Google+

L’In e l’Es di Giuseppe Maraniello

maggio 18, 2012 Mariapia Bruno

È un percorso costruito intorno a diversi linguaggi e dimensioni quello della mostra In-Es, da poco inaugurata presso la Lorenzelli Arte di Milano, dove resterà fino al 19 luglio, che vede come protagonista l’artista di fama internazionale Giuseppe Maraniello (Napoli 1945). Tra scultura, pittura e installazione le opere, che invadono le tre ampie sale della galleria, sintetizzano una ricerca basata sull’idea di contrapposizione e complementarietà, sulla dialettica di termini opposti – l’In dell’inspirare e l’Es dell’espirare – che contengono l’idea dell’equilibrio della vita. L’artista non fa altro che assorbire la realtà che lo circonda, metabolizzarla e restituirla attraverso le sue creazioni al mondo esterno.

Da questa premessa nascono allora sculture in bronzo, come la cilindrica Il gambo dei fiori, le opere a tecnica mista battezzate il più delle volte In-Es, e la creazione in micro mosaico, ferro e bronzo intitolata L’occhio di Narciso, realizzata – come tutte le altre – dall’accostamento di forme e segni immediatamente riconoscibili, ma spesso investiti da significati altri e difficilmente identificabili.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Santiago Hora scrive:

    All successful people, both men and women are big dreamers. They envision what his or her future could be, optimal in every respect, and then they work every day in the direction of their distant dream, that goal or purpose. Imagine it and then realize it.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana