Google+

Leonardo, Raffaello, Michelangelo: tutti in Brasile

luglio 25, 2013 Mariapia Bruno

Li conosciamo e li riconosciamo da lontano, di sfuggita, sono impressi nella nostra memoria, quasi in modo ancestrale: sono i grandi maestri del Rinascimento italiano, i nostri grandi maestri divenuti icone e modelli da imitare in tutto il mondo. Bravura, originalità, eccellenza, impegno, genialità sono le caratteristiche di artisti come Raffaello, Leonardo, Michelangelo e Tiziano, creature di stampo incondizionatamente italiano. E adesso le loro opere, già fiore all’occhiello dei più importanti musei del mondo, prendono il volo per San Paolo del Brasile, che fino al 23 settembre 2013 ospita la mostra intitolata I maestri del Rinascimento. Capolavori italiani.

 

E’ una sorta di viaggio nel tempo e un invito a conoscere le virtù artistiche italiane attraverso 57 capolavori tra cui spiccano L’Annunciata e L’angelo Annunciante di Giovanni Bellini, il Ritratto di Elisabetta Gonzaga di Raffaello Sanzio e Sant’Agostino nel suo studio di Sandro Botticelli. E ancora gli umbri Pinturicchio e Perugino, il milanese Marco D’Oggiono, il padovano di nascita Andrea Mantegna, i veneti Giorgione e Carpaccio. Un corpus di valore altissimo che una volta lasciata la città di San Paolo si sposterà a Brasilia dove resterà aperta dal 12 ottobre 2013 al 5 gennaio 2014.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Ravecca Massimo scrive:

    Bell’iniziativa. Leonardo e Michelangelo però erano più simili di quanto si pensi dal punto di vista artistico, e simile fu il loro volto nella piena maturità come si può scorgere paragonando l’Autoritratto di Leonardo con il ritratto di Michelangelo eseguito da Daniele di Volterra. Cfr. Ebook (amazon) di Ravecca Massimo. Tre uomini un volto: Gesù, Leonardo e Michelangelo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana