Google+

In memoria dei desaparecidos

luglio 16, 2012 Mariapia Bruno

Durante il periodo di dittatura, dal 1964 al 1984, bambini, giovani, donne e uomini, sparirono nelle spietate carceri brasiliane senza lasciare alcuna traccia. Cancellati dalla faccia della terra, li ricordano coloro che vissero indirettamente quella tragica e indelebile esperienza a cui dal 21 settembre scorso, dopo due anni di polemiche e dibattiti, si cerca di fare luce, dopo l’approvazione da parte della Camera dei Deputati brasiliana dell’istituzione della “Comissão da Verdade” che il compito di «esaminare e chiarire le gravi violazioni dei diritti umani» e di «rendere effettivo il diritto alla memoria e alla verità storica e permettere la riconciliazione nazionale». Verdade, che significa verità, è anche il titolo di una mostra che nasce da questa triste storia e che, dal prossimo 28 luglio e fino al 2 settembre, presenterà negli spazi della Canonica della Certosa di San Giacomo a Capri 27 opere inedite di Roberto Coda Zabetta (Biella 1975).

Si tratta di Tables – opere di piccolo formato, con cornici settecentesche in cui sono incastonati oggetti di uso comune o religiosi, reliquie appartenute a questi desaparecidos – e di Escudos – dipinti di grande formato realizzati su vecchi tessuti che rappresentano una serie di volti simili, visi universali che raccontano di una speranza che non si lascia uccidere nemmeno dalla morte. Una volta conclusa in Italia, la retrospettiva partirà alla volta di Rio de Janeiro, dove dal 29 settembre al 2 novembre 2012, toccherà da vicino il pubblico del Mac – Museu de Arte Contemporânea de Niterói.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Tempi Motori – a cura di Red Live

"Se non usi la pala non giri": è la legge del park, dove i ragazzi non imparano solo a whippare, ma anche ad avere cura rispetto per quello che è il loro parco giochi. Da oggi avranno una nuova casa. A Maggiora

Dedicata esclusivamente alla pista, l’hypercar inglese adotta un V12 7.0 aspirato da 800 cv. Monoscocca e carrozzeria integralmente in carbonio.

L’erede di 458 Spider condivide il V8 3.9 biturbo da 670 cv e 760 Nm con 488 GTB. Scatta da 0 a 100 km/h in 3,0 secondi, eguagliando il tempo della versione “chiusa”.

La nuova crossover media francese abbina l’estetica della piccola Captur alla meccanica della “cugina” Nissan Qashqai. Disponibile in versione sia 2WD sia 4WD, sostituisce la sfortunata Koléos e mira a conquistare anche i mercati emergenti

Elettrica e a guida autonoma, la prima vettura della Mela potrebbe adottare la scocca in CFRP della BMW i3. Debutto atteso nel 2020.

Speciale Nuovo San Gerardo