Google+

In memoria dei desaparecidos

luglio 16, 2012 Mariapia Bruno

Durante il periodo di dittatura, dal 1964 al 1984, bambini, giovani, donne e uomini, sparirono nelle spietate carceri brasiliane senza lasciare alcuna traccia. Cancellati dalla faccia della terra, li ricordano coloro che vissero indirettamente quella tragica e indelebile esperienza a cui dal 21 settembre scorso, dopo due anni di polemiche e dibattiti, si cerca di fare luce, dopo l’approvazione da parte della Camera dei Deputati brasiliana dell’istituzione della “Comissão da Verdade” che il compito di «esaminare e chiarire le gravi violazioni dei diritti umani» e di «rendere effettivo il diritto alla memoria e alla verità storica e permettere la riconciliazione nazionale». Verdade, che significa verità, è anche il titolo di una mostra che nasce da questa triste storia e che, dal prossimo 28 luglio e fino al 2 settembre, presenterà negli spazi della Canonica della Certosa di San Giacomo a Capri 27 opere inedite di Roberto Coda Zabetta (Biella 1975).

Si tratta di Tables – opere di piccolo formato, con cornici settecentesche in cui sono incastonati oggetti di uso comune o religiosi, reliquie appartenute a questi desaparecidos – e di Escudos – dipinti di grande formato realizzati su vecchi tessuti che rappresentano una serie di volti simili, visi universali che raccontano di una speranza che non si lascia uccidere nemmeno dalla morte. Una volta conclusa in Italia, la retrospettiva partirà alla volta di Rio de Janeiro, dove dal 29 settembre al 2 novembre 2012, toccherà da vicino il pubblico del Mac – Museu de Arte Contemporânea de Niterói.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un pantaloncino, una maglia e un giacchino antivento accomunati da materiali tecnologici e soluzioni votate al comfort e alla praticità. Comincia con il piede giusto l'ingresso di Karpos nel mondo della Mtb.

La sportiva nipponica raccoglierà l’eredità delle coupé RX-7 ed RX-8 adottando un motore turbo a combustione interna di tipo rotativo. Potrà contare su 400 cv e un peso inferiore a 1.300 kg. Il debutto è atteso nel 2020.

Nell'era del SUV, il Multivan propone un approccio al trasporto che può apparire desueto e che invece, per comfort e funzionalità, è attualissimo. Alti i prezzi, come del resto la qualità del viaggio

Tubazioni italiane in Al 7000 per il nuovo telaio scatto fisso made in Deda. Sarà presentato all'Eurobike e porterà in dote forcella Carbon/Alloy, sterzo tapered e possibilità di verniciatura custom.

Realizzata in collaborazione con il team Red Bull, è quanto di più simile a una Formula 1. Omologata per la circolazione stradale, adotta un V12 da 1.000 cv e pesa 1.000 kg. L’aerodinamica è da monoposto. Debutterà nel 2018 e costerà oltre 2 milioni di euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana