Google+

La nobiltà del lavoro all’epoca della Serenissima

maggio 16, 2012 Mariapia Bruno

Un vecchio sarto che cerca di infilare il filo nella cruna dell’ago e non riuscendoci viene preso in giro da due giovani fanciulle (Il Sarto, Fausto Zonaro), un gruppo di tre generazioni di fabbri che apprendono il mestiere tra fatiche e sudori nella bottega di famiglia (I fabbri, Luigi Cima), una bella dama che siede sognante tra quadri, sculture e cimeli dentro quella che oggi sarebbe una galleria d’arte (La bottega dell’antiquario, Oreste da Molin), una scena di piazza di serena e umile semplicità dove delle bambine acquistano castagne da due giovani venditori (Le caldarroste, Antonio Paoletti), un calzolaio che prende le misure delle caviglie di una giovane popolana osservata maliziosamente da un garzone seduto alle loro spalle (Calzolaio, Antonio Rotta). Andrebbero passate in rassegna una per una le opere della mostra Nobiltà del lavoro. Arti e mestieri nella pittura veneta tra 800 e 900 che al Museo Nazionale di Villa Pisani di Stra (Venezia) ci racconta la vita lavorativa tra i secoli XIX e XX, attraverso le opere di una serie di artisti che scelgono come soggetto delle loro creazioni il popolo veneto intento nell’esercizio di attività quotidiane, tra le mura di casa o all’aperto, nel verde dei campi o nel caos cittadino.

«Ogni lavoro, anche filare il cotone, è nobile; il lavoro è l’unica cosa nobile» afferma in Passato e Presente lo scrittore Thomas Carlyle (1795 – 1881), un’espressione che ben sintetizza il messaggio della retrospettiva che, con un flashback di duecento anni, ci trasporta in un passato dove il lavoro, ancora non minato da un’economia quasi irreale e da termini stravaganti quali spread, default, Bund e Btp, era – oltre a una necessità – un valore morale che dava senso, misura e stabilità all’individuo e alla collettività. Attraverso le settanta opere in mostra ecco che prende vita un vero e proprio reportage sulla virtuosa operosità della gente che armata di fatica, solerzia, pazienza e, perché no, anche passione, diventa protagonista di una grande epoca, quella della industriosa nobiltà del “mestiere”. Visitabile dal 2 giugno al 4 novembre 2012.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana