Google+

Niente manzo nella cucina indiana ma tanto riso, verdure e salse di ogni tipo

luglio 22, 2013 Tommaso Farina

Impossibile generalizzare sulla civiltà culinaria di un paese come l’India, grande più o meno come mezza Europa. L’unico tratto davvero comune è l’assenza della carne di manzo su quei deschi, vista la sacralità della vacca per i seguaci della maggioritaria religione induista. Per il resto, via libera con tante salse e, cosa che piacerà non solo ai vegetariani, tanta verdura.

Per diletto, siamo tornati al milanese New Delhi: una trattoria indiana che i lettori del nostro giornale già conoscono, accanto allo Spazio Oberdan. Una garanzia: lo conosciamo da anni, e non ci ha mai tradito. Non cercate lo sfarzo un po’ pacchiano di altri posti: qui i riferimenti ambientali all’India sono quasi assenti. Il sapore del sub-continente viene tutto dalle cucine. I samosa, involtini ripieni di verdure o di carne, sono morbidi, ottimi. I curry sono parecchi, una ventina, principalmente secondo la tradizione dell’India del nord ma con qualche eccezione: il Vindaloo, scuola dell’India meridionale, particolarmente piccante, eseguito con pollo o agnello. All’opposto, il Korma (anche qui, pollo o agnello) è morbido e cremoso, arricchito da yogurt, mentre il Rogan josh, ossia il cosiddetto curry rosso d’agnello, si fa con peperoni e anacardi. Per i più tradizionalisti, c’è anche il pollo tandoori, ossia cotto nel famoso forno e colorato di rosso cupo in modo naturale. Dal tandoor vengono pure i Booti kebab, spiedini di carne di agnello (in India piace, e non hanno torto) marinati in yogurt e aceto di malto con una speciale miscela di spezie, che conferisce anche ad essi il caratteristico colore.

Il riso non può mancare, rigorosamente tipo basmati: bianco, pulao (pilaf di zafferano), con aglio, con funghi, con agnello (biryani) o con verdure. Di dolce, il famoso gelato indiano. Da bere qualche vino, qualche birra oppure qualche bevanda indiana. Contemplate circa 30 euro di spesa, a seconda di quanto mangiate. Tenete conto che il pranzo può essere richiesto anche da portare a casa, se volete. Buon appetito.

Per informazioni
New Delhi
www.ristorantenewdelhi.it
Via Tadino, 1 – Milano
Tel. 0229536448. Sempre aperto

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana