L'articolo Tutto quello che serve per correre in auto secondo Alpinestars proviene da RED Live.

È l’anti-tedesca per eccellenza. Una delle poche berline alto di gamma in grado di fronteggiare a testa alta le rivali Audi, BMW e Mercedes-Benz. Jaguar XJ, dopo aver scardinato la tradizione del Giaguaro vestendosi di linee ardite e sinuose, si rinnova in vista del 2018 e amplia la gamma grazie alla strabordante XJR575 da 575 […]

L'articolo Jaguar XJ 2018: 575 cv al top proviene da RED Live.

Brutale e sconvolgente, tanto nella linea quanto nel carattere. Nata nel 1987 ed erede di 288 GTO, era una vettura da corsa adattata all’utilizzo stradale. Un mito da 478 cv, 324 km/h, 0-100 km/h in 4,1”, 1.100 kg e, soprattutto, 162,8 cv/litro. L’elettronica? Sconosciuta

L'articolo Ferrari F40: io sono leggenda proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana