Google+

Mistici e drammatici, ecco i nuovi ospiti della Brand New Gallery di Milano

febbraio 16, 2012 Mariapia Bruno

Sono due artisti stranieri i nuovi ospiti della Brand New Gallery che dal prossimo 1 marzo li accoglie nei suoi spazi milanesi all’interno delle retrospettive “Giverny” e “Still and Forever”. Protagonista della prima il giovanissimo artista danese Alexander Tovborg (Copenhagen 1983), artefice di ammalianti composizioni sofisticate e quasi metafisiche composte da elementi che richiamano allo stesso tempo astrattismo e figuratività. I suoi lavori sono complessi e nascono da un miscuglio di influenze letterali, religiose e culturali diverse che investono l’oggetto di un carattere mistico che però non mantiene le distanze dall’osservatore, ma ne stimola l’immaginazione. All’interno dello spazio espositivo Tovborg costruisce una narrazione erotica fittizia ambientata nel giardino di ninfee da sogno di Claude Monet. Accanto a questa prendono posto la serie di figure archetipiche e simboliche del gruppo “Tourist” dove vengono messe insieme la lettura erotico-artistica del libro del Kama Sutra e la storia biblica di Adamo ed Eva nel Giardino dell’Eden.


A trionfare nella seconda mostra è l’israeliano Ori Gersht con i suoi scenari eleganti che, assaliti da una decadenza improvvisa, perdono la loro bellezza vitale. Il richiamo a grandi opere del passato che hanno fatto la storia dell’arte è palese, ma qui l’artista di Tel Aviv le riadatta al presente fissando in un istante prescelto la caducità del soggetto grazie all’uso della fotografia in stop motion e del film a rallentatore. Una visione che fa meditare sulla vita, il destino, la perdita, il caso. Superba la serie Blow Up – che prende il nome dall’omonimo film di Antonioni – dove le composizioni di vasi e mazzi di fiori richiamano le tinte del tricolore di Francia rifacendosi all’opera di Henri Fantin-Latour, toccante la composizione Falling Bird dove, sulla base di una natura morta di Jean Baptiste Siméon Chardin, anatre e fagiani vengono appesi senza vita per i piedi palmati al di sopra di uno specchio d’acqua scuro verso cui cadono inevitabilmente a picco, distruggendosi nel proprio riflesso. Fino al 4 aprile 2012.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana