Google+

Mostra – Perugino risplende fresco di restauro a Senigallia

settembre 1, 2014 Mariapia Bruno

1_Pietro Perugino_Madonna e SantiPietro Vannucci, alias Perugino, conosciuto dal grande pubblico per quello Sposalizio della Vergine, dove la prospettiva fa da padrona sullo sfondo della città rinascimentale dove si svolge il santo matrimonio tra la Madonna e San Giuseppe, godette della formazione di due grandi scuole: quella indiretta di Piero della Francesca, assorbita attraverso le sue opere sparse fra Umbria, Marche e Toscana, e quella del Verrocchio, di cui Pietro fu probabilmente allievo a Firenze. Ma la sua presenza è attestata anche Lucca, Bologna, Venezia, Cremona, Ferrara, Milano e Senigallia, dove è conservata la famosa Madonna col Bambino e i Santi Giovanni Battista, Ludovico, Francesco, Pietro, Paolo e Giacomo Maggiore. Ed è proprio in questa deliziosa cittadina in provincia di Ancona che l’artista è celebrato con la mostra La Grazia e la Luce. La pala di Senigallia del Perugino. Armonie e discordanze nella pittura marchigiana di fine Quattrocento.

2_Giovanni Santi_AnnunciazioneAperta fino al prossimo 2 novembre presso il Palazzo del Duca, la retrospettiva ruota attorno alla tela qui di casa, che è stata da poco restaurata da un gruppo di imprenditori marchigiani. La tavola fu eseguita nell’ultimo decennio del Quattrocento, ed è accostata ad una serie di opere coeve di artisti come Luca Signorelli, Timoteo Viti, Lorenzo d’Alessandro, Pietro Paolo Agabiti, Carlo, Vittore Crivelli e Giovanni Santi, padre di Raffaello e autore dell’Annunciazione della locale Chiesa di Santa Maria Maddalena. Una parte della mostra è ospitata presso la Pinacoteca Diocesana, dove è sviluppato il tema mariano, ed è presente la Madonna del Rosario di Federico Barocci, eseguita per la Confraternita dell’Assunta e del Rosario.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Estrema tanto nell’aspetto quanto nella meccanica, la concept coreana anticipa la prima sportiva affidata al reparto Hyundai N. Adotta un 2.0 turbo benzina da 380 cv abbinato a un cambio a doppia frizione e alla trazione integrale.

La seconda generazione della SUV tedesca cresce nelle dimensioni e adotta soluzioni hi-tech in ambito sia multimediale sia di sicurezza. Mediamente più leggera di 90 kg, può contare su motori turbo benzina e diesel con potenze da 150 a 286 cv.

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana