Google+

Più che agli attori porno, il preservativo andrebbe messo a certi giornali

luglio 7, 2012 Franco Molon

A Los Angeles, il prossimo 6 novembre, si terrà un referendum per stabilire se gli attori dei film porno debbano essere, o meno, obbligati ad indossare il preservativo durante le riprese.

Che in una parte del mondo ci si occupi di questi problemi mentre nel resto del pianeta si combatte contro la crisi, lo spread, la fame e l’ingiustizia è un buon segno. Significa che lì ci si è già lasciati alle spalle tutte queste brutture e si guarda al futuro con ottimismo. La ripresa, almeno in California, è già iniziata.

Per velocizzare il processo anche da noi si potrebbe promuovere un referendum per obbligare certi giornaletti e certi giornaloni a mettere il preservativo ogni volta che cerchino di schizzare fango contro la scuola paritaria, la sanità lombarda, e tutte quelle reali esperienze di sussidiarietà che rappresentano un modello e una speranza per il nostro paese.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. david scrive:

    Il preservativo più coprente andrebbe però messo a un giornale che considera le inchieste dei giudici – verso politici e manager in Regione Lombardia – come “fango contro la sanità lombarda”. Perchè i redattori di tale giornale faticano a capire che mai alcun cronista avrebbe schizzato anche solo un millesimo di fango se non ci fossero TUTTORA INCHIESTE GIUDIZIARIE E ARRESTI DI PERSONE CIELLINE legate al Celeste. E una di queste viene esibita sulla rivista sottoscritta come un martire che sopravvive al carcere e penso che prima o poi faranno un libro con le centinaia di sue lettere patetiche: sarà il nuovo libro di Scuola di Comunità ciellina: potrebbe chiamarsi “All’origine della pretesa innocentista” Propongo un nuovo nome per questo giornale: SPARAte.m.piSTOLOTTI.

    • Franco Molon scrive:

      Ciao David! Accidenti quanto astio per Cl e che visione angelica della stampa. In genere questi estremi indicano un affronto ideologico che non è mai un bene, per nessuno. Mi sembra che i numeri della sanità lombarda parlino chiaro per tutti. Quanto a Simone trovo le sue lettere una documentazione semplice e umana di una condizione di vita particolarmente dura. Essere in carcere non significa essere colpevole. Ci vediamo a scuola di comunità. :-)

      • Alex Galvani scrive:

        Signor Molon,
        a me invece sembra che i numeri dei consiglieri regionali lombardi tutt’ora arrestati o indagati parlino ancora piu’ chiaro. Piu’ del 10% del Consiglio Regionale.
        A Scampia e a Brancaccio, la percentuale di delinquenti e indagati sulla popolazione generale e’ solo del 6%…
        Si, mi sa che ci vediamo a scuola di comunita’ davvero, ma lei purtroppo dovra’ anche predere delle ripetizioni extra!

      • david scrive:

        Allora se io critico CL [io non provo astio ma pena per i ciellini duri e puri, che non sanno MAI fare mea culpa sui fatti penosi che riguardano persone che nel movimento definiscono AUTOREVOLI e che appartengono alla Fraternità dei Memores Domini: povertà (?), castità e obbedienza (agli inviti sullo jacht?)] e se io non critico la stampa almeno per una volta, allora vuol dire che faccio “un affronto ideologico che non è mai un bene, per nessuno”???????
        Il giorno che smetterò di leggere o sentire dai ciellini frasi ad effetto (in stile giussaniano) come la sua, che ho virgolettato, che non significano nulla, sarà forse il giorno che ritornerò a farmi vedere a Scuola di Comunità!
        Se il significato è che chi è contro Cl non vuole il bene, allora vuol dire che qualcuno non ha capito bene la Scuola di Comunità oppure che Giussani se intendeva ciò, sbagliava di grosso (non aveva mica l’infallibilità come il papa!)

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 my 2018, come eravamo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download