Google+

L’arte di guardarsi allo specchio

giugno 20, 2012 Mariapia Bruno

Ormai è consuetudine che lo spettatore diventi protagonista di un percorso espositivo. È invitato a toccare, a tastare l’oggetto, a sentire la materia dell’opera, a modificare lo scenario della mostra e, in certi casi, a entrare contatto diretto con l’artista. Ma all’interno della retrospettiva Look at you – Guardati, che aprirà il prossimo 27 giugno allo Spazio Borgogno di Milano (Ripa di Porta Ticinese 113), l’artista Chiara Dynys sceglie un modo diverso di coinvolgere il pubblico e decide di giocare con le sue percezioni visive. Ecco allora a cosa servono gli specchi posizionati sul fondo di quelle scatole trasparenti appese al muro che formano una sorta di microambiente espositivo: costringono il visitatore a un faccia a faccia con se stesso, risucchiandolo in un gioco di sdoppiamento che lo farà riflettere sull’inevitabile incompletezza della visione umana.

Oltre a questa moderna galleria degli specchi la mostra, che resterà aperta fino all’8 settembre 2012, presenterà due trittici a sportelli richiudibili, rivestiti da superfici specchianti nere, che recitano due motti apparentemente in contraddizione fra loro, Nulla cade nel vuoto e Nulla nel vuoto. Il loro significato è legato alla presenza dell’osservatore che rende tutto possibile, mentre tutto sarebbe vano se lui fosse assente.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. I’m the admin, why I don’t see the ‘Add Fan Box to your site’ option?

  2. Rex Gao scrive:

    I simply want to say I am just all new to blogging and site-building and absolutely enjoyed this blog site. Almost certainly I’m planning to bookmark your site . You surely have perfect articles. Thanks a lot for sharing your webpage.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana