Google+

Olimpiadi? Dio salvi la Regina, Emeli Sandè e anche Mr. Bean

luglio 29, 2012

A costo di farmi sommergere dai fischi vi dirò che a me le cerimonie di apertura delle grandi manifestazioni sportive, Olimpiadi comprese, non mi piacciono per niente. Intendiamoci, belle, spettacolari, uniche ma di un paganesimo insopportabile.

Elementi e forze naturali, superuomini alla ricerca del superamento dei propri limiti, autocelebrazione delle virtù eroiche del paese ospitante, sono questi i contenuti del 90% dello spettacolo. Una liturgia pagana, appunto; celebrazione da druidi sotto la quercia mediatica del nostro secolo.

Mi aspettavo la solita pippa su i quattro elementi, il sole, il fuoco e Stonehenge e invece sono rimasto sorpreso in almeno tre momenti: l’ironia di Mr. Bean, l’autoironia della Regina Elisabetta che si butta col paracadute insieme a 007 e, soprattutto, la magia, a mio parere autenticamente religiosa, della voce di Emeil Sandè.

Boccate d’ossigeno. Dio salvi la Regina, Emeil Sandè e anche Mr. Bean.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. dema scrive:

    si chiama EMELI SANDE’ e non

  2. ragnar scrive:

    Oltre a Rowan Atkinson in versione Mr Bean avrei anche voluto Sasha Baron Cohen in versione Borat, ma forse sarebbe stato troppo per un paese dove la correttezza politica regna sovrana (anche se il principe Filippo duca di Edinburgo è famoso per la sua “diplomazia”)

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta domenica 5 giugno a Treiso il primo cicloraduno che promuove un nuovo modo vivere la bici. Come contorno i noccioleti e i vigneti delle Langhe

A trent’anni dal lancio la maxi enduro tedesca è ancora il punto di riferimento del settore e regina indiscussa delle vendite pur non essendo la più veloce, la più potente e la più confortevole eppure…

Il side by side giapponese è un veicolo da puro divertimento. Il tricilindrico 1.0 si accompagna a sospensioni dall’escursione monstre e a un peso inferiore a 700 kg. È disponibile anche in versione omologata per l’uso stradale con prezzi da 26.195 euro.

È la Clio più estrema mai prodotta, forte di carreggiate allargate, assetto rivisto in ottica racing, cambio manuale a 6 marce e, soprattutto, del 2.0 turbo da 275 cv di derivazione Mégane RS Trophy. Per ora è una concept, ma potrebbe venire prodotta in piccola serie.

Seconda avventura al trofeo enduro del nostro "tapascione", che questa volta ha dovuto vedersela con il maltempo...

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana