Google+

Niente manzo nella cucina indiana ma tanto riso, verdure e salse di ogni tipo

luglio 22, 2013 Tommaso Farina

Impossibile generalizzare sulla civiltà culinaria di un paese come l’India, grande più o meno come mezza Europa. L’unico tratto davvero comune è l’assenza della carne di manzo su quei deschi, vista la sacralità della vacca per i seguaci della maggioritaria religione induista. Per il resto, via libera con tante salse e, cosa che piacerà non solo ai vegetariani, tanta verdura.

Per diletto, siamo tornati al milanese New Delhi: una trattoria indiana che i lettori del nostro giornale già conoscono, accanto allo Spazio Oberdan. Una garanzia: lo conosciamo da anni, e non ci ha mai tradito. Non cercate lo sfarzo un po’ pacchiano di altri posti: qui i riferimenti ambientali all’India sono quasi assenti. Il sapore del sub-continente viene tutto dalle cucine. I samosa, involtini ripieni di verdure o di carne, sono morbidi, ottimi. I curry sono parecchi, una ventina, principalmente secondo la tradizione dell’India del nord ma con qualche eccezione: il Vindaloo, scuola dell’India meridionale, particolarmente piccante, eseguito con pollo o agnello. All’opposto, il Korma (anche qui, pollo o agnello) è morbido e cremoso, arricchito da yogurt, mentre il Rogan josh, ossia il cosiddetto curry rosso d’agnello, si fa con peperoni e anacardi. Per i più tradizionalisti, c’è anche il pollo tandoori, ossia cotto nel famoso forno e colorato di rosso cupo in modo naturale. Dal tandoor vengono pure i Booti kebab, spiedini di carne di agnello (in India piace, e non hanno torto) marinati in yogurt e aceto di malto con una speciale miscela di spezie, che conferisce anche ad essi il caratteristico colore.

Il riso non può mancare, rigorosamente tipo basmati: bianco, pulao (pilaf di zafferano), con aglio, con funghi, con agnello (biryani) o con verdure. Di dolce, il famoso gelato indiano. Da bere qualche vino, qualche birra oppure qualche bevanda indiana. Contemplate circa 30 euro di spesa, a seconda di quanto mangiate. Tenete conto che il pranzo può essere richiesto anche da portare a casa, se volete. Buon appetito.

Per informazioni
New Delhi
www.ristorantenewdelhi.it
Via Tadino, 1 – Milano
Tel. 0229536448. Sempre aperto

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Michelin Road 5 alzano l’asticella: c’è più grip sul bagnato rispetto ai Pilot Road 4 e il degrado delle prestazioni è più costante

L'articolo Michelin Road 5, turistiche (non) per caso proviene da RED Live.

Nata dalla collaborazione tra Lapo Elkann e Horacio Pagani, la Pagani Huayra Lampo è una speciale one-off che s’ispira alla mitica Fiat Turbina

L'articolo Huayra Lampo, la Pagani di Lapo proviene da RED Live.

Una M5 è già di per sé abbastanza esclusiva e performante? Non tutti la pensano in questo modo. Tanto che la BMW ha presentato i nuovi accessori della linea M Performance dedicati alla berlina sportiva della Motorsport. Un’anteprima affiancata dall’unveiling della M3 30 Years American Edition. Una versione speciale allestita per celebrare i 30 anni […]

L'articolo BMW M5 M Performance: fibre preziose proviene da RED Live.

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download