Google+

Sai quanti premi Nobel se i nostri magistrati scrivessero romanzi

agosto 8, 2012

In Italia c’è qualcosa che non funziona nella gestione delle risorse umane. Potremmo sviluppare un punto di Pil in più se solo collocassimo le persone giuste al posto giusto.

Prendiamo la letteratura, per esempio. Il massimo che noi riusciamo a mettere in campo è qualche depresso cronico che la tira in lungo con la noiosa solitudine dei numeri primi. Al contrario i nostri competitori internazionali schierano assi del calibro di Dan Brown, J. K. Rowling, Stephenie Meyer.

Tutti scrittori dalla fantasia sfrenata che sanno immaginare intrighi, complotti e personaggi straordinari che ci tengono legati alle pagine dei loro libri con lo spasmodico desiderio di scoprire come va a finire.

Gente così esiste anche in Italia solo che, non si capisce perché, invece di fare gli scrittori fanno i pm. La P4, Why Not, la trattativa stato mafia potrebbero essere titoli di successo e invece sono solo telenovele burla che sprecano soldi pubblici per soddisfare la voglia di protagonismo di certi magistrati che, se avessero seguito la propria vocazione, ora sarebbero candidati al Nobel per la letteratura.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. Kan63 scrive:

    Tra l’altro J.H Woodcock non deve neamche perdere tempo a cercarsi un nome d’arte.

  2. Mappo scrive:

    Del resto c’è già un magistrato, di cui al momento mi sfugge il nome, che oltre ad essere deputato (del PD) si diletta a scrivere romanzi gialli.
    Certo che se Di Pietro sapesse leggere e scrivere, con il copia incolla delle sue inchieste farebbe dei capolavori del genere Fantasy

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta in Brasile la nuova generazione della SUV americana di medie dimensioni. Attinge allo stile dell’ammiraglia Jeep, non rinuncia a una discreta propensione all’off road e può contare su di una ricca dotazione multimediale e di sicurezza. In Europa nel 2017.

La concept car Trezor mostra al Salone di Parigi come potrebbero essere le Renault sportive di domani: elettriche, connesse e a guida anche autonoma

Lo step da 120 cv del 1.6 td Fiat è ora abbinabile alla trasmissione a doppia frizione DCT a 6 rapporti. La nuova dotazione, proposta al probabile prezzo di 1.900 euro, è dedicata alla famiglia Tipo e alla crossover 500X.

Per la nuova stagione i tecnici si concentrati soprattutto sulle prestazioni del motore. Grazie al lavoro di sviluppo, il grosso monocilindrici guadagna 6 cv e 3 Nm.

La compatta elettrica francese adotta un nuovo pacco batterie da 41 kWh che porta a 400 km l’autonomia. Debuttano il ricercato allestimento Bose e i servizi Z.E. Trip e Z.E. Pass per semplificare la ricarica presso le colonnine pubbliche. Prezzi da 25.000 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana