Google+

Maria Antonella è morta a 19 anni di anoressia, in attesa che Dio la curasse

giugno 21, 2013 Annalisa Teggi

«Un uomo dovrebbe mangiare perché ha un buon appetito da soddisfare,
e – lo dico con grande enfasi – decisamente non perché
ha un corpo da sostenere
» (da Eretici).

Ci abbuffiamo senza avere più appetito. È questa la sintesi di una dieta assolutamente malsana. Malata anzi: è anoressia e bulimia insieme. Ci droghiamo di dosi eccessive di qualunque cosa e poi veneriamo la figura filiforme e asciutta. Come se il cibo dovesse saziarci abbondantemente, senza lasciare una benché minima traccia. Ma il cibo deve lasciare traccia, sostanza, nutrimento: non serve a sopravvivere, serve a gustare la nostra dimensione corporale, creaturale.

Bisogna essere carnivori per essere umani. Il signor Chesterton espresse un po’ meglio questo concetto dicendo che «ogni anima umana deve provare su se stessa la gigante umiltà dell’Incarnazione. Ogni uomo deve vestirsi della carne per poter incontrare l’umanità»; ed è per questo che le amicizie più vere si consolidano a tavola. Le cose più serie, tra veri amici, si dicono tenendo in mano una birra (o del vino, de gustibus …).

Una notizia apparsa in queste ore informa che Maria Antonella Mirabelli è morta di anoressia a 19 anni in Argentina, assecondata da parenti (tranne il padre) e conoscenti nella sua scelta di non ricevere cure sulla base del precetto biblico «Dio cura ogni male». In attesa di ulteriori approfondimenti sull’evento, intanto è stata etichettata come la ragazza “morta di religione”. Non ne so abbastanza su di lei per permettermi di giudicare il suo gesto. Ma capisco che notizie del genere servano in ogni caso a diffondere una certa idea di religione. Se questa ragazza ha trattato la parola della Bibbia come un oracolo o come un idolo, il suo affidarsi non è stato una preghiera nel senso cristiano del termine. Perché la preghiera non è una delega passiva a Dio, ma una volontà piena e attiva. Non so cosa sia accaduto veramente a lei, ma so che quando la religione viene presentata o praticata nella forma di una venerezione irrazionale è attaccabilissima. E giustamente. Perché l’astrattismo, l’idolatria è attaccabile. Per questo Dio si è vestito della carne; e siamo noi quelli che sempre più si svestono della carne.

Vedo molte specie di anoressia e bulimia attorno a me, generate da una pura devozione di qualche astratto idolo. Diventa diabolico venerare certi meravigliosi ideali in astratto, se il risultato concreto a cui portano è un gesto mortale: l’anoressia non è solo una delle malattie attualmente più diffuse tra le giovani, è diffusa anche tra gli adulti benpensanti che venerano in astratto la Vita, e poi cominciano a recintarla, organizzarla, limitarla. Cioè è anoressica anche la cultura dell’aborto e dei suicidi assistiti. È un paradosso volgere in alto lo sguardo trasognato e illuso, e perdere di vista ciò che abbiamo tra le mani – ciò che esiste nella carne.

Con la bulimia il risultato è il medesimo: si ingurgita tutto e si trattiene nulla. Anche in questo caso gli esempi si moltiplicano: la parola d’ordine, accompagnata da relativo motivetto musicale, è illimitatamente. Ci ho messo un bel po’ di minuti a convincere quella buon’anima dell’operatrice di un certo call-center che non me ne facevo niente di 500 minuti di conversazione al mese. Anche se era un’offerta, rispetto alla mia tariffa telefonica. È un’offerta abbondare di qualcosa che non è necessario? Ho trattato con molta gentilezza l’operatrice, ci mancherebbe; soprattutto perché lavorava di domenica. Illimitatamente, appunto. Ci si deve anche ingurgitare di lavoro a più non posso, per tirare a campare; a tutte le condizioni. E questo non è affatto nutriente per la vita, anzi è mortale quanto l’anoressia. Il corpo e la fisionomia umana scompaiono schiacciate tra le morse opposte dello smisurato eccesso e della crudele mancanza. Di cibo. Di gusto, di condivisione di quel bisogno fondamentale che è non la pura e semplice alimentazione, ma l’appetito. Il sentire appetito è la misura giusta: perché ci dice che abbiamo bisogno, e ci dice anche che abbiamo bisogno di qualcosa di buono. Proprio come nella beneamata e famosa pubblicità del cioccolatino (perché dietro i luoghi comuni c’è sempre qualcosa di vero). Ed è vero che il neutro non è un sapore che ci soddisfa.

Una dieta sana parte dal dato dell’appetito, non lo censura. Non parte da soluzioni campate per aria: che siamo in ordine alfabetico, a zona, o suddivise per colore. A dispetto delle apparenze, certi libri (cioè certe pure teorie) non danno risposte, e anche il libro più sacro se trattato da teoria non dà risposte. Ma quando Dio ha smesso di essere un libro e si è messo a camminare per il mondo, si è circondato di amici e ha condiviso con loro pane e vino.

Chi non parte dal fine corporeo delle cose è semplicemente uno snob, disse Chesterton e il suo Innocent Smith, protagonista di Uomovivo, sgretolò montagne di accademiche dissertazioni sul nulla, dando innanzitutto credito alla presenza fisica del suo corpo: «A quel tempo la filosofia imperante nelle scuole era un cupo nichilismo, che alimentò in lui un conflitto tra il corpo e lo spirito, ma era il corpo a essere nel giusto. Mentre il suo cervello accettava quella lugubre teoria, il corpo si ribellava a essa».

La convivialità è un atto di gratitudine e umiltà, l’antidoto all’idolatria privata e solitaria del proprio corpo. E la gratitudine e l’umiltà se stanno assieme, solitamente stanno agli antipodi degli eccessi. Solitamente stanno anche assieme all’ironia, che è un altro grande scudo contro la malattia. Sì, il corpo ci ricorda anche questo: che siamo un po’ ridicoli. Soprattutto a breve (?!?) quando andremo in spiaggia. E, proprio per questo, al diavolo la propaganda vessatoria sulla prova costume, io aspetto il prossimo post di Tommaso Farina.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Sofia Sarti scrive:

    Mia figlia, agli inizi di giugno è stata con la sua classe al santuario della Madonna della Bozzola a Garlasco (PV), e chi faceva da guida tra i vari miracoli successi in quella chiesa riportava quello di una ragazza, malata di anoressia, che aveva speso 120.000 euro per curarsi, senza successo. Poi si era rivolta alla Madonna della Bozzola ed era guarita. Racconto questo fatto vero per dire che non sempre il Signore fa il miracolo, e solo Lui sa perché, ma anche la medicina non sempre fa miracoli, anche se spendi 120.000 euro, e soprattutto se si tratti di anoressia

  2. mauro scrive:

    ma che bello questo articolo! bello, ironico, intelligente… e pieno di quella baldanza e letizia che ti dipingolo un sorriso salvifico sulla faccia!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

In casa Nissan si volta pagina: la Micra attuale va in pensione e lascia spazio a un nuovo modello molto più filante e sportivo che debutta a Parigi. Tre i motori a catalogo, due a benzina e uno diesel.

La nuova generazione della media sportiva nipponica può contare su di un’estetica estrema, degna di un tuner. Confermata la trazione anteriore, mentre il 2.0 turbo benzina potrebbe passare da 310 a 330 cv. Nelle concessionarie nella seconda metà del 2017.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana