Google+

Olimpiadi? Dio salvi la Regina, Emeli Sandè e anche Mr. Bean

luglio 29, 2012

A costo di farmi sommergere dai fischi vi dirò che a me le cerimonie di apertura delle grandi manifestazioni sportive, Olimpiadi comprese, non mi piacciono per niente. Intendiamoci, belle, spettacolari, uniche ma di un paganesimo insopportabile.

Elementi e forze naturali, superuomini alla ricerca del superamento dei propri limiti, autocelebrazione delle virtù eroiche del paese ospitante, sono questi i contenuti del 90% dello spettacolo. Una liturgia pagana, appunto; celebrazione da druidi sotto la quercia mediatica del nostro secolo.

Mi aspettavo la solita pippa su i quattro elementi, il sole, il fuoco e Stonehenge e invece sono rimasto sorpreso in almeno tre momenti: l’ironia di Mr. Bean, l’autoironia della Regina Elisabetta che si butta col paracadute insieme a 007 e, soprattutto, la magia, a mio parere autenticamente religiosa, della voce di Emeil Sandè.

Boccate d’ossigeno. Dio salvi la Regina, Emeil Sandè e anche Mr. Bean.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. dema scrive:

    si chiama EMELI SANDE’ e non

  2. ragnar scrive:

    Oltre a Rowan Atkinson in versione Mr Bean avrei anche voluto Sasha Baron Cohen in versione Borat, ma forse sarebbe stato troppo per un paese dove la correttezza politica regna sovrana (anche se il principe Filippo duca di Edinburgo è famoso per la sua “diplomazia”)

Tempi Motori – a cura di Red Live

"Se non usi la pala non giri": è la legge del park, dove i ragazzi non imparano solo a whippare, ma anche ad avere cura rispetto per quello che è il loro parco giochi. Da oggi avranno una nuova casa. A Maggiora

Dedicata esclusivamente alla pista, l’hypercar inglese adotta un V12 7.0 aspirato da 800 cv. Monoscocca e carrozzeria integralmente in carbonio.

L’erede di 458 Spider condivide il V8 3.9 biturbo da 670 cv e 760 Nm con 488 GTB. Scatta da 0 a 100 km/h in 3,0 secondi, eguagliando il tempo della versione “chiusa”.

La nuova crossover media francese abbina l’estetica della piccola Captur alla meccanica della “cugina” Nissan Qashqai. Disponibile in versione sia 2WD sia 4WD, sostituisce la sfortunata Koléos e mira a conquistare anche i mercati emergenti

Elettrica e a guida autonoma, la prima vettura della Mela potrebbe adottare la scocca in CFRP della BMW i3. Debutto atteso nel 2020.

Speciale Nuovo San Gerardo